WritersMagazine
Credits | Contatti | Invio dattiloscritti | Creare un link


La prima volta


Vai a pagina 1, 2  Successivo
Nuova discussione   Rispondi
« Precedente :: Successivo »  
Autore Messaggio
_tungsteno_



Registrato: 20-11-2009 01:30
Messaggi: 9

MessaggioInviato: Ven 20 Nov 2009 02:04    Oggetto: La prima volta Cita

La prima volta

— Non mi dire che l’hai mandata giù così, tutta d’un fiato.
— Certo che sì. Sapevo che non mi sarebbe piaciuta, ma ho chiuso gli occhi, e via.
— Che matta! E dimmi, che sapore ha?
— Ma, non so, salato. Tanto per farti capire sembra un concentrato di mare. Troppo molliccia.
— Raccontata così non fa certo un bell’effetto.
— Non proprio. Sapeva di viscido.
— E com’è venuta fuori ‘sta novità?
— Ha detto che era ora di passare a qualcosa d’adulti. Ha pensato a tutto lui.
— E dove siete stati?
— Giù, al porto, dietro al vecchio molo.
— Insomma, non ne valeva certo la pena.
— Assolutamente no.
— E allora chi te l’ha fatto fare?
— Fosse stato per me avrei evitato. Ma lui ha insistito tanto, non me la sono sentita di dirgli di no, per non fare la figura della bambina.
— Be’ almeno per una volta era giusto togliersi la curiosità.
— Ne avrei volentieri fatto a meno, credimi.
— Ti credo, sapendo come è andata a finire...


Ultima modifica di _tungsteno_ il Ven 20 Nov 2009 21:22, modificato 2 volte in totale
Top
Profilo Messaggio privato
stefko01



Registrato: 30-07-2009 10:23
Messaggi: 65

MessaggioInviato: Ven 20 Nov 2009 08:56    Oggetto: Re: La prima volta Cita

Mooolto carino. Il dialogo puro, senza narratore, è il genere che più mi piace (leggere e scrivere, per esempio io sono stato selezionato su questa antologia con una cosa analoga, si chiama "Un Amore Ortoressico", sul quale mi piacerebbe avere un tuo parere). Questo genere mi piace specialmente quando le battute sono briose e divertenti come nel tuo caso; e quando, mi pare evidente, la storia nasconde un doppio senso.
Bravo o brava, chiunque tu sia. Mi piacerebbe leggere, oltre a questo racconto, altro di tuo. Mi dai gli estremi di un tuo blog, se ce l'hai, o di tuoi racconti sul web?
Nel caso del tuo racconto ti segnalo solo che il doppio senso, se ho capito bene, tra liquido seminale e ostrica (azzardo) si capisce troppo presto (ammesso che io l'abbia capito, eh). Nel qual caso ti consiglio il trucchetto (poi vedi tu) di mascherare il "genere" dell'oggetto dell'ingoio, ovvero evitando il femminile e il maschile. Ti faccio un esempio sul tuo dialogo:

— Non mi dire che hai mandato giù... Così, tutto d’un fiato…
— Certo che sì. Anche se sapevo che non mi sarebbe piaciuto... ho chiuso gli occhi, e via.

Ciao
Top
Profilo Messaggio privato
pseudolongino



Registrato: 02-09-2009 10:39
Messaggi: 104

MessaggioInviato: Ven 20 Nov 2009 10:42    Oggetto: Cita

mm, non credo che mangiare un'ostrica possa essere considerata una "cosa da adulti"
il mistero rimane, speriamo di risolverlo presto leggendo l'antologia Smile

PS anch'io adoro scrivere dialoghi, ho inventato parecchi racconti con questa tecnica... forse dovrei fare l'autore teatrale Smile
Top
Profilo Messaggio privato
_eMMe_



Registrato: 09-09-2009 16:29
Messaggi: 813

MessaggioInviato: Ven 20 Nov 2009 12:10    Oggetto: Cita

Invece credo anche io che si parli di ostriche, mi è venuto in mente più o meno alla terzo rigo... e trovo che la sorpresa finale sia un po' scontata se è così. Oltretutto questo rende il dialogo poco credibile, eprché si cerca di far pensare ad altro, finendo per usare frasi ed espressioni poco credibili per il contesto vero che si tenta di nascondere.
_________________
E' un lavoro bellissimo.
Ed è veramente utile, perché è bello.
Top
Profilo Messaggio privato
Faber



Registrato: 06-10-2009 15:57
Messaggi: 188
Località: www.eros-e-parole.it

MessaggioInviato: Ven 20 Nov 2009 12:28    Oggetto: Cita

Credo anch'io si parli di ostriche (che tra l'altro adoro e se così fosse sentirne parlare per l'ennesima volta come di cose viscide ...)
Dell'incipit mi piace l'uso del dialogo, che ha tempi scanditi, senza ricorrere all'abuso in ogni riga o quasi di orribili puntini di sospensione come capita spesso di leggerne e trovarne quando chi scrive sceglie questa forma narrativa.
_________________
www.eros-e-parole.it
Top
Profilo Messaggio privato HomePage
ReBacca



Registrato: 02-09-2009 19:47
Messaggi: 1217
Località: Milano

MessaggioInviato: Ven 20 Nov 2009 13:39    Oggetto: Cita

anch'io adoro le ostriche*.
Magari non parla di ostriche, poi... se così fosse non definirei questo testo 'erotico' (almeno questa prima parte, s'intende).


*Le ostriche danno dipendenza!
Top
Profilo Messaggio privato HomePage
saimon



Registrato: 04-11-2009 12:33
Messaggi: 153

MessaggioInviato: Ven 20 Nov 2009 15:41    Oggetto: Cita

Non mangio ostriche, nè vongole veraci, nè cozze
solo le arselle, quelle piccolissime. e chiaramswnte non avevo capito!

dialogo ben scritto, efficace!
Top
Profilo Messaggio privato
_eMMe_



Registrato: 09-09-2009 16:29
Messaggi: 813

MessaggioInviato: Ven 20 Nov 2009 17:18    Oggetto: Cita

ReBacca ha scritto:
anch'io adoro le ostriche*.
Magari non parla di ostriche, poi... se così fosse non definirei questo testo 'erotico' (almeno questa prima parte, s'intende).


*Le ostriche danno dipendenza!


Pure io, mi piacciono da morire.
_________________
E' un lavoro bellissimo.
Ed è veramente utile, perché è bello.
Top
Profilo Messaggio privato
_tungsteno_



Registrato: 20-11-2009 01:30
Messaggi: 9

MessaggioInviato: Ven 20 Nov 2009 21:13    Oggetto: Cita

Eh, bricconi, non è facile farvela, o meglio l'ho fatta troppo facile!! In effetti il racconto andava avanti così:
Citazione:
— Non mi ci far pensare. Gli ho detto bello e chiaro: certe fantasie la prossima volta scordatele.
— Forse Marco voleva impressionarti, per darsi l'aria da vissuto.
— Sì, però stavolta se n'è passato, la bravata gli costerà  non poco. Ha chiuso con certe cose, almeno con me. Si era voluto togliere uno sfizio, ha detto.
— Bella forza, a chi non piacerebbe.
— E tu invece? perché non provi?
— Sì, con Nicola! Lui non lo farebbe mai. Certe idee non gli sfiorano neanche la testa. Figurati. E' uno di quelli a cui piace strapazzarsi il suo spaghetto. Al massimo m'invita a casa sua. Sai che gusto. Almeno Marco ti ha offerto una cena come si deve.
— A sapere come andava a finire...
— Deve essergli costata non poco.
— E già. Il conto l'ha pagato lui, alla fine.
— Ma fino a quel momento come stava andando?
— Alla grande. Nel buio la sua lingua si andava ficcando dappertutto. E poi ha dita fantastiche.
— Fino a che punto ci ha provato?
— Mi voleva far mettere una mano lì, mentre mi succhiava il capezzolo.
— Ed è stato in quel momento che si è sentito male?
— Non me lo far ricordare che ancora adesso ho i brividi.
— Che figura di merda.
— Non me lo dire, c'ho rimesso una camicetta nuova.
— Glielo avevo detto che erano una schifezza. Si è mangiata anche la mia parte. Gli ho telefonato poco fa, ha ancora lo stomaco sottosopra. Altro che cena afrodisiaca a base di ostriche.
— La prossima volta ti consiglio la solita pizza ai frutti di mare.
— Lo puoi dire forte.

Me lo avevano fatto notare quando l'avevo scritto, così per gioco. Mi piaceva il tono giocoso e non volevo scrivere un giallo, ma mi è stato fatto presente la cosa come una mancanza.
La sfida è stata di riscriverlo totalmente lasciando il titolo e quasi del tutto inalterata la prima parte...
Top
Profilo Messaggio privato
pseudolongino



Registrato: 02-09-2009 10:39
Messaggi: 104

MessaggioInviato: Ven 20 Nov 2009 21:37    Oggetto: Cita

beh, allora non ha molto senso
a parte il "sentirsi adulta" e il sentirsi ingenua, che ho già fatto notare, che cavolo centra il capezzolo?
così il doppio senso non regge proprio, mi spiace
l'idea è carina ma devi congegnarlo meglio, anche se non ti chiami agata christie Wink
Top
Profilo Messaggio privato
nicoletta mioranza



Registrato: 18-11-2009 22:56
Messaggi: 136

MessaggioInviato: Dom 22 Nov 2009 12:11    Oggetto: Cita

oddio ... premetto che mi piacciono le ostriche e i frutti di mare, ma anche senza leggere il resto, mi ero seduta sulla scontatezza dell'argomento di cui si intuiva chiaramente (non mi è passato per la testa che si trattasse di cozze).
mmm, un pò banaluccio nell'insieme.
Top
Profilo Messaggio privato
nicoletta mioranza



Registrato: 18-11-2009 22:56
Messaggi: 136

MessaggioInviato: Dom 22 Nov 2009 12:13    Oggetto: Cita

a chiarire il mio commento di prima: la scontatezza sta nell'ambiguità ricercata nell'argomento (ostrica e qualcosaltro). non c'è stupore da nessuna parte. senza dubbio, è giocoso, ma nient'altro.
Top
Profilo Messaggio privato
lollo92CM



Registrato: 20-08-2009 18:17
Messaggi: 555

MessaggioInviato: Dom 22 Nov 2009 12:21    Oggetto: Cita

Molto carina l'idea ma forse le informazioni vengono rivelate troppo presto e si pensa subito ad un'ostrica e l'effetto sorpresa svanisce un pochino...
_________________
- Recensioni di libri -

Il mio romanzo. DOVE SEI? (Leucotea edizioni).

www.LorenzoColtellacci.blogspot.it/
Top
Profilo Messaggio privato
_tungsteno_



Registrato: 20-11-2009 01:30
Messaggi: 9

MessaggioInviato: Dom 22 Nov 2009 12:48    Oggetto: Cita

Come accennato, lo scritto iniziale l'ho scritto per gioco. E per gioco ho provato a cambiare completamente registro. Lo posto, tanto non mi avrebbe rappresentato come avrei voluto, nella scarsezza di possibilità di essere selezionato. Ecco qua:
Citazione:
La prima volta

— Non mi dire che l’hai mandata giù così, tutta d’un fiato.
— Certo che sì. Sapevo che sarebbe stato disgustoso, ma ho chiuso gli occhi, e via.
— Tu sei matta! E dimmi, che sapore ha?
— Ma, non so, salato. E pure molliccia.
— Raccontata così non fa certo un bell’effetto.
— Non proprio. Sapeva di viscido.
— E com’è venuta fuori ‘sta novità?
— Ha detto che era ora di passare a qualcosa d’adulti. Ha pensato a tutto lui.
— E dove siete stati?
— Giù, al porto, dietro al vecchio molo.
— Insomma, non ne valeva certo la pena.
— Assolutamente no.
— E allora chi te l’ha fatto fare?
— Fosse stato per me... Ma lui ha insistito tanto, non me la sono sentita di dirgli di no, per non fare la figura della mocciosa.
— Be’ ora spero che ti sei convinta che non era giusto togliersi certe curiosità, no?
— Ne avrei volentieri fatto a meno, credimi.
— Ti credo, sapendo come è andata a finire.
— L’avevo messo in guardia: scordatelo, certe cose io non le faccio.
— Lui invece ha insistito, sapendo che alla fine l’avrei accontentato. L’idea ormai gli frullava in testa. Lui e le sue manie perverse. Ha preteso che ci andassimo la sera stessa.
— Che figlio di puttana.
— Già. Ma sai una cosa? A parte tutto, mi è piaciuto.
— Davvero?
— È difficile da spiegare. Una parte di me non avrebbe voluto, l’altra invece…
— Roba da matti.
— Già. Quando abbiamo parcheggiato i motorini e stavamo aspettando nel buio, ho avuto paura.
— E perché non te ne sei andata?
— Perché non mi sono potuta muovere. Quando abbiamo sentito un rumore lui l’ha tirato fuori. Neanche il tempo di mettermelo in bocca e quello stronzo era già venuto.
— Che cazzo di figura.
— Poi è arrivata un’ombra, mi si è avvicinata e…
— Ha voluto che continuassi con lui?
— Sì.
— Che schifo, ma se neanche sapevi chi era.
— Infatti, funziona così.
— Poi?
— Mentre stava per venire, è in quel momento che l’ho visto...
— È per questo che l’hai mandata giù.
— Ci sono restata così di merda, come una fessa, a quel punto ho chiuso gli occhi e ho lasciato che andasse come doveva andare.
— Che bastardo. La sua era tutta una scusa. Moriva dalla voglia di togliersi certi sfizi.
— E quello era il posto giusto, ma gli serviva una fessa per andarci. Ora non ha più il coraggio di guardarmi in faccia.
— E ti credo.
— Ma non lo perdono. Di lui non ne voglio più sapere.
— Fai bene dopo che lo hai visto fare certe cose.
— Figurati, se ci ripenso Lo vedo in ginocchio, nell'ombra, a fare quella cosa lì a uno. Pensa, al telefono mi ha giurato che per lui era la prima volta.
Top
Profilo Messaggio privato
_eMMe_



Registrato: 09-09-2009 16:29
Messaggi: 813

MessaggioInviato: Dom 22 Nov 2009 12:59    Oggetto: Cita

Ti dirò, così mi sembra ancora più confuso e senza molto senso... Anche se potrebbe essere più originale, come trama, gestendolo meglio.
_________________
E' un lavoro bellissimo.
Ed è veramente utile, perché è bello.
Top
Profilo Messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   
Nuova discussione   Rispondi    Torna a Indice principale :: Torna a 365 RACCONTI EROTICI PER UN ANNO Tutti i fusi orari sono GMT + 2 ore
Vai a pagina 1, 2  Successivo
Pagina 1 di 2

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuove discussioni in questo forum
Non puoi rispondere alle discussioni in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum