WritersMagazine
Credits | Contatti | Invio dattiloscritti | Creare un link


Cos'è l'infodump?


Vai a pagina Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9  Successivo
Nuova discussione   Rispondi
« Precedente :: Successivo »  
Autore Messaggio
Kenji



Registrato: 01-01-1970 02:00
Messaggi: 343
Località: Varese

MessaggioInviato: Dom 24 Gen 2016 22:22    Oggetto: Cita

Trovato, trovato. Ma mettili nella firma! Così fai un po' il figo. O sei modesto?
Comunque facciamo degli esempi di infodump tratti dai miei scritti:
Nel racconto L'orsa che voleva sapere, che ho inviato al premio WMI, iniziò parlando delle abitudini alimentari della protagonista. Essendo un'orsa, è onnivora. Però questo incipit spiega che abitudini ha la protagonista, non solo alimentari. E' un modo per dare profondità al personaggio. Però è da sottolineare che non spiego soltanto cosa mangia, ma pure la sua personalità.
E' un infodump?
Secondo esempio: oggi ho scritto alcune pagine di un romanzo fantasy. Il protagonista vede dei folletti e li trova brutti. Quindi uso quindici (15) parole per descriverli.
E' un infodump?
_________________
Il serpente che si morde la coda, collana Imperium, Delos Digital
Il grande attacco, collana History Crime, Delos Digital
Dare vita, dare morte, collana Imperium, Delos Digital
Top
Profilo Messaggio privato HomePage
Antonino Fazio



Registrato: 01-01-1970 02:00
Messaggi: 7566

MessaggioInviato: Dom 24 Gen 2016 22:54    Oggetto: Cita

Non sono in grado di risponderti, perché la questione ha a che fare con il modo in cui hai descritto i passaggi. In linea di massima, comunque, la risposta è che sì, si tratta di infodump, per il semplice fatto che sono informazioni preliminari che tu fornisci al lettore, prima di iniziare la storia che vuoi raccontare. Il segreto consiste invece nel fare in modo che le informazioni siano parte della storia.
Top
Profilo Messaggio privato Invia email
Kenji



Registrato: 01-01-1970 02:00
Messaggi: 343
Località: Varese

MessaggioInviato: Lun 25 Gen 2016 13:21    Oggetto: Cita

Penso sia meglio che mi legga con maggiore attenzione il libro di Massai. Finora mi avete dato fin troppi esempi, e ulteriori risulterebbero ridondanti.
_________________
Il serpente che si morde la coda, collana Imperium, Delos Digital
Il grande attacco, collana History Crime, Delos Digital
Dare vita, dare morte, collana Imperium, Delos Digital
Top
Profilo Messaggio privato HomePage
Luca Di Gialleonardo



Registrato: 01-01-1970 02:00
Messaggi: 2258
Località: Anagni (FR)

MessaggioInviato: Lun 25 Gen 2016 22:40    Oggetto: Cita

Come dice Kenji, basta che uno non si collega per un po' e trova tante ottime risposte.
Se posso darti un consiglio sull'esempio dell'orsa che fai, si tratta di infodump se come narratore ti metti a spiegare le abitudini dell'orsa. Un modo per ovviare è quello di non spiegare o raccontare, ma mostrare le abitudini dell'orsa.
Un esempio molto banale.

"L'orsa amava uscire di mattina presto, per trovare le noci più fresche, prima che gli scoiattoli gliele rubassero."

Potrebbe diventare.

"L'orsa affacciò il muso fuori dalla tana. Il sole iniziava a colorare il bosco ancora immerso in una morbida coltre di ombra. Il naso esplorò tra gli alberi, e colse la presenza di noci fresche, appena cadute dagli alberi. Gli scoiattoli stavano ancora sonnecchiando e quelle delizie erano ancora tutte lì per lei.
- Anche stamattina vi ho fregato, piccoli dentoni senza cervello - sghignazzò l'orsa."

Si può fare di meglio, lo so, ma tra i due brani c'è molta differenza. Nel primo il narratore ci spiega quello che ama fare l'orsa. Nel secondo il narratore lascia spazio al punto di vista dell'orsa ed è lei che ci mostra quello che ama fare e la battuta finale ci fa capire che lo ama fare tutte le mattine.
Come vedi, l'infodump è strettamente legato al punto di vista che usi per la narrazione. Gli esempi fatti da Antonino e altri sono molto chiari in questo.
Prendiamo il brano di Kenji. Se stai raccontando dal pdv di Kenji non puoi mai mettere nella descrizione che lui è caucasico pur chiamandosi Kenji, perché lui lo sa e qualsiasi descrizione sarebbe infodump (e un errore di pdv). Puoi far emergere il contrasto solo se è Isabella a dirlo. Se invece il pdv è di Isabella, allora puoi metterlo anche nella descrizione, nei modi che Antonino ti ha suggerito.
Stessa cosa quando introduci uno strumento o un'arma strana. Se chi guida il pdv conosce quello strumento non puoi metterti a descriverlo per spiegarlo al lettore, perché il personaggio non ne avrebbe necessità. Ma puoi infilare qualche elemento nell'azione ("schiacciò il pulsante", "afferrò il manico", "affilò la lunga lama con attenzione", ...). Spesso il trucco è usare il pdv di un persona che non conosce bene l'ambiente in cui ci si muove. Prendi Harry Potter. Lui non sa nulla del mondo della magia e questo dà alla Rowling la possibilità di descriverci tutto e farci spiegare quello che serve dagli altri personaggi. Questo almeno nei primi romanzi, perché poi come Harry anche noi conosciamo molte cose e non è più necessario spiegarci tutto.
_________________
Luca Di Gialleonardo

www.lucadj.com
www.lafratellanzadelladaga.it
Top
Profilo Messaggio privato HomePage
roberto g



Registrato: 01-01-1970 02:00
Messaggi: 1151
Località: Civitanova Marche

MessaggioInviato: Mar 26 Gen 2016 09:29    Oggetto: Cita

In alcuni casi saltare proprio le informazioni è uno stimolo in più per il lettore. Ci sono romanzi fantasy o di fantascienza in cui vengono nominate macchine, animali o utensili dai nomi ignoti senza nessuna spiegazione, visto che i personaggi agiscono nel loro mondo e sanno benissimo di cosa si tratti. E il lettore, con il cervello acceso per la curiosità, pian piano cerca di comprendere cosa siano dall'uso che i personaggi ne fanno.
_________________
Roberto Guarnieri

"Ed Egli aveva visitato il Tilmun e comprendeva le lingue di prima del Diluvio" epopea di Gilgamesh
Delos Digital: Il Circolo Dell'Arca
Terra Incognita
Finalista Algernoon 2012 e 2015, Stella Doppia 2013, Robot 2014
Top
Profilo Messaggio privato Invia email
Kenji



Registrato: 01-01-1970 02:00
Messaggi: 343
Località: Varese

MessaggioInviato: Mar 26 Gen 2016 13:07    Oggetto: Cita

Quindi l'infodump può essere definito un errore di PDV.
Ma allora l'espressione "Show, don't tell"?
Personalmente m'ingabruglia, quest'espressione. Dice mostra, non raccontare. Ma se finora mi avete detto che descrivere è quasi sempre un infodump e quindi un errore, adesso devo descrivere? Mi sembra un gatto che si morde la coda.
_________________
Il serpente che si morde la coda, collana Imperium, Delos Digital
Il grande attacco, collana History Crime, Delos Digital
Dare vita, dare morte, collana Imperium, Delos Digital
Top
Profilo Messaggio privato HomePage
Marco



Registrato: 01-01-1970 02:00
Messaggi: 820
Località: Lugano - Svizzera

MessaggioInviato: Mar 26 Gen 2016 13:53    Oggetto: Cita

Non ancora letto, ahimè, l'ebook sull'infodump, ma potresti provare a vederlo come un problema del lettore. Non è facile dare delle regole per definire cosa è o cosa non è infodump, ma se il lettore percepisce che gli stai dando troppe informazioni che lo sviano dal seguire la storia, allora stai facendo qualcosa di sbagliato.
_________________
Marco Faré
http://settequattro.wordpress.com/
Top
Profilo Messaggio privato HomePage
M.T.



Registrato: 01-01-1970 02:00
Messaggi: 443

MessaggioInviato: Mar 26 Gen 2016 14:51    Oggetto: Cita

Lo "Show, don't tell" è una regola utile, ma non deve essere qualcosa di rigido da applicare sempre, perché se si vuole mostrare sempre tutto, non si finisce più di scrivere, e allora il raccontare può essere utile per dare sintesi al testo (altra cosa da non dimenticare).
Per esempio, un personaggio racconta a un altro una sua esperienza (es. "Mi ricordo che quando ero militare ho fatto questo, questo e quest'altro"), il tell del motto qui sopra. Invece sarebbe un mostrare se per l'esperienza del personaggio si usasse un flashback dove si "apre" una finestra sul passato e lo si mostra come se fosse qualcosa di presente.

Altro esempio.
Tu scrivi. "Marco era una persona pacifica." Stai raccontando.

L'uomo assalì Marco. "Sei un idiota, un imbecille" gli urlò contro con rabbia. "Sei un fallito, un maledetto schifoso fallito: gente come te la dovrebbero bruciare come hanno fatto i nazisti nella Seconda Guerra Mondiale." Con un moto di disgusto gli sputò in faccia.
Marco non reagì, si limitò a togliersi la saliva dalla guancia con un fazzoletto.

In questo caso mostri che Marco è pacifico, dato che altri dinanzi a questo comportamento avrebbero usato le mani (si potrebbe obiettare che potrebbe essere anche un vigliacco, ma per far capire l'esempio prendiamo il fatto che Marco è uno a cui piace la pace).
_________________

Top
Profilo Messaggio privato HomePage
Kenji



Registrato: 01-01-1970 02:00
Messaggi: 343
Località: Varese

MessaggioInviato: Mar 26 Gen 2016 16:55    Oggetto: Cita

Quindi in questo caso raccontare è un infodump, mostrare è corretto, perché il carattere del personaggio viene mostrato in un esempio.
_________________
Il serpente che si morde la coda, collana Imperium, Delos Digital
Il grande attacco, collana History Crime, Delos Digital
Dare vita, dare morte, collana Imperium, Delos Digital
Top
Profilo Messaggio privato HomePage
jpaulverlain



Registrato: 01-01-1970 02:00
Messaggi: 12552
Località: Palazzolo ACREIDE-RAGUSA

MessaggioInviato: Mar 26 Gen 2016 18:40    Oggetto: Cita

Kenji ha scritto:
Quindi in questo caso raccontare è un infodump, mostrare è corretto, perché il carattere del personaggio viene mostrato in un esempio.

@ Non proprio. Raccontare non è INFO è un modo diverso di impostare il lavoro di narrativa. All'interno del narrare, che non è sinonimo di raccontare ma due cose completamente diverse, puoi cadere nell' INFO.
Guarda, sono concetti che piano piano assimilerai e lo farai più in fretta se farai un corso di scrittura o leggerai il bel manuale di Marco Phil.
Parola di uno che c'è passato.
_________________
Salvo Andrea Figura
"Asparago siculo" Giallo24-Mondadori. gen. 2013.
"La neve di Piazza del Campo" Mondadori 3077 2013..
"La Terra, il Cielo e il Costato" History Crime 2014
"La pulce e il cappio" Hist-crime 2015
Top
Profilo Messaggio privato Invia email HomePage MSN Messenger
Kenji



Registrato: 01-01-1970 02:00
Messaggi: 343
Località: Varese

MessaggioInviato: Mar 26 Gen 2016 18:55    Oggetto: Cita

Marco Phil? Intendi Marco Massai?
_________________
Il serpente che si morde la coda, collana Imperium, Delos Digital
Il grande attacco, collana History Crime, Delos Digital
Dare vita, dare morte, collana Imperium, Delos Digital
Top
Profilo Messaggio privato HomePage
jpaulverlain



Registrato: 01-01-1970 02:00
Messaggi: 12552
Località: Palazzolo ACREIDE-RAGUSA

MessaggioInviato: Mar 26 Gen 2016 23:15    Oggetto: Cita

Kenji ha scritto:
Marco Phil? Intendi Marco Massai?

@ Sì proprio lui. Nonostante io scriva già da un po', i suoi manuali mi sono stati davvero d'aiuto. E' un ottimo didatta, come lo è Antonino(Fazio) e per altri versi e altri generi, anche gli altri amici che si cimentano nella didattica della difficile arte del narrare.
_________________
Salvo Andrea Figura
"Asparago siculo" Giallo24-Mondadori. gen. 2013.
"La neve di Piazza del Campo" Mondadori 3077 2013..
"La Terra, il Cielo e il Costato" History Crime 2014
"La pulce e il cappio" Hist-crime 2015
Top
Profilo Messaggio privato Invia email HomePage MSN Messenger
Kenji



Registrato: 01-01-1970 02:00
Messaggi: 343
Località: Varese

MessaggioInviato: Mer 27 Gen 2016 14:35    Oggetto: Cita

L'ho comprato e lo sto rileggendo con attenzione, anche se certe cose non mi sono chiare: nel secondo capitolo dice che, ne Il visconte dimezzato, il protagonista viene salvato dai medici e non spiega come. Si dice:"Chissà cosa fecero". Calvino non ha voluto dire come i medici salvarono il visconte, okay. Ma perché quando faccio leggere i miei incipit e non spiego una cosa la gente mi ammazza e mi boccia pretendendo di sapere tutto?
_________________
Il serpente che si morde la coda, collana Imperium, Delos Digital
Il grande attacco, collana History Crime, Delos Digital
Dare vita, dare morte, collana Imperium, Delos Digital
Top
Profilo Messaggio privato HomePage
M.T.



Registrato: 01-01-1970 02:00
Messaggi: 443

MessaggioInviato: Mer 27 Gen 2016 17:22    Oggetto: Cita

Kenji, un autore deve riuscire a prendere le critiche che sono utili e lasciar andare le altre: qualunque pezzo tu scriverai non andrà bene a tutti, ci sarà sempre chi avrà qualcosa da dire. A questo punto o impazzisci a cercare d'accontentare tutti (ed è impossibile) o smetti di scrivere o te ne freghi.
La risposta che posso darti su quello che ti accade è perché Calvino è uno scrittore divenuto famoso e quindi si reputa che quello che scrive è giusto e quindi va bene, mentre tu sei uno sconosciuto e se non sei famoso, è perché ti mancano capacità: questo pensa la maggior parte della gente. Questo non è detto però che sia giusto; quello che ti posso dire è che c'è sempre da imparare e si può sempre migliorare. Il resto, lasciatelo alle spalle.
Specie in Italia si vuole tutto facile e tutto pronto perché non si vuole pensare. Ma se anche fai così, verrai criticato. Leggi la saga Malazan di Steven Erikson, uno scrittore che non ti spiega nulla, dove le cose le scopri e le comprendi dopo aver letto centinaia di pagine e allora capisci quanto è grande e geniale il lavoro che ha fatto.
_________________

Top
Profilo Messaggio privato HomePage
jpaulverlain



Registrato: 01-01-1970 02:00
Messaggi: 12552
Località: Palazzolo ACREIDE-RAGUSA

MessaggioInviato: Mer 27 Gen 2016 17:31    Oggetto: Cita

M.T. ha scritto:
Kenji, un autore deve riuscire a prendere le critiche che sono utili e lasciar andare le altre: qualunque pezzo tu scriverai non andrà bene a tutti, ci sarà sempre chi avrà qualcosa da dire. A questo punto o impazzisci a cercare d'accontentare tutti (ed è impossibile) o smetti di scrivere o te ne freghi.
La risposta che posso darti su quello che ti accade è perché Calvino è uno scrittore divenuto famoso e quindi si reputa che quello che scrive è giusto e quindi va bene, mentre tu sei uno sconosciuto e se non sei famoso, è perché ti mancano capacità: questo pensa la maggior parte della gente. Questo non è detto però che sia giusto; quello che ti posso dire è che c'è sempre da imparare e si può sempre migliorare. Il resto, lasciatelo alle spalle.
Specie in Italia si vuole tutto facile e tutto pronto perché non si vuole pensare. Ma se anche fai così, verrai criticato. Leggi la saga Malazan di Steven Erikson, uno scrittore che non ti spiega nulla, dove le cose le scopri e le comprendi dopo aver letto centinaia di pagine e allora capisci quanto è grande e geniale il lavoro che ha fatto.

@Quoto... come si dice in gergo e aggiungo che il vecchio detto latino diceva: "Est modus in rebus". Ciè in ogni cosa che fai è il modo in cui la fai che la rende valida o no.
_________________
Salvo Andrea Figura
"Asparago siculo" Giallo24-Mondadori. gen. 2013.
"La neve di Piazza del Campo" Mondadori 3077 2013..
"La Terra, il Cielo e il Costato" History Crime 2014
"La pulce e il cappio" Hist-crime 2015
Top
Profilo Messaggio privato Invia email HomePage MSN Messenger
Mostra prima i messaggi di:   
Nuova discussione   Rispondi    Torna a Indice principale :: Torna a Scrivere racconti Tutti i fusi orari sono GMT + 2 ore
Vai a pagina Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9  Successivo
Pagina 5 di 9

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuove discussioni in questo forum
Non puoi rispondere alle discussioni in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum