WritersMagazine
Credits | Contatti | Invio dattiloscritti | Creare un link


I COMMENTI AI RACCONTI PUBBLICATI NELL'ANTOLOGIA


Vai a pagina Precedente  1, 2, 3, ... 21, 22, 23  Successivo
Nuova discussione   Rispondi
« Precedente :: Successivo »  
Autore Messaggio
giurista81



Registrato: 31-07-2009 18:34
Messaggi: 228
Località: Tirrenia (PI)

MessaggioInviato: Ven 30 Lug 2010 18:08    Oggetto: Cita

Dunque, posto anche io qualche minicommento, anche se ho molti racconti da leggere.

Concordo con chi afferma che ci sono molti racconti ripetitivi (non è però una colpa dei curatori, perché eliminare un simile imprevisto era quasi del tutto impossibile); è anche vero che ci sono molti testi che costituiscono meri esercizi di stile, ruotando attorno alla descrizione di un atto sessuale e null'altro (talvolta narrato in modo volgare). Ciò detto, tuttavia, ci sono anche alcuni gioiellini che ho particolarmente apprezzato e tra questi:

- CLIO (13 marzo) di Lastrucci. Molto bello (per ora è il mio preferito);
- UN TUFFO TI PREGO (5 giugno) di Corà.
- Letizia la collezionista (18 giugno) Teodorani.
- il racconto di Luceri, che non trovo in questo momento.


Ultima modifica di giurista81 il Ven 30 Lug 2010 18:10, modificato 1 volta in totale
Top
Profilo Messaggio privato
giurista81



Registrato: 31-07-2009 18:34
Messaggi: 228
Località: Tirrenia (PI)

MessaggioInviato: Ven 30 Lug 2010 18:09    Oggetto: Cita

m_iller ha scritto:


È un libro che va letto con calma.



Concordo!
Top
Profilo Messaggio privato
umberto.nobili



Registrato: 04-11-2008 13:14
Messaggi: 62

MessaggioInviato: Ven 30 Lug 2010 21:25    Oggetto: Cita

Erika Muscarella ha scritto:
(...) non tutto è da buttare (...)


Ho voluto evidenziare questa frase di Erika perché non so se mi fa ridere, piangere o inc...are. Non per Erika, attenzione, ma per il fatto stesso che sia "costretta" a scrivere una cosa del genere.

Non tutto è da buttare? E lo dice con buona fede, per dire, ma no, suvvia, non siate così cattivi, alla fine qualcosina di bello in questo libro c'è... e si dà da fare per evidenziare qualcosa che secondo lei è buono, oltre a dare delle giustificazioni sul perché l'antologia in fondo non è malaccio.

Ringrazio Erika perché mi dà la possibilità di dire a tutti: ma state scherzando? Ma di che cavolo parlate? State commentando un libro che non ha paragoni nel mondo editoriale e ve ne venite fuori con scemenze del tipo (per citare un po' da tutti quelli che stanno commentando negativamente) "la qualità dei racconti non è il massimo", "manca l'originalità", "la colpa è degli autori che non sono originali", "la colpa è dei curatori che hanno allargato le magile" e fesserie simili?

Ma di che state parlando? Ma con quali altri libri state facendo paragoni? Datemi degli esempi di opere ciclopiche come questa che invece hanno soddisfato i vostri esigentissimi palati, per cortesia. Ma quando mai? Quale editore si è messo per mesi a leggere migliaia di racconti per selezionarne con difficoltà la bellezza di 365? Ogni opera dovrebbe essere paragonata ad altre, per poterne derivare dei giudizi di massima, e in questo caso non c'è nient'altro nel mondo editoriale con cui poter fare paragoni. Questo dovrebbe bastare a fare capire che razza di libro è questa antologia.

Dopodiché ci vorrebbe un po' di buonsenso e pensare a quello che detto Miller (credo): se si leggono 20 racconti brevi sull'eros uno dietro l'altro, certo che argomenti, termini e suggestioni possono sembrare ripetitivi. E ci mancherebbe. Provate a leggere 365 racconti horror uno dietro l'altro e poi ne riparliamo. O 365 racconti d'amore.
Come si è detto, qui c'è un racconto al giorno per un anno. Andrebbero letti e digeriti così, anche se evidentemente non è possibile farlo. Ma il lavoro che si percepisce dietro a questo libro è pazzesco, e mi pare assurdo che siano proprio degli autori a mettersi a fare i raffinati e a dare giudizi con la puzza sotto il naso.

Ripeto, ma di che parlate? Io sono stato escluso dall'antologia, per un soffio, però l'ho presa e la sto leggendo e regalando in giro, e non ho ancora ricevuto un mezzo commento negativo. Tutti capiscono quanto sia strabiliante quest'opera.

Se volete fare commenti negativi, allora fatelo sui singoli racconti che non vi piacciono, questo sì avrebbe senso. Che diavolo significa dire che ci sono 46 "turgido" in un libro sull'eros di 380 pagine? Vi sembrano tanti? Ma scherzate? Prendete Histoir d'O e leggete quante volte è ripetuta la parola, e vedrete che forse ce ne sono di più. E quello è un romanzo scritto da un singolo autore. Non si tratta di 365 teste diverse che hanno creato 365 mondi diversi ignorando completamente quello che facevano gli altri. Che cosa avrebbero dovuto fare i curatori, secondo voi, che siete così illuminati? Mettersi a contare tutti i termini ripetuti e cambiare con sinonimi quando possibile? O magari si sono concentrati sui singoli racconti per renderli coerenti e migliori possibili in se stessi?
Io propendo per questa seconda ipotesi.

E ora la finisco. Scusate lo sfogo ma mi sono davvero girate.
Mi auguro che i criticoni che qui lanciano invettive e fanno i primi della classe abbiano il buon gusto di non partecipare alle prossime selezioni, se mai Delos Books decidesse di partire con un'altra antologia.
Certo che io, al posto loro, dopo aver letto certi commenti postati qui lascerei perdere. E allora addio possibilitàdi pubblicare in modo così serio e professionale per noi esordienti. Resterebbero gli editori a pagamento, che ci dicono quanto siamo belli, bravi e geniali... purché cacciamo il grano e ignoriamo il fatto che non ci legge nessuno.

CIAO!
Top
Profilo Messaggio privato
Manuela



Registrato: 21-07-2006 11:24
Messaggi: 957

MessaggioInviato: Ven 30 Lug 2010 21:56    Oggetto: Cita

Io sto leggendo l'antologia.
E me la sto "godendo" con calma, come qualcuno ha giustamente qui scritto, prima di me.
C'è un mondo infinito dietro ogni singolo racconto e apprezzo ogni singolo racconto perché, appunto, mi regala una parte di "mondo".
Sono orgogliosa di essere in questa antologia, come non mi è mai capitato finora.
Sono felice di poter leggere anche il mio nome insieme a quello di scrittori affermati e autori esordienti che ritengo bravissimi. E ringrazio la Delos e Franco Forte per la grande opportunità che mi hanno dato.
Certo, come capita spesso, non tutti i racconti sono di mio assoluto gradimento ma non c'è niente - niente - che sia fuori posto.
Nemmeno una parola.
Concordo in pieno con quel che ha scritto Umberto.
Ho polverizzato le mie dieci copie e tutti quelli che l'hanno avuta sono estremamente entusiasti della lettura.
E non credo proprio che lo siano o mi dicano di esserlo solo perché una delle 380 pagine è firmata da me...
_________________
Manuela Costantini
Top
Profilo Messaggio privato
Erika Muscarella



Registrato: 20-07-2009 21:43
Messaggi: 147

MessaggioInviato: Ven 30 Lug 2010 22:23    Oggetto: Cita

Mi rivolgo a Umberto, che ha citato il mio intervento.

In realtà sono dell'idea che un prodotto, un qualsiasi prodotto editoriale, abbia tutto il diritto di essere recensito come meglio crede il lettore. Non vedo perché Valentina e chiunque altro abbia fatto commenti personali sui racconti non debba dire ciò che pensa. Tra l'altro chi si è espresso lo ha fatto possedendo i requisiti per farlo. Con questo, bisogna effettivamente ricordare che, per tanti racconti che possono non essere stati di nostro gusto, ce ne sono altrettanti che brillano proprio. E tanto.
Penso di poter parlare anche a nome degli altri dicendo che non si può pretendere che su 365 racconti non ce ne sia neanche uno che non abbiamo capito/non ci è piaciuto, e viceversa.

Detto questo, fa piacere anche sentire lettori come te, entusiasti di questa antologia. Wink
_________________
Erika Muscarella

BACIAMO LE MANI.

"La noia è l'anticamera dell'assenza dell'assenzio"
(A.G.Pinketts)
Top
Profilo Messaggio privato
umberto.nobili



Registrato: 04-11-2008 13:14
Messaggi: 62

MessaggioInviato: Ven 30 Lug 2010 22:47    Oggetto: Cita

Erika Muscarella ha scritto:
Mi rivolgo a Umberto, che ha citato il mio intervento.

In realtà sono dell'idea che un prodotto, un qualsiasi prodotto editoriale, abbia tutto il diritto di essere recensito come meglio crede il lettore. Non vedo perché Valentina e chiunque altro abbia fatto commenti personali sui racconti non debba dire ciò che pensa. Tra l'altro chi si è espresso lo ha fatto possedendo i requisiti per farlo. Con questo, bisogna effettivamente ricordare che, per tanti racconti che possono non essere stati di nostro gusto, ce ne sono altrettanti che brillano proprio. E tanto.
Penso di poter parlare anche a nome degli altri dicendo che non si può pretendere che su 365 racconti non ce ne sia neanche uno che non abbiamo capito/non ci è piaciuto, e viceversa.

Detto questo, fa piacere anche sentire lettori come te, entusiasti di questa antologia. Wink


Non ci siamo capiti. Va benissimo dire che qualche racconto non piace, magari anche tutti i racconti non ti piacciono, se mi dici perché secondo te quel particolare racconto non ti è piacuto. Se c'è una motivazione che riguarda quel racconto va bene, è il tuo gusto, è il tuo pensiero, magari io e altri mille non saremo d'accordo, però è lecito che tu lo esprima.

Ben altra cosa è criticare l'antologia nel suo complesso adducendo motivazioni ridicole come quelle che sono state portate qui, che non tengono minimamente conto né di che tipo di libro si tratta, né di quello che ha comportato realizzarlo, né del significato che ha la sua esistenza stessa. E neppure della estrema qualità del complesso dei racconti contenuti, aggiungo. Sono 365, ricordiamolo. Quanti non te ne piacciono? 10? 20? Anche 50? Dubito, però se anche fosse, sarebbero davvero pochissimi, rispetto alla totalità.

Quindi ripeto: va benissimo criticare i singoli racconti con motivazioni pertinenti, e ci mancherebbe (anzi credo interessi agli autori, ai curatori, ai lettori... a tutti). Ma finora non ho letto quasi niente del genere, qui. Solo i soliti "commissari tecnici" che criticano la Nazionale e che naturalmente al posto dell'allenatore farebbero faville e vincerebbero tutte le Coppe del Mondo senza muovere un dito. Beati loro! Very Happy

CIAO
Top
Profilo Messaggio privato
Erika Muscarella



Registrato: 20-07-2009 21:43
Messaggi: 147

MessaggioInviato: Sab 31 Lug 2010 11:19    Oggetto: Cita

umberto.nobili ha scritto:


Non ci siamo capiti. Va benissimo dire che qualche racconto non piace, magari anche tutti i racconti non ti piacciono, se mi dici perché secondo te quel particolare racconto non ti è piacuto. Se c'è una motivazione che riguarda quel racconto va bene, è il tuo gusto, è il tuo pensiero, magari io e altri mille non saremo d'accordo, però è lecito che tu lo esprima.

Ben altra cosa è criticare l'antologia nel suo complesso adducendo motivazioni ridicole come quelle che sono state portate qui, che non tengono minimamente conto né di che tipo di libro si tratta, né di quello che ha comportato realizzarlo, né del significato che ha la sua esistenza stessa. E neppure della estrema qualità del complesso dei racconti contenuti, aggiungo. Sono 365, ricordiamolo. Quanti non te ne piacciono? 10? 20? Anche 50? Dubito, però se anche fosse, sarebbero davvero pochissimi, rispetto alla totalità.


Scusami Umberto, ma questo non è forse un forum per chi vuole imparare a scrivere correttamente? E non è forse vero che molte delle cose che vengono in questo thread contestate sono anche tra i punti fermi di chi cerca in questa sede di insegnarlo? Secondo me, purché siano motivate, le critiche fatte da altri autori non possono che essere costruttive. Ben altro è fare interventi ingenui e irrilevanti. Non credi? A me sembra che qui molti abbiano timore di esprimere la propria opinione (non mi riferisco a te, ma parlo in generale di alcuni post letti da quando sono qui) per paura di dispiacere Franco. Invece io sono dell'idea che a un editore stiano bene anche le voci fuori dal coro: sono un feedback che starà a lui filtrare tra "osservazioni costruttive" e "fuffa di incompetenti". Io stessa (e lui può confermarlo) gli ho espresso in privato alcune perplessità, ricevendo cortese risposta. Si può e si deve fare, purché ci siano delle ragioni valide. Wink
_________________
Erika Muscarella

BACIAMO LE MANI.

"La noia è l'anticamera dell'assenza dell'assenzio"
(A.G.Pinketts)
Top
Profilo Messaggio privato
umberto.nobili



Registrato: 04-11-2008 13:14
Messaggi: 62

MessaggioInviato: Sab 31 Lug 2010 11:50    Oggetto: Cita

Erika Muscarella ha scritto:
Scusami Umberto, ma questo non è forse un forum per chi vuole imparare a scrivere correttamente? E non è forse vero che molte delle cose che vengono in questo thread contestate sono anche tra i punti fermi di chi cerca in questa sede di insegnarlo? Secondo me, purché siano motivate, le critiche fatte da altri autori non possono che essere costruttive. Ben altro è fare interventi ingenui e irrilevanti. Non credi? A me sembra che qui molti abbiano timore di esprimere la propria opinione (non mi riferisco a te, ma parlo in generale di alcuni post letti da quando sono qui) per paura di dispiacere Franco. Invece io sono dell'idea che a un editore stiano bene anche le voci fuori dal coro: sono un feedback che starà a lui filtrare tra "osservazioni costruttive" e "fuffa di incompetenti". Io stessa (e lui può confermarlo) gli ho espresso in privato alcune perplessità, ricevendo cortese risposta. Si può e si deve fare, purché ci siano delle ragioni valide. Wink


Sono d'accordissimo con te. "Ragioni valide". Finora non ne ho lette molte. E ripeto, io non sono (purtroppo) un autore presente. Sono solo un lettore, per quanto molto attento.
CIAO
Top
Profilo Messaggio privato
AlessioWRITER



Registrato: 14-09-2009 00:45
Messaggi: 201
Località: Siracusa, Bologna

MessaggioInviato: Sab 31 Lug 2010 14:55    Oggetto: Cita

umberto.nobili ha scritto:
Erika Muscarella ha scritto:
(...) non tutto è da buttare (...)


Ho voluto evidenziare questa frase di Erika perché non so se mi fa ridere, piangere o inc...are. Non per Erika, attenzione, ma per il fatto stesso che sia "costretta" a scrivere una cosa del genere.

Non tutto è da buttare? E lo dice con buona fede, per dire, ma no, suvvia, non siate così cattivi, alla fine qualcosina di bello in questo libro c'è... e si dà da fare per evidenziare qualcosa che secondo lei è buono, oltre a dare delle giustificazioni sul perché l'antologia in fondo non è malaccio.

Ringrazio Erika perché mi dà la possibilità di dire a tutti: ma state scherzando? Ma di che cavolo parlate? State commentando un libro che non ha paragoni nel mondo editoriale e ve ne venite fuori con scemenze del tipo (per citare un po' da tutti quelli che stanno commentando negativamente) "la qualità dei racconti non è il massimo", "manca l'originalità", "la colpa è degli autori che non sono originali", "la colpa è dei curatori che hanno allargato le magile" e fesserie simili?

Ma di che state parlando? Ma con quali altri libri state facendo paragoni? Datemi degli esempi di opere ciclopiche come questa che invece hanno soddisfato i vostri esigentissimi palati, per cortesia. Ma quando mai? Quale editore si è messo per mesi a leggere migliaia di racconti per selezionarne con difficoltà la bellezza di 365? Ogni opera dovrebbe essere paragonata ad altre, per poterne derivare dei giudizi di massima, e in questo caso non c'è nient'altro nel mondo editoriale con cui poter fare paragoni. Questo dovrebbe bastare a fare capire che razza di libro è questa antologia.

Dopodiché ci vorrebbe un po' di buonsenso e pensare a quello che detto Miller (credo): se si leggono 20 racconti brevi sull'eros uno dietro l'altro, certo che argomenti, termini e suggestioni possono sembrare ripetitivi. E ci mancherebbe. Provate a leggere 365 racconti horror uno dietro l'altro e poi ne riparliamo. O 365 racconti d'amore.
Come si è detto, qui c'è un racconto al giorno per un anno. Andrebbero letti e digeriti così, anche se evidentemente non è possibile farlo. Ma il lavoro che si percepisce dietro a questo libro è pazzesco, e mi pare assurdo che siano proprio degli autori a mettersi a fare i raffinati e a dare giudizi con la puzza sotto il naso.

Ripeto, ma di che parlate? Io sono stato escluso dall'antologia, per un soffio, però l'ho presa e la sto leggendo e regalando in giro, e non ho ancora ricevuto un mezzo commento negativo. Tutti capiscono quanto sia strabiliante quest'opera.

Se volete fare commenti negativi, allora fatelo sui singoli racconti che non vi piacciono, questo sì avrebbe senso. Che diavolo significa dire che ci sono 46 "turgido" in un libro sull'eros di 380 pagine? Vi sembrano tanti? Ma scherzate? Prendete Histoir d'O e leggete quante volte è ripetuta la parola, e vedrete che forse ce ne sono di più. E quello è un romanzo scritto da un singolo autore. Non si tratta di 365 teste diverse che hanno creato 365 mondi diversi ignorando completamente quello che facevano gli altri. Che cosa avrebbero dovuto fare i curatori, secondo voi, che siete così illuminati? Mettersi a contare tutti i termini ripetuti e cambiare con sinonimi quando possibile? O magari si sono concentrati sui singoli racconti per renderli coerenti e migliori possibili in se stessi?
Io propendo per questa seconda ipotesi.

E ora la finisco. Scusate lo sfogo ma mi sono davvero girate.
Mi auguro che i criticoni che qui lanciano invettive e fanno i primi della classe abbiano il buon gusto di non partecipare alle prossime selezioni, se mai Delos Books decidesse di partire con un'altra antologia.
Certo che io, al posto loro, dopo aver letto certi commenti postati qui lascerei perdere. E allora addio possibilitàdi pubblicare in modo così serio e professionale per noi esordienti. Resterebbero gli editori a pagamento, che ci dicono quanto siamo belli, bravi e geniali... purché cacciamo il grano e ignoriamo il fatto che non ci legge nessuno.

CIAO!



CONCORDO in toto con quanto detto da Umberto. Va bene esprimere delle opinioni negative su singoli racconti, ma non va assolutamente bene "sparare a zero" o quasi sull'intero progetto. E' stato fatto un lavoro immane da parte della redazione e alcuni commenti negativi mi sono sembrati troppo SUPERFICIALI.
Sono contentissimo del fatto che un ragionamento di questo tipo, quello fatto da Umberto, venga proprio da uno scrittore non inserito nell'antologia. Avrebbe potuto facilmente criticare l'antologia, invece tutt'altro... la sostiene addirittura.
Riflettete gente...
_________________
"Il miglior futuro è basato sul passato dimenticato, non puoi andare bene nella vita prima di lasciare andare i tuoi fallimenti passati e i tuoi dolori." (Martin Luther King)
Top
Profilo Messaggio privato HomePage
pneumococco



Registrato: 09-09-2009 16:06
Messaggi: 90
Località: Casalecchio di Reno

MessaggioInviato: Sab 31 Lug 2010 15:51    Oggetto: Cita

Superficiali ...
Note bigotte, no?
Note ipocrite, sulla scia critica autori & assolvi curatori, nada?
Note di note.
Notte di note.
Sapida lettura.
Top
Profilo Messaggio privato HomePage Indirizzo AIM
lollo92CM



Registrato: 20-08-2009 18:17
Messaggi: 555

MessaggioInviato: Sab 31 Lug 2010 16:00    Oggetto: Cita

Io ogni tanto leggo qualche racconto qua e là e mi sto segnando i più carini... alla fine del libro farò una top 10 con i 10 racconti che mi sono piaciuti di più e in generale poi quelli che mi sono piaciucchiati...
Complimenti a tutti!
_________________
- Recensioni di libri -

Il mio romanzo. DOVE SEI? (Leucotea edizioni).

www.LorenzoColtellacci.blogspot.it/
Top
Profilo Messaggio privato
umberto.nobili



Registrato: 04-11-2008 13:14
Messaggi: 62

MessaggioInviato: Sab 31 Lug 2010 19:38    Oggetto: Cita

pneumococco ha scritto:
Superficiali ...
Note bigotte, no?
Note ipocrite, sulla scia critica autori & assolvi curatori, nada?
Note di note.
Notte di note.
Sapida lettura.


Mah, chi ti capisce è bravo.
Io confesso che non ci riesco.

Comunque mi hai incuriosito. Andrò a vedere questo racconto, Riflessi, che citi.

A presto per un commento spassionato Very Happy
CIAO
Top
Profilo Messaggio privato
Franco Forte



Registrato: 01-01-1970 02:00
Messaggi: 7070
Località: Milano

MessaggioInviato: Sab 31 Lug 2010 19:43    Oggetto: Cita

Se non la piantate chiudo questo thread.
Volete dire la vostra sui racconti? Benissimo, fatelo. Ma motivate le vostre critiche, per cortesia, altrimenti non serve a nessuno, se non a scaldare inutilmente gli animi.
Qui non ci sono bavagli, non ci sono censure, non c'è niente, a parte la ferma richiesta di rispetto per gli altri. Se cade questa condizione, allora è inutile continuare.
Autori avvisati... Wink
Bye
_________________
Franco Forte
www.franco-forte.it

"Cesare l'immortale" a "La lettura" del TG 5
https://www.youtube.com/watch?v=aRlDtsCgs7s
Top
Profilo Messaggio privato HomePage
Gomjabbar



Registrato: 17-06-2005 12:12
Messaggi: 582

MessaggioInviato: Lun 02 Ago 2010 09:49    Oggetto: Cita

Ciao Umberto,
io per esempio ho solo notato, ed è una notazione più "antropologica" che "letteraria" quanto ancora sia radicato nell'immaginario sessuale un certo prototipo di donna e di uomo: ovviamente in un volume di questa portata questa cosa è venuta fuori, io ci ho solo fatto caso esattamente come qualcun'altro..ma è una curiosità, non una critica ai racconti Wink
_________________
Legge di Ulmann
Quando la stupidità è una spiegazione sufficente, è inutile cercarne altre.

http://cappelloabombetta.blogspot.com/
Top
Profilo Messaggio privato HomePage
Marco



Registrato: 01-01-1970 02:00
Messaggi: 820
Località: Lugano - Svizzera

MessaggioInviato: Lun 02 Ago 2010 10:00    Oggetto: Cita

Erika Muscarella ha scritto:
È vero però che ci sono alcune punte di genio... un racconto in particolare mi ha fatta ridere (in positivo) tantissimo, proprio per l'originalità della trovata, ed è "Il buco nero" di Marco Faré, a pag. 189. L'ho trovato favoloso questo piccolo nerd che dedica tutta la sua vita alla scienza (con le conseguenze che invito tutti ad andare a leggere) per sbirciare un nudo integrale! Grandioso!


Grazie!!

Se posso dire la mia, sto leggendo i racconti giorno per giorno, secondo la data. Qualcuno piace di più, qualcuno di meno. Come criterio, devo dire che apprezzi quelli che raccontano una storia, più di quelli che descrivono, per quanto bene, una situazione. Ma questi sono gusti.
_________________
Marco Faré
http://settequattro.wordpress.com/
Top
Profilo Messaggio privato HomePage
Mostra prima i messaggi di:   
Nuova discussione   Rispondi    Torna a Indice principale :: Torna a 365 RACCONTI EROTICI PER UN ANNO Tutti i fusi orari sono GMT + 2 ore
Vai a pagina Precedente  1, 2, 3, ... 21, 22, 23  Successivo
Pagina 2 di 23

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuove discussioni in questo forum
Non puoi rispondere alle discussioni in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum