WritersMagazine
Credits | Contatti | Invio dattiloscritti | Creare un link


Articolo polemico sulle scuole di scrittura...


Nuova discussione   Rispondi
« Precedente :: Successivo »  
Autore Messaggio
luc



Registrato: 01-04-2005 15:08
Messaggi: 174

MessaggioInviato: Dom 19 Set 2010 13:51    Oggetto: Articolo polemico sulle scuole di scrittura... Cita

http://www.ilgiornale.it/cultura/consigli_non_scrivere_grandissimo_romanzo/19-09-2010/articolo-id=474315-page=0-comments=1
Top
Profilo Messaggio privato HomePage
umberto.nobili



Registrato: 04-11-2008 13:14
Messaggi: 62

MessaggioInviato: Dom 19 Set 2010 13:56    Oggetto: Cita

Non è un articolo polemico sulle scuole di scrittura, come dici. E' un articolo polemico sulla Scuola Holden, ed è ben diverso.

Tra l'altro, approvo in pieno: la scuola Holden campa perché c'è Baricco che è famoso e tutti pendono dalle sue labbra, ma poi sono sciatti e approssimativi. Basti dire che spesso nei loro corsi i tutor sono alunni dell'anno prima, che non hanno mai pubblicato niente!
Che diavolo possono insegnare?

Come sempre, meglio diffidare del nome altisonante che sa fare public relations ma poi se ne frega di dare un vero servizio agli iscritti.
CIAO
Top
Profilo Messaggio privato
Heian



Registrato: 13-09-2005 11:46
Messaggi: 1107

MessaggioInviato: Dom 19 Set 2010 15:28    Oggetto: Cita

Sono d'accordo riguardo la scuola Holden, ma ho letto l'articolo e mi pare che pecchi un po' di arroganza. I consigli riportati dall'articolo d'altronde sono sensati. Poi è normale che nella letteratura ci sono (e ci saranno sempre) le eccezioni, ma ciò non diminuisce la validità di certi suggerimenti.
_________________
Leonardo P.
"La Guida 2011 agli editori che ti pubblicano":
http://www.delosstore.it/delosbooks/scheda.php?id=37812
Top
Profilo Messaggio privato
Luca Di Gialleonardo



Registrato: 01-01-1970 02:00
Messaggi: 2258
Località: Anagni (FR)

MessaggioInviato: Dom 19 Set 2010 15:54    Oggetto: Cita

Mi sembra un articolo assurdo scritto da qualcuno che non ha voglia di imparare e si crede un genio incompreso. I consigli che hanno riportato sono tutti validissimi e da seguire. Che senso ha tirare in ballo Kafka o altri grandi della letteratura? Solo i veri grandi possono superare quei consigli e possono farlo proprio perché sono grandi. E proprio infrangendo le regole con maestria dimostrano di essere geni.
Ma anche un bravo scrittore (bravo, non genio) dovrebbe evitare di fare di testa propria per evitare di scrivere mediocrità.

Ciao
Luca
_________________
Luca Di Gialleonardo

www.lucadj.com
www.lafratellanzadelladaga.it
Top
Profilo Messaggio privato HomePage
zanzara001



Registrato: 21-12-2010 12:32
Messaggi: 10

MessaggioInviato: Ven 07 Gen 2011 16:40    Oggetto: Cita

La mia religione mi vieta di leggere qualsiasi cosa provenga da IL GIORNALE...

sorry..
Smile
Top
Profilo Messaggio privato
alberto sodani



Registrato: 01-01-1970 02:00
Messaggi: 1697
Località: Roma

MessaggioInviato: Sab 08 Gen 2011 00:39    Oggetto: Cita

A me è sembrato solo un articolo, forse scritto con rabbia, ma è un punto di vista come un altro. Il libro citato sarebbe stato più interessante scritto da editor e editori italiani per "noi" eterni e italici emergenti, il pragmatismo d'oltreoceano a volte si perde su inezie. Essere pragmatici non è sbagliato ma non basta. Le idee, i sogni, magari farebbero la differenza e chi è del settore capisce da solo, è il suo lavoro.

E poi finisce sempre lì, l'unico modo per imparare a scrivere, è scrivere scrivere scrivere... Very Happy
_________________
Alberto Sodani

detto il paratattico, (da qualche parte, qui nel forum)
fatti non foste a viver come bruti...
Festina lente...
Top
Profilo Messaggio privato
Efriel



Registrato: 20-11-2010 16:23
Messaggi: 9
Località: lombardia

MessaggioInviato: Dom 16 Gen 2011 17:30    Oggetto: Cita

alberto sodani ha scritto:
A me è sembrato solo un articolo, forse scritto con rabbia, ma è un punto di vista come un altro. Il libro citato sarebbe stato più interessante scritto da editor e editori italiani per "noi" eterni e italici emergenti, il pragmatismo d'oltreoceano a volte si perde su inezie. Essere pragmatici non è sbagliato ma non basta. Le idee, i sogni, magari farebbero la differenza e chi è del settore capisce da solo, è il suo lavoro.

E poi finisce sempre lì, l'unico modo per imparare a scrivere, è scrivere scrivere scrivere... Very Happy


Perdona ma non concordo con la tua chiusura: l'unico modo per imparare a scrivere è aver qualcosa da dire,non scrivere scrivere scrivere.
Daniele
_________________
Sei nel mio respiro
Top
Profilo Messaggio privato Invia email HomePage MSN Messenger
alberto sodani



Registrato: 01-01-1970 02:00
Messaggi: 1697
Località: Roma

MessaggioInviato: Lun 17 Gen 2011 08:38    Oggetto: Cita

Efriel ha scritto:
alberto sodani ha scritto:
A me è sembrato solo un articolo, forse scritto con rabbia, ma è un punto di vista come un altro. Il libro citato sarebbe stato più interessante scritto da editor e editori italiani per "noi" eterni e italici emergenti, il pragmatismo d'oltreoceano a volte si perde su inezie. Essere pragmatici non è sbagliato ma non basta. Le idee, i sogni, magari farebbero la differenza e chi è del settore capisce da solo, è il suo lavoro.

E poi finisce sempre lì, l'unico modo per imparare a scrivere, è scrivere scrivere scrivere... Very Happy


Perdona ma non concordo con la tua chiusura: l'unico modo per imparare a scrivere è aver qualcosa da dire,non scrivere scrivere scrivere.
Daniele


Tranquillo, stiamo solo ragionando. E parlando dei mezzi per raggiungere la scrittura, che sottintende avere qualcosa da dire.
Altrimenti non scriveremmo. Very Happy

Ciao. Alberto
_________________
Alberto Sodani

detto il paratattico, (da qualche parte, qui nel forum)
fatti non foste a viver come bruti...
Festina lente...
Top
Profilo Messaggio privato
Elyria



Registrato: 01-01-1970 02:00
Messaggi: 756
Località: Versilia

MessaggioInviato: Lun 17 Gen 2011 22:10    Oggetto: Cita

Credo che aver qualcosa da dire non sia la stessa cosa di saperlo esprimere. Ovvio però che le due cose siano sinergiche Very Happy .
Top
Profilo Messaggio privato HomePage
Efriel



Registrato: 20-11-2010 16:23
Messaggi: 9
Località: lombardia

MessaggioInviato: Mer 19 Gen 2011 02:55    Oggetto: Cita

paolino66 ha scritto:
Efriel ha scritto:
non concordo con la tua chiusura: l'unico modo per imparare a scrivere è aver qualcosa da dire

Io non concordo con la tua discordanza. A mio parere, avere qualcosa da dire è come prefiggersi di scalare una montagna. Per riuscire non basta volerlo: devi imparare ad arrampicarti e allenarti, altrimenti non arriverai mai.

Paolo


Non sono daccordo.prefiggersi di scalare una montagna è scrivere,saperlo fare è aver qualcosa da dire.Ciò che è trama,poesia racconto, spinta interna che bussa e VUOLE esser stesa,questi sono i mezzi.O forse io ho una visione troppo romantica della scrittura.
Ef
_________________
Sei nel mio respiro
Top
Profilo Messaggio privato Invia email HomePage MSN Messenger
Efriel



Registrato: 20-11-2010 16:23
Messaggi: 9
Località: lombardia

MessaggioInviato: Mer 19 Gen 2011 02:56    Oggetto: Cita

Kinzica ha scritto:
Credo che aver qualcosa da dire non sia la stessa cosa di saperlo esprimere. Ovvio però che le due cose siano sinergiche Very Happy .


Certo Smile
_________________
Sei nel mio respiro
Top
Profilo Messaggio privato Invia email HomePage MSN Messenger
Luca Romanello



Registrato: 01-01-1970 02:00
Messaggi: 2621
Località: Carmagnola - Torino

MessaggioInviato: Mer 19 Gen 2011 07:46    Oggetto: Cita

Efriel ha scritto:
paolino66 ha scritto:
Efriel ha scritto:
non concordo con la tua chiusura: l'unico modo per imparare a scrivere è aver qualcosa da dire

Io non concordo con la tua discordanza. A mio parere, avere qualcosa da dire è come prefiggersi di scalare una montagna. Per riuscire non basta volerlo: devi imparare ad arrampicarti e allenarti, altrimenti non arriverai mai.

Paolo


Non sono daccordo.prefiggersi di scalare una montagna è scrivere,saperlo fare è aver qualcosa da dire.Ciò che è trama,poesia racconto, spinta interna che bussa e VUOLE esser stesa,questi sono i mezzi.O forse io ho una visione troppo romantica della scrittura.
Ef


Rimanendo in ambito montano, tu scaleresti l'Everest o il K2 senza scarponi, piccozza e funi? Senza aver mai scalato nessun'altra montagna? Senza aver mai fatto acclimatamento a quote più basse? Senza prima pianificare il percorso? Credo che questi siano i mezzi che ti servono per raggiungere la cima (e lo dico da totale ignorante in materia).
Sono d'accordo che se non hai la spinta che ti arriva da dentro probabilmente ti fermi prima di metà strada, ma se non hai un po' di allenamento non arrivi nemmeno lì.
Analogamente, io posso avere l'idea di scrivere un romanzo che parli di determinate cose, ma se non ho fatto sufficiente allenamento scrivendo e confrontandomi con altri, finirò per non arrivare al termine o ci arriverò senza risultare all'altezza dell'idea che voglio trasmettere (per esempio senza caratterizzare bene i miei personaggi, o infarcendo tutto di errori di grammatica, o ancora scrivendo benissimo alcune parti e malissimo altre, purtroppo sono più i modi di rovinare uno scritto che non quelli di renderlo godibile...).
Parere personale e opinabilissimo, sia chiaro... Wink
_________________
Luca Romanello
"Via di fuga"
"Veleno dentro"
KENDALEN.net
Top
Profilo Messaggio privato HomePage
Mostra prima i messaggi di:   
Nuova discussione   Rispondi    Torna a Indice principale :: Torna a Siti interessanti Tutti i fusi orari sono GMT + 2 ore
Pagina 1 di 1

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuove discussioni in questo forum
Non puoi rispondere alle discussioni in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum