WritersMagazine
Credits | Contatti | Invio dattiloscritti | Creare un link


Il volto di Lisa - Fiorella Borin


Vai a pagina 1, 2  Successivo
Nuova discussione   Rispondi
« Precedente :: Successivo »  
Autore Messaggio
kikibel



Registrato: 10-01-2011 18:31
Messaggi: 51
Località: Venezia e Milano

MessaggioInviato: Mar 15 Feb 2011 01:35    Oggetto: Il volto di Lisa - Fiorella Borin Cita

Il volto di Lisa

Benché un decreto universale del 2089 lo vietasse, giudicando inammissibile lo spreco di carta e grafite, Mirk impugnò ugualmente la matita e cominciò a tracciare dei segni sul foglio. Se fosse stato scoperto a utilizzare mezzi così dispendiosi e antiquati, forse avrebbe perso il posto di Disegnatore Proto ai lavori della ricostruenda Venezia, spazzata via dallo tsunami del 2075. Ma l’immagine gli si era imposta con un’intensità così struggente da togliergli il respiro, e reclamava una fisicità diversa dall’asettica videopittura.
Lasciò scorrere la matita sul foglio e gli sembrò che addirittura scivolasse, tanto andava veloce. Chiuse gli occhi meravigliandosi di sentire la mano muoversi sicura, come se non avesse bisogno di essere guidata dalla vista. Li riaprì solo quando sentì le dita perdere la presa sulla matita, che cadde a terra con un rumore secco, definitivo.
Sul foglio c’era un volto di donna, giovane, triste e bellissima. Un viso così realistico e irrimediabilmente antico...
Top
Profilo Messaggio privato
Salvatore Stefanelli



Registrato: 28-02-2007 22:31
Messaggi: 9441
Località: Napoli

MessaggioInviato: Mar 15 Feb 2011 09:25    Oggetto: Cita

Chi sarà mai? Forse la donna della sua vita?
Brava.
_________________
Tace la notte, piena di parole, al vento gelido del nord. Le stelle vibrano nel buio e l'anima non sembra più così sola. Ti parlo, Vuoto, perché tu possa riempirti d'amore.

Vorrei camminare per il mondo, nudo, e sentirmi vestito di Creato.
Top
Profilo Messaggio privato Invia email
Alain Voudi'



Registrato: 01-01-1970 02:00
Messaggi: 4107

MessaggioInviato: Mar 15 Feb 2011 13:40    Oggetto: Re: Il volto di Lisa - Fiorella Borin Cita

kikibel ha scritto:
Venezia, spazzata via dallo tsunami del 2075.

oh, ma ce l'abbiamo tutti con Venezia, da queste parti? Anche il mio "Salvate Venezia" la vedeva affondare (e recuperare)! Povera Venezia! Wink
_________________
Alain

Leggi Trainville!
Top
Profilo Messaggio privato Invia email
Reginaginevra



Registrato: 22-08-2010 16:14
Messaggi: 17

MessaggioInviato: Mar 15 Feb 2011 14:49    Oggetto: Cita

Bello... E' la Gioconda?
Top
Profilo Messaggio privato
mattalaine



Registrato: 01-01-1970 02:00
Messaggi: 1024
Località: Melbourne

MessaggioInviato: Mar 15 Feb 2011 15:06    Oggetto: Re: Il volto di Lisa - Fiorella Borin Cita

Alain Voudì ha scritto:
kikibel ha scritto:
Venezia, spazzata via dallo tsunami del 2075.

oh, ma ce l'abbiamo tutti con Venezia, da queste parti? Anche il mio "Salvate Venezia" la vedeva affondare (e recuperare)! Povera Venezia! Wink


ah, ma se è solo per questo, diversi anni fa ho pubblicato un racconto ambientato in una Venezia totalmente sommersa! Very Happy Very Happy Very Happy
http://www.clubghost.it/articoli/p/proghomagg01/13frammenti/tredici.htm

comunque l'incipit non mi sembra male e l'info su Venezia distrutta è buttata li con sufficiente nonchalance. Smile
_________________
Matteo Gambaro
lagunaweblog.wordpress.com
Top
Profilo Messaggio privato HomePage
kikibel



Registrato: 10-01-2011 18:31
Messaggi: 51
Località: Venezia e Milano

MessaggioInviato: Mar 15 Feb 2011 15:49    Oggetto: Cita

Grazie per avermi letta e commentata Smile
Vedo che i veneziani sono anche qua sul WMI e me ne rallegro, visto che ci danno ormai come una specie in via di estinzione Wink

Alain: ho letto e commentato il tuo incipit, che mi è piaciuto un sacco Smile

Matteo: eh, la nonchalance nasconde il doverosos sfregamento di amuleti...

Salvatore e Regina: no, non è la donna della sua vita e neanche Monna Lisa, ma la sposa di un altro uomo e l'incarnazione di un altro tempo, sopravvissuta all'oblio in un'antica leggenda nera veneziana. Proprio questa leggenda mi ha ispirato il racconto Evil or Very Mad Wink
Top
Profilo Messaggio privato
mattalaine



Registrato: 01-01-1970 02:00
Messaggi: 1024
Località: Melbourne

MessaggioInviato: Mar 15 Feb 2011 15:54    Oggetto: Cita

kikibel ha scritto:
Grazie per avermi letta e commentata Smile
Vedo che i veneziani sono anche qua sul WMI e me ne rallegro, visto che ci danno ormai come una specie in via di estinzione Wink

Alain: ho letto e commentato il tuo incipit, che mi è piaciuto un sacco Smile

Matteo: eh, la nonchalance nasconde il doverosos sfregamento di amuleti...


e in parte è vero: pur venezianissimo da diverse generazioni (io zona Arsenale, voi?) ti scrivo da Torino! Very Happy

comunque non siamo certo i primi a scrivere di Venezia sommersa
Pestriniero e Della Corte avevano dato alle stampe un'antologia a metà anni '90 che conteneva un racconto (non ricordo di quale dei 2 scrittori) proprio con quell'ambientazione

PS sfreghiamo... sfreghiamo... sfrego anche io! Very Happy
_________________
Matteo Gambaro
lagunaweblog.wordpress.com
Top
Profilo Messaggio privato HomePage
mjolneer



Registrato: 22-12-2004 15:44
Messaggi: 861
Località: Tivoli

MessaggioInviato: Mar 15 Feb 2011 16:05    Oggetto: Cita

Ciao Fiorella, sono proprio curioso di leggere il seguito.
Guarda caso, sarà il periodo, ma proprio la settimana scorsa pure io ho scritto un racconto ambientato a Venezia...
Very Happy
_________________
C'era una volta un re, il mio nuovo libro per ragazzi
Top
Profilo Messaggio privato HomePage Yahoo Messenger MSN Messenger
Alain Voudi'



Registrato: 01-01-1970 02:00
Messaggi: 4107

MessaggioInviato: Mar 15 Feb 2011 22:09    Oggetto: Cita

mattalaine ha scritto:
comunque non siamo certo i primi a scrivere di Venezia sommersa


l'idea per il mio racconto era venuta durante un viaggio in vaporetto in una nebbia tale da non vedere da una sponda all'altra del Canal Grande.
Proprio come fosse andata smarrita Smile

p.s. io lavoro a pochi passi da piazza San Marco, ma non sono di Venezia.
_________________
Alain

Leggi Trainville!
Top
Profilo Messaggio privato Invia email
ReBacca



Registrato: 02-09-2009 19:47
Messaggi: 1217
Località: Milano

MessaggioInviato: Mar 15 Feb 2011 22:29    Oggetto: Cita

Very Happy originale!
Top
Profilo Messaggio privato HomePage
kikibel



Registrato: 10-01-2011 18:31
Messaggi: 51
Località: Venezia e Milano

MessaggioInviato: Mer 16 Feb 2011 13:00    Oggetto: Cita

Grazie mille, miei cari e preziosi commentatori Smile

Luigi: contentissima che anche tu scriva di Venezia!

Da brava veneziana doc (abito in un'isola) guardo con preoccupazione a questo inquietante e snervante susseguirsi di acque alte, e non nascondo che spesso mi chiedo quando avverrà l'ultima e definitiva inondazione Crying or Very sad

(Ah, conosco di persona Renato Pestriniero: in più di qualche occasione le nostre strade letterarie si sono incrociate e sono una sua ammiratrice, sia come uomo che come scrittore Smile )

Ciao belli Exclamation
Top
Profilo Messaggio privato
mm.grazia



Registrato: 20-01-2009 22:06
Messaggi: 366

MessaggioInviato: Gio 17 Feb 2011 20:17    Oggetto: Cita

Bello come sempre, e devo ammettere che mi piace molto leggerti quando parli d'arte. Wink M'incuriosisce molto, incrocio le dita per te.
E, da abitante di un'altra Repubblica Marinara, mi auguro che l'inondazione che paventi non avvenga mai!
Top
Profilo Messaggio privato
sgerwk



Registrato: 13-05-2009 16:27
Messaggi: 184

MessaggioInviato: Gio 17 Feb 2011 21:58    Oggetto: Cita

Interessante e scritto bene.

Non c'entra con il racconto, ma non mi convince del tutto l'idea che nel 2092 (o quand'e'...) non dispongano di qualche strumento che emuli in tutto e per tutto una matita su un foglio di carta. L'idea in se' che lui il disegno lo puo' fare in quel modo mi da' l'idea di un certo tipo di Luddismo strisciante nella fantascienza pulp (esempio tipico: il robot che impazzisce e uccide lo scienziato che l'ha creato). Poi, come dicevo, l'idea non mi convince del tutto, ma ci si puo' anche stare.
Top
Profilo Messaggio privato HomePage
kikibel



Registrato: 10-01-2011 18:31
Messaggi: 51
Località: Venezia e Milano

MessaggioInviato: Ven 18 Feb 2011 01:23    Oggetto: Cita

@ my sweet Michela! Grazie mille per la lettura e il tuo affettuoso incoraggiamento Smile . Eh sì, parlo spesso di arte: una di queste mattine si compirà la mia metamorfosi in pinacoteca ambulante Laughing
Spero che il tuo augurio mi porti fortuna e porti fortuna a Venezia. Inutile dirti che tra le repubbliche marinare la mia preferita è Amalfi (e non solo perché veneziani e amalfitani non si sono mai menati Wink ). Ciao bella, spero di leggerti presto, un bacio Smile

@ sgewerk: grazie mille anche a te (ma niente bacetto, eh, mica ti chiami Michela, tu Wink ). Devo dire che sul fatto della carta e della matita hai sicuramente ragione; e se questo fosse un racconto di fantascienza in senso stretto, avresti ragionissima.
Però.
Però in questo racconto carta e matita sono il tramite che consente al protagonista di entrare in contatto psichico con un disegnatore vissuto molti secoli prima, e che appunto solo carta e matita poteva usare.
Non voglio anticipare troppo della trama; comunque, come ho detto sopra, il nucleo centrale è una leggenda nera veneziana che riemerge proprio grazie all'uso di un mezzo espressivo antiquato (e proibito dalla legge) come il disegno su carta. Tieni presente che il protagonista disegna a occhi chiusi, come se fosse guidato da una forza arcana.
Per fare un esempio: se un violinista fra cento anni trovasse uno Stradivari e si trovasse in un particolare stato emotivo, suonandolo potrebbe FORSE eseguire un capriccio inedito di Paganini. Non potrebbe invece eseguirlo se gli mettessero davanti una trombonazza elettronica con altoparlanti incorporati, minimaxicatodici, stroboscopici e fluorescenti Shocked
(Quasi quasi vado a scrivere 'sta storia della trombonazza...
Twisted Evil )

Ciao e grazie Smile
Top
Profilo Messaggio privato
karim



Registrato: 03-06-2007 10:42
Messaggi: 84

MessaggioInviato: Ven 18 Feb 2011 03:55    Oggetto: Cita

kikibel ha scritto:
se un violinista fra cento anni trovasse uno Stradivari e si trovasse in un particolare stato emotivo, suonandolo potrebbe FORSE eseguire un capriccio inedito di Paganini.


Bella l'idea del violinista! C'è una scena tagliata di "Frankesnstain junior" che richiama questa idea Smile Razz http://www.youtube.com/watch?v=Nalk5fIK-VI Laughing Laughing Laughing
Top
Profilo Messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   
Nuova discussione   Rispondi    Torna a Indice principale :: Torna a SPECIALE SF PER LA WMI Tutti i fusi orari sono GMT + 2 ore
Vai a pagina 1, 2  Successivo
Pagina 1 di 2

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuove discussioni in questo forum
Non puoi rispondere alle discussioni in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum