WritersMagazine
Credits | Contatti | Invio dattiloscritti | Creare un link


Commenti agli esercizi di NOVEMBRE


Vai a pagina Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7  Successivo
Nuova discussione   Rispondi
« Precedente :: Successivo »  
Autore Messaggio
antolusci



Registrato: 11-05-2009 20:38
Messaggi: 322
Località: Genova

MessaggioInviato: Mer 18 Nov 2009 00:36    Oggetto: Cita

Sì, però girandolo al passato ne hai fatto un racconto tutto tuo. Wink
_________________
Antonio Lusci
Top
Profilo Messaggio privato Invia email
Silvia L.



Registrato: 16-08-2009 21:43
Messaggi: 59
Località: Velletri (Roma)

MessaggioInviato: Mer 18 Nov 2009 13:24    Oggetto: Cita

_eMMe_ ha scritto:

Silvia L: mi sembra piuttosto approssimativo, sia come stile che come trama. Credo che andrebbe parecchio rivisto.


Effettivamente leggendo gli altri racconti, nemmeno a me entusiasma più tanto Sad se trovo un po di tempo proverò a riscriverlo in prima persona Very Happy e vediamo se diventa più convincente...
Troverò di sicuro il tempo di commentare i vostri Very Happy
A presto Silva.
Top
Profilo Messaggio privato
guccio



Registrato: 01-01-1970 02:00
Messaggi: 399
Località: Verona

MessaggioInviato: Mer 18 Nov 2009 14:50    Oggetto: Cita

Sì, hai ragione: il merito (per me è stato un esercizio utile e divertente) è tuo, o meglio, degli elementi presenti nel tuo brano (degli elementi, non della forma espressiva, che non avevo immaginata come una voce narrante alla zio Tibia).
In ogni caso, siamo qui per parlarne. Il brano che ho scritto io non è il massimo ma come esercizio, secondo me, va bene anche se non dovesse piacere.
_________________
Anni fa mi bastava uno spicchio di formaggio Grana e duravo tutta la notte.
Adesso, temo proprio che abbiano cambiato ricetta.
Top
Profilo Messaggio privato Invia email MSN Messenger
Cile



Registrato: 04-09-2007 16:21
Messaggi: 1125
Località: Salerno

MessaggioInviato: Mer 18 Nov 2009 15:15    Oggetto: Cita

Provo a commentare qualche esercizio (mia opinione a vostro unico beneficio... spero che nessuno si offenda perché la palestra è imparare dagli errori o dai commenti degl altri Wink ) e parto da Guccio.

Guccio: è ben scritto secondo me. Bello l'uso dei tempi e l'atmosfera creata. La storia è truce ma l'hai resa con quelminimo di delicatezza rispetto dovuto. Mi è piaciuto il tuo testo

Paolino: L'idea non mi ha stuzzicato né il testo mi ha incuriosito nel corso della lettura. Non c'è quella suspance che rende piacevole e accativante anche un piccolo racconto. Mi lascia perplessa... forse si poteva caratterizzare meglio il personaggio dandogli un tocco di originalità, un segno particolare o ambiguo che invogli la lettura.
Nota: i pensieri è meglio scriverli in corsivo e i dialoghi vanno preceduti dai trattini (non vnno dopo). Scusa se sono stata dura, sono solo mie opinioni

Claudio
: dinamico e veloce. Scorre bene. L'idea è molto bella.

Stefano Conti: Carina l'idea, l'hai resa bene. Potevi creare un ulteriore effetto sorpresa ritardando il momento in cui il lettore scopre chi è a parlare.

Diego di DIo
: Spunto interessante. Molto kafkiano Wink Avrei descritto di meno all'inizio... O meglio, più che elencare una sequenza di verbi "bevevano, danzavano etc" avrei presentato un'immagine più diretta e definita.
Il verbo "urlò" lo hai ripetuto un po' troppe volte... Wink puoi rivedere l'esercizio
_________________
Cinzia Leo
Hai mai ascoltato il silenzio del destino quando esplode? (A. Baricco )
Top
Profilo Messaggio privato Invia email MSN Messenger
antolusci



Registrato: 11-05-2009 20:38
Messaggi: 322
Località: Genova

MessaggioInviato: Mer 18 Nov 2009 16:59    Oggetto: Cita

@ Guccio: io invece trovo interessante la tua modifica e realizza un mio vecchio sogno. Sogno, si fa per dire. Più che altro una forma di esercizio utile, e cioè: da un soggetto definito, più autori si misurano dando la loro visione e stile narrativo. C'è un festival teatrale, ma non ricordo quale, dove più registi si misurano con la stessa piece; è una possibilità che mi ha sempre attratto parecchio. Va bè, come al solito sono prolisso e bravissimo ad andare OT. Esprimo ancora la mia gioia di essere qui non a competere bensì a "scambiare". Mi piace, mi piace! Very Happy
_________________
Antonio Lusci
Top
Profilo Messaggio privato Invia email
atman71



Registrato: 18-09-2009 10:07
Messaggi: 14

MessaggioInviato: Mer 18 Nov 2009 19:55    Oggetto: Cita

_eMMe_ ha scritto:
Atman71: trovo che sia scritto bene e molto vivido, però un po' scontato come trama.


kirk_wb ha scritto:


Anche il Bianco e Il rosso non è male per niente. Mi lasciano un pò interdetto tutti quei (rosso), rendono un pò pesante la lettura. A parte ciò direi molto bene.


Grazie per i vostri commenti. Per quanto riguarda la trama in effetti so che non è molto originale, per quello ho cercato di spostare l'attenzione sui colori. Il Bianco della Cocaina e il Rosso del Sangue (e con questo rispondo anche a Kirk.. Smile )

Comunque è la mia prima prova in questa "palestra" che trovo molto utile e stimolante. Ora non ho molto tempo, ma vedrò di commentare anche io le altre prove.

Comincio con il commento al primo

Lanterna scaccia strega
Mi è piaciuto molto. Non è facile in poche righe creare un atmosfera, ma penso che la scelta del parlato in prima persona rivolgendosi al "carnefice" e l'uso del presente in questo caso siano molto azzeccate e contribuiscono a rendere efficace il raccontino. E non male anche l'idea. Bravo! Per me un bel 8
Top
Profilo Messaggio privato Invia email
antolusci



Registrato: 11-05-2009 20:38
Messaggi: 322
Località: Genova

MessaggioInviato: Gio 19 Nov 2009 16:01    Oggetto: Cita

Un consiglio me la sento di dartelo, venendo dalla scrittura cine-tv e abituato da sempre alle famigerate scalette. Scrivi pure di getto, se è una tua abitudine, e se quello che hai ottenuto è una scaletta ragionaci su. Ri-scaletta il tutto e dopo, solo dopo, sviluppa ogni punto scrivendo il tuo racconto.

In questo modo avrai sempre più chiaro ciò che vuoi raccontare e nelle varie riscritture quello che verrà fuori sarà anche più di quello che avevi pensato nella prima scrittura "di getto".
_________________
Antonio Lusci
Top
Profilo Messaggio privato Invia email
Giulio Ugge



Registrato: 11-11-2009 16:20
Messaggi: 92

MessaggioInviato: Gio 19 Nov 2009 16:15    Oggetto: Cita

se qualcuno vuole dire qualcosa anche sul mio raccontino, io sono qui per critiche e consigli. Grassie. Wink
Top
Profilo Messaggio privato
delia



Registrato: 01-01-1970 02:00
Messaggi: 280

MessaggioInviato: Gio 19 Nov 2009 16:48    Oggetto: Cita

Caro Giulio,

mi è piaciuto per il fatto che hai riportato la festa di Halloween alla nostra tradizione e al suo vero significato: il giorno dei morti.
L'idea è davvero molto bella.
Mi permetto di riscriverlo come lo correggerei io se mi arrivasse a casa per email. Scusami se mi permetto ma vedo che hai sollecitato il commento.

================
Non ho quasi chiuso occhio questa notte. Sarà per il nuovo lavoro di domani o perché si è alzato un vento improvviso e una finestra ha preso a sbattere ripetutamente. Ora che mi sono alzato a sistemarla ho perso il sonno e mi ritrovo con gli occhi sbarrati a cacciare le streghe nel loro buio e a pensare al passato che non ritorna. Soprattutto ricordo il nonno.

Gli volevo molto bene. Mi ha insegnato tutto quello che so sulla natura e sui boschi dove sono cresciuto. Le piante, gli animali, i pericoli e le meraviglie nascoste intorno a noi. Per non parlare delle leggende che mi raccontava prima di andare a dormire. Storie talvolta paurose o divertenti ma sempre affascinanti. Il Cervo Fantasma, il Mangiarane, il Malòss che rapiva i bambini, la Fosca.

Con il coltellino era un mago. Era solito scolpire il legno per farmi dei giocattoli semplici che mi facevano divertire un mondo. Ricordo una trottola a cui ero molto affezionato. Un giorno la persi e piansi a dirotto per una settimana.

La lezione più grande che mi regalò fu che al mondo c'è molto più di quello che possiamo cogliere con gli occhi. E ora che mi rigiro nel letto e non riesco a dormire cerco di guardare al di là del buio dalla finestra.

Mi parlava spesso della voce del vento. Diceva che se fossi stato molto attento, certe notti avrei sentito sussurrare tra i fruscii degli alberi i nomi dei morti che vagavano per i boschi. Non so quante volte sono scivolato fuori dalla baita per ascoltare.

Gli devo moltissimo e se da domani, primo novembre, sono una guardia forestale è tutto merito suo. Credo sarebbe felice di vedere l'uomo che sono diventato.

Sulla soglia di casa stamani è sparita la zucca di rito che avevo posato ieri sera. Al suo posto ho trovato una trottola di legno.
_________________
Non è perchè le cose sono difficili che non osiamo, ma è perchè non osiamo che sono difficili (Seneca)
Top
Profilo Messaggio privato
Giulio Ugge



Registrato: 11-11-2009 16:20
Messaggi: 92

MessaggioInviato: Gio 19 Nov 2009 16:55    Oggetto: Cita

Delia, figurati, l'ho chiesto io... Very Happy
Sì, alcune cose potevano essere effettivamente limate, specie all'inizio.
Il racconto mi è uscito di getto al 95%, nel senso che sapevo che doveva finire in quel modo. Non riuscivo però a trovare come legare la rivelazione finale al vento, finchè non ho pensato a quello che poi è diventato il cappello iniziale...
Top
Profilo Messaggio privato
delia



Registrato: 01-01-1970 02:00
Messaggi: 280

MessaggioInviato: Gio 19 Nov 2009 17:00    Oggetto: Cita

La cosa più difficile è trovare l'idea buona, poi ci si può lavorare.
Attenzione però a postare ai mari (e in questo caso anche ai monti Wink ) che si scrive di getto... questo in genere manda in bestia le redazioni (quindi forse anche Enzo?). Basta tenerlo lì nel cassetto ancora qualche ora o qualche giorno e se mai mandarlo una settimana dopo.

Molto meglio non dirlo (se proprio si fa), e precisare che si aveva lavorato tantissimo per dare quel risultato... almeno le redazioni non si arrabbiano e, nel caso, danno qualche consiglio...

L'idea del tuo esercizio mi piaceva molto.
_________________
Non è perchè le cose sono difficili che non osiamo, ma è perchè non osiamo che sono difficili (Seneca)


Ultima modifica di delia il Gio 19 Nov 2009 17:01, modificato 1 volta in totale
Top
Profilo Messaggio privato
Giulio Ugge



Registrato: 11-11-2009 16:20
Messaggi: 92

MessaggioInviato: Gio 19 Nov 2009 17:01    Oggetto: Cita

se ti interessano, ho messo altri raccontini nella sezione "La mia scrittura"...
Top
Profilo Messaggio privato
delia



Registrato: 01-01-1970 02:00
Messaggi: 280

MessaggioInviato: Gio 19 Nov 2009 18:48    Oggetto: Cita

Sì può darsi che in un certo senso in questo caso tu abbia ragione.
_________________
Non è perchè le cose sono difficili che non osiamo, ma è perchè non osiamo che sono difficili (Seneca)
Top
Profilo Messaggio privato
Cristiana Bartolini



Registrato: 27-07-2009 14:38
Messaggi: 192

MessaggioInviato: Gio 19 Nov 2009 20:24    Oggetto: Cita

Cristiana Bartolini ha scritto:

Ho visto in giro che oltre a scrivere cose bellissime ..

Ciao Delia. Volevo confermare il mio giudizio più che positivo sul branetto che hai postato. Mi piace moltissimo come è scritto, l'idea della rapina è originale e sembra di vivere le emozioni insieme al protagonista. Il finale lascia pensare e dà spessore a tutto il racconto.

Inoltre, a proposito di due esercizi che non mi pare siano stati ancora commentati:

- per Kirk_wb. Credo che ci sia atmosfera, la suspance è gestita bene. Con qualche ritocco potrebbe funzionare meglio. In particolare l'uso dei verbi mi ha spiazzato in un paio di punti. Secondo me il passaggio dal presente al passato è un po' brusco, si potrebbero introdurre i flashback con qualcosa come "ricorda che", "ripensa a" o quello che risulta meno pesante per il testo. Come lettrice poi vorrei capire meglio cosa il protagonista vede alla fine: l'apparizione lascia un po' confusi, ma forse il tuo scopo era proprio quello, per aumentare la suspance. Cambierei la frase "laddove non sarebbe supposto esserci" con una forma meno articolata come: "laddove non dovrebbe esserci". Mi è piaciuta la similitudine dell'iceberg.

- per Arconte. Ho trovato il tuo brano un po' ermetico, anche se il linguaggio poetico che hai utilizzato crea belle immagini evocative. Visto che mi sembra ti avanzi qualche battuta, potresti gettare qualche esca in più al lettore per caratterizzare ancora un po' il protagonista.

Infine, tra gli ultimi postati mi è piaciuto l'esercizio di Giulio. Bella la figura del nonno, mi ha fatto pensare alla mia nonna materna che mi ha lasciato ricordi simili, per cui credo che il racconto sia basato su qualche aspetto del reale.

Scusate per gli altri che non ho commentato, non perché siano meno belli ma per mancanza di tempo, visto che sono tanti. Se ho tempo, posto qualche altro commento.
_________________
Sito web di Umber & Cromantica: http://umberecromantica.tk/

Fan page su FB: https://www.facebook.com/UmberCromantica/?fref=ts
Top
Profilo Messaggio privato
delia



Registrato: 01-01-1970 02:00
Messaggi: 280

MessaggioInviato: Gio 19 Nov 2009 22:37    Oggetto: Cita

Grazie Cristiana!
_________________
Non è perchè le cose sono difficili che non osiamo, ma è perchè non osiamo che sono difficili (Seneca)
Top
Profilo Messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   
Nuova discussione   Rispondi    Torna a Indice principale :: Torna a ESERCIZI 2009 Tutti i fusi orari sono GMT + 2 ore
Vai a pagina Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7  Successivo
Pagina 3 di 7

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuove discussioni in questo forum
Non puoi rispondere alle discussioni in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum