WritersMagazine
Credits | Contatti | Invio dattiloscritti | Creare un link


COMMENTI DI FEBBRAIO


Vai a pagina 1, 2, 3, 4  Successivo
Nuova discussione   Rispondi
« Precedente :: Successivo »  
Autore Messaggio
vincenzo.vizzini



Registrato: 01-01-1970 02:00
Messaggi: 752

MessaggioInviato: Gio 05 Feb 2009 08:57    Oggetto: COMMENTI DI FEBBRAIO Cita

buon lavoro
V.
_________________
Vincenzo Vizzini
vicedirettore Writers Magazine Italia
curatore della collana Delos Crime
www.vincenzo-vizzini.it
Top
Profilo Messaggio privato Invia email HomePage
Cile



Registrato: 04-09-2007 16:21
Messaggi: 1125
Località: Salerno

MessaggioInviato: Mar 10 Feb 2009 11:11    Oggetto: Cita

Ciao a tutti,
facile cominciare con i commenti visto che, oltre me, ha postato solo Fandango.
Spero di leggerne altri al più presto Wink ammetto che la descrizione della cucina mi ha messo in difficoltà. Non so perché. La camera da letto è venuta quasi da sè, sebbene mi sia inventata tutto ma con la cucina ho avuto tentennamenti. Non sono riuscita a vederne una completamente inventata né a descrivere la mia. Alla fina ho miscelato diverse "cucine"... Wink

E veniamo a Fandango... sarò spietata perché essendoci solo tu posso dedicarmi di più su un testo.. Wink
...
L'unica cosa che si stava chiedendo Leo in quel momento era quando la cena sarebbe stata pronta. Sua madre gli aveva detto dieci minuti, suo fratello aveva semplicemente brontolato davanti allo specchio del salone, e suo padre invece – il più attendibile, visto che quella sera toccava a lui cucinare –, aveva cominciato a intonare “tra poco” come se fosse un tenore in astinenza da pubblico.
....
La prima parte immerge bene il lettore nell'atmosfera ma è troppo lunga e spiegata. Puoi renderla più evocativa o immediata sfoltendo qua e là.
Per esempio:
"Leo aspettava solo che la cena fosse pronta.La madre aveva detto dieci minuti tra i brontolii del fratello e le rassicurazioni del padre che, cuoco del giorno, intonava tra poco come un tenore in astinenza da pubblico."
....
A Leo non rimase che controllare di persona l'operato del suo Pater Familias, sperando tacitamente di non risentire quella bella copia di Pavarutti. Appena afferrò la maniglia tonda della porta della cucina, Leo venne raggiunto immediatamente da un pesante aroma di cipolla fresca misto bruciato.
...
Questo passaggio puoi sfoltirlo dagli avverbi e dai particolari che servono poco all'atmosfera. Che la maniglia sia rotonda o cilindrica fallo immaginare al lettore.
Quindi verrebbe qualcosa del tipo

"Appena Leo provò ad aprire la porta della cucina per controllare l'operato del padre, fu investito da un pesante aroma di cipolla fresca, misto a bruciato"
Ho provato a riformulare l'immagine cambiando il verbo, dato che parli di un pesante aroma, mi sembra più adatto il verbo investire. Comunque è solo un esempio di come puoi sfoltire... una prova a gusto mio personale.. niente di più.. Wink

....
A suo padre le cipolle piacevano da matti, soprattutto ben cotte. Quell'odore sarebbe rimasto per un settimana almeno, ma Leo se ne fece subito una ragione (ci era abituato oramai) e spalancò la porta, lasciando che il fumo e il calore avvolgesse il suo pigiama a quadri stile picnic dopoguerra.
...
non mi convince l'espressione "se ne fece subito una ragione" avrei lasciato solo la frase tra parentesi (senza parentesi Wink ).
....
Di fronte a quella coltre appicciccosa, per un attimo Leo fece fatica a distinguere il confine tra le pareti bianche e il tavolo piazzato al centro della stanza; la posizione ideale per centrare lo spigolo con l'anca ogniqualvolta si doveva arrivare alla credenza di legno accanto alla finestra.
.....
anche questo passaggio può essere sfoltito secondo me. Inutile parlare delle pareti bianche e trovo un po' forzata la descrizione della credenza di legno. Se provi a sintetizzare puoi poi introdurre un altro particolare utile e interessante per descrivere la credenza. Io lascerei così:
"in quella coltre appiccicosa non si distinguevano i confini del tavolo col rischio di centrare in pieno lo spigolo con l'anca.
....
La parte finale mi piace. Vedo il padre che cucina e lui che spizzica le patatine e in questa scena riesco a immaginare di più la cucina....

Questo è tutto... spero di non averti "stravolto " troppo! Il ricordo c'è e la cucina pure... Wink
Ciao
_________________
Cinzia Leo
Hai mai ascoltato il silenzio del destino quando esplode? (A. Baricco )
Top
Profilo Messaggio privato Invia email MSN Messenger
Claudio Costa



Registrato: 27-11-2006 16:50
Messaggi: 413
Località: Milano

MessaggioInviato: Gio 12 Feb 2009 14:04    Oggetto: Cita

Fandango: mi piace il racconto e apprezzo particolarmente la tentazione finale che ci si deve concedere, ogni tanto.

Cile: Ero seduto calmo lì con te, nella tua cucina, quando mi hai svegliato con quel merda!. Non è un'espressione un po' eccessiva per come è scritto il tuo racconto? Forse mi è sfuggito qualcosa! Wink
_________________
Claudio Costa
Top
Profilo Messaggio privato
Cile



Registrato: 04-09-2007 16:21
Messaggi: 1125
Località: Salerno

MessaggioInviato: Gio 12 Feb 2009 14:11    Oggetto: Cita

Ciao Claudio. Ho letto la tua colazione... era una bell'atmosfera... ed è ben scritto. Forse ho visto poco la cucina e più la situazione ma non credo tu sia fuori tema... infondo avevamo molta autonomia e il lettore nell'imamgianrsi la situaizone DEVE per forza vedere la cucina. pensavo solo la dovessimo descrivere di più...

Quanto al mio "merda" era proprio un effetto shock che volevo! Quel doversi a tutti i costi affrettare. Volevo proprio evidenziare unos tato di quiete durante la colazione e l'ansia che poi ti divora quando arriva il momento che devi cominciare a correre e abbandonare la tua cucina... Wink . L'avevo scritto con termini più blandi, con un "accidenti", un "cavolo", un "Oh, no".. persino con una veloce occhiata all'orologio e un "ops" o un "peccato" ... ma nessuna di queste soluzioni mi ha soddisfatto... almeno per quello che volevo intendere..

Wink
_________________
Cinzia Leo
Hai mai ascoltato il silenzio del destino quando esplode? (A. Baricco )
Top
Profilo Messaggio privato Invia email MSN Messenger
Cile



Registrato: 04-09-2007 16:21
Messaggi: 1125
Località: Salerno

MessaggioInviato: Mar 17 Feb 2009 17:07    Oggetto: Cita

Ehi ragazzi ma questo mese solo tre post?
Possibile? siamo al 17 Febbraio e in genere a metà mese già faccio fatica a commentare e a stare dietro a tutti gli esercizi!!
Secondo me il fatto di aver nascosto l'esercizio di gennaio sotto l'indice principale "esercizi 2009" un po' ha fuorviato credo... e spero!
_________________
Cinzia Leo
Hai mai ascoltato il silenzio del destino quando esplode? (A. Baricco )
Top
Profilo Messaggio privato Invia email MSN Messenger
tar-alima



Registrato: 25-10-2006 15:04
Messaggi: 108
Località: Friuli

MessaggioInviato: Mar 17 Feb 2009 22:27    Oggetto: Cita

Ciao a tutti voi (pochini per ora, eh!). Credevo di essere già indietro come i meloni con la lettura, invece...
Per ora ho postato, e domani commento tutto, mi sa. Smile
Dici che sia davvero il nuovo titolo che turba, Cinzia? Lo spero anch'io.
_________________
Grazia Gironella
Top
Profilo Messaggio privato
valdam



Registrato: 28-09-2005 12:57
Messaggi: 1456
Località: Roma

MessaggioInviato: Mer 18 Feb 2009 00:55    Oggetto: Cita

Cile ha scritto:
Ehi ragazzi ma questo mese solo tre post?

Ero partita molto agguerrita, mi ha un po' ammosciato il tema. Non mi andava di restare sul familiar-autobiografico, però la cucina non mi suggeriva molto altro.
Non ho ancora rinunciato (se non altro, cercherò di commentare).
_________________
Valentina M. D'Amico
http://valentinadamico.altervista.org/
Se non puoi uscire dal tunnel, arredalo. - Aforisma letto nel forum.
Top
Profilo Messaggio privato HomePage
alberto sodani



Registrato: 01-01-1970 02:00
Messaggi: 1697
Località: Roma

MessaggioInviato: Mer 18 Feb 2009 11:10    Oggetto: Cita

valdam ha scritto:
Cile ha scritto:
Ehi ragazzi ma questo mese solo tre post?

Ero partita molto agguerrita, mi ha un po' ammosciato il tema. Non mi andava di restare sul familiar-autobiografico, però la cucina non mi suggeriva molto altro.
Non ho ancora rinunciato (se non altro, cercherò di commentare).


Tremo all'idea di quando arriveremo al tinello o, ancor peggio, allo sgabuzzino delle scope... Very Happy Very Happy Very Happy

vincenzo.vizzini ha scritto:
Seconda tappa del nostro viaggio: la cucina, i suoi sapori, gli odori, i litigi, gli affetti…gli amori, il caffé, il rubinetto che gocciola, insomma tanti spunti per un luogo che frequentiamo moltissimo.
Bene, ora a voi. Le regole sono le solite 1500 caratteri circa per farci vedere con i nostri occhi la vostra cucina
Buon lavoro


Certo Enzuccio, stai diventando sempre più minimalista con gli esercizi, guarda che i minimalisti poi finiscono sempre male, sappilo... Very Happy Very Happy Very Happy

P.S. "Caffè" vorrebbe la "e" finale con l'accento alla Mascagni, pettinato all'indietro... Very Happy
_________________
Alberto Sodani

detto il paratattico, (da qualche parte, qui nel forum)
fatti non foste a viver come bruti...
Festina lente...
Top
Profilo Messaggio privato
tar-alima



Registrato: 25-10-2006 15:04
Messaggi: 108
Località: Friuli

MessaggioInviato: Mer 18 Feb 2009 16:41    Oggetto: Cita

Eccomi qua con i commenti.

Fandango: Mi è piaciuto così così, anche se la situazione è simpatica. Mi sembra che ci siano troppi dettagli forzati per fare la descrizione; per esempio, è diverso se dici che il tavolo è in mezzo alla stanza etc..., oppure mandi il protagonista a sbatterci, e da lì fai l'osservazione su dove si trova il tavolo. (Spero si capisca qualcosa!)

Cinzia: Scritto bene, carini i dettagli che hai scelto di focalizzare (meglio così che puntare sul numero!) però la descrizione è molto sottolineata, e mi arriva solo a livello razionale. Forse, però, l'esercizio è anche questo. Sarebbe bello saperlo.

Claudio: Ottimo stile, strano quanto basta. Però... perché il papà deve stare zitto? Ometterei "mia figlia", perché dopo dici subito "papà!".
Citazione:
... allineo una tazza grande con vicino: corn flakes al cioccolato e tegolini. Una tazzina blu. Una tazzina arancio: la mia.

Questa frase ha una strana struttura, con i due punti e i punti fermi, che forse modificherei.
Racconto piaciuto, comunque.

Chiedo scusa se ho ripetuto qualcosa di già detto; non ho letto i commenti degli altri. A presto. Smile
_________________
Grazia Gironella
Top
Profilo Messaggio privato
Cile



Registrato: 04-09-2007 16:21
Messaggi: 1125
Località: Salerno

MessaggioInviato: Gio 19 Feb 2009 16:13    Oggetto: Cita

Tar-alima /Grazia: bellissimo! davvero motlo intenso di emozione. Sei riuscita a farmi vedere la cucina con i sentimenti della protagonista.
Aggiusterei solo la parte della composizione di frutta comprata in messico. è l'intera frase "qeulla comprata...." che finisce col punto interrogativo che non mi convince. In realtà è il punto interrogativo che mi stona.... ma è una quisquilia...
_________________
Cinzia Leo
Hai mai ascoltato il silenzio del destino quando esplode? (A. Baricco )
Top
Profilo Messaggio privato Invia email MSN Messenger
Cile



Registrato: 04-09-2007 16:21
Messaggi: 1125
Località: Salerno

MessaggioInviato: Ven 20 Feb 2009 13:03    Oggetto: Cita

Ciao Delia, mi ha colpitop il tuo post. Sicuramente ben scritto e tutte le pause e gli accenti sono al posto giusto. Sintetico e diretto quanto serve. Mi sembra far parte di qualcosa però. E' sicuramente uno scorcio di vita, un ricordo adolescenziale che proprio per la sua banalità richiama altro.
E cco perché mi dà questo senso di incompiuto. Vorrei leggere di più, saperne di più. Capire cosa è successo a quella ragazzina e perché mai mi sta raccontando questa storia. Cosa c'è dietro il rapporto col padre... insomma mi ha colpito perché vorrei andare avanti..
Forse solo una frase è poco chiara.. ma abbi un attimo di pazienza che la recupero.. Wink
_________________
Cinzia Leo
Hai mai ascoltato il silenzio del destino quando esplode? (A. Baricco )
Top
Profilo Messaggio privato Invia email MSN Messenger
Cile



Registrato: 04-09-2007 16:21
Messaggi: 1125
Località: Salerno

MessaggioInviato: Ven 20 Feb 2009 13:22    Oggetto: Cita

Ecco la frase
"Chiusi gli occhi e la vidi avvolta nella vestaglia a quadri, i capelli in ordine, che mi chiedeva cosa volessi per pranzo. "
Credo sia decisiva perché qui vuoi far capire che la madre è morta, forse e lo scorcio di vita che racconti nasconde un disagio che non è solo adolescenziale.
Aggiusterei questa frase per renderla più chiara e di maggiore impatto... per me naturalmente Wink

" Chiusi gli occhi e la vidi: avvolta nella vestaglia, capelli in ordine, mi chiedeva cosa cucinare a pranzo. "

Così dai più focus alla frase, penso! Wink
_________________
Cinzia Leo
Hai mai ascoltato il silenzio del destino quando esplode? (A. Baricco )
Top
Profilo Messaggio privato Invia email MSN Messenger
delia



Registrato: 07-06-2006 12:48
Messaggi: 280

MessaggioInviato: Ven 20 Feb 2009 22:25    Oggetto: Cita

Grazie Cile per i commenti.
Che fosse la nonna non sono riuscita a farlo capire eh? Smile
_________________
Non è perchè le cose sono difficili che non osiamo, ma è perchè non osiamo che sono difficili (Seneca)
Top
Profilo Messaggio privato
alberto sodani



Registrato: 01-01-1970 02:00
Messaggi: 1697
Località: Roma

MessaggioInviato: Dom 22 Feb 2009 19:11    Oggetto: Cita

Ho postato, in corner. Chiedo subito scusa a Delia, perché una delle due idee del brano mi è venuta leggendola (anche se lì pensavo fosse una ex ragaza anoressica a ricordare della madre) e un'altra m'è venuta ieri mattina mentre pagaiavo, ma non sono particolarmente convinto.

Ciao a tutti, alla prossima. Very Happy

Alberto
_________________
Alberto Sodani

detto il paratattico, (da qualche parte, qui nel forum)
fatti non foste a viver come bruti...
Festina lente...
Top
Profilo Messaggio privato
delia



Registrato: 07-06-2006 12:48
Messaggi: 280

MessaggioInviato: Dom 22 Feb 2009 22:55    Oggetto: Cita

Adesso le leggo.
Fantastico comunque. Ho scritto venti righe e ogni lettore ha interpretato una storia a modo suo. I casi sono due: o ho capito alla lettera le lezioni di Franco Wink oppure non ho capito niente Rolling Eyes !

O forse tutt'e due!! Razz
_________________
Non è perchè le cose sono difficili che non osiamo, ma è perchè non osiamo che sono difficili (Seneca)
Top
Profilo Messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   
Nuova discussione   Rispondi    Torna a Indice principale :: Torna a ESERCIZI 2009 Tutti i fusi orari sono GMT + 2 ore
Vai a pagina 1, 2, 3, 4  Successivo
Pagina 1 di 4

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuove discussioni in questo forum
Non puoi rispondere alle discussioni in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum