WritersMagazine
Credits | Contatti | Invio dattiloscritti | Creare un link


Cos'è l'infodump?


Vai a pagina Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9  Successivo
Nuova discussione   Rispondi
« Precedente :: Successivo »  
Autore Messaggio
Mauss



Registrato: 27-01-2006 12:36
Messaggi: 542

MessaggioInviato: Ven 17 Ott 2008 15:03    Oggetto: Cita

Mauss ha scritto:
Vorrei fare una domanda.
Forse, narrando in prima persona, l'infodump è più tollerabile?


Fabrizio, mi rispondi per favore? Solo tu puoi sciogliermi questo dubbio Smile
_________________
Non scrivo sogni ma solite realtà. Parola di Mauro Simeone.
Top
Profilo Messaggio privato
S-M-N



Registrato: 04-02-2006 18:44
Messaggi: 690

MessaggioInviato: Ven 17 Ott 2008 16:21    Oggetto: Cita

Un'altra tecnica abbastanza mediocre è al cinema quando il protagonista ascolta i messaggi in segreteria telefonica che gli spiegano tutta la trama.

Dico mediocre perché oggi come oggi col cellulare non so quanta gente ci sia che tornata a casa ascolta i messaggi mentre fa le faccende domestiche.

Riguardo all'infodump in prima persona (per rispondere alla domanda, ma vale per tutte le forme narrative) secondo me non è bello che stai lì a spiegare cose che il protagonista dovrebbe sapere, ma qualche informazione ogni tanto ci può stare. Un romanzo non è un oggetto meccanico ma il testo deve semplicemente suonare naturale e catturare i lettori.

Certi classici del passato poi sono solo infodump con un po' di trama intorno, e non è che siano brutti! ^^

Simone
_________________
http://www.simonenavarra.net
Top
Profilo Messaggio privato HomePage
SteLovable



Registrato: 05-07-2013 00:22
Messaggi: 2

MessaggioInviato: Sab 19 Apr 2014 14:14    Oggetto: Cita

Ho trovato di recente una definizione di infodump niente male, voi che ne dite?
Top
Profilo Messaggio privato
Lady Holmes



Registrato: 02-04-2011 00:31
Messaggi: 2241
Località: Piemonte

MessaggioInviato: Dom 20 Apr 2014 23:03    Oggetto: Cita

Io scrivo spesso in prima persona ma trovo che l'infodump sia altrettanto fastidioso, anzi, a volte pure più esilarante, perché se già è assurdo spiegare le cose a uno che le sa, è ancora più assurdo spiegare a se stessi cose che si sanno. I modi per evitarlo si imparano con l'esperienza, scrivendo, rileggendo, modificando, rileggendo, riscrivendo, rileggendo, rimodificando. Dopo un po' ci si prende la mano e si evita di metterlo. Il difficile è accorgersene quando si è agli inizi. Se nessuno te lo fa notare, da solo non te ne accorgi. Wink
_________________
Patrizia Trinchero
Top
Profilo Messaggio privato
Kenji



Registrato: 01-01-1970 02:00
Messaggi: 342
Località: Varese

MessaggioInviato: Dom 17 Gen 2016 13:46    Oggetto: Cita

Ciao! Mi aggiungo in questa conversazione nonostante siano passati degli anni da quando è stata aperta. Sto rivedendo un mio romanzo fantasy e nella mia storia c'è una situazione geopolitica intricata. Nel senso che ci sono dei paesi che si fanno la guerra, e ogni paese ha la sua storia. Se nomino una popolazione o un paese, devo spiegare qual'è la sua storia, no? Oppure si tratta di infodump?
_________________
Il serpente che si morde la coda, collana Imperium, Delos Digital
Il grande attacco, collana History Crime, Delos Digital
Dare vita, dare morte, collana Imperium, Delos Digital
Top
Profilo Messaggio privato HomePage
Antonino Fazio



Registrato: 01-01-1970 02:00
Messaggi: 7566

MessaggioInviato: Dom 17 Gen 2016 14:15    Oggetto: Cita

Sì, che si tratta di infodump (a proposito, "qual è" non richiede l'apostrofo). Tu devi conoscere la storia di questi paesi, ma il lettore ne deve sapere solo quanto basta per capire cosa succede. Questo non vuol dire che puoi fare infodump ma senza esagerare, vuol dire che devi fare in modo che il lettore, alla fine, capisca quello che accade ai personaggi. Le informazioni devono quindi emergere dalla storia e non devono essere fornite necessariamente in anticipo.
Tutto ciò non chiarisce come si fa, ma in proposito puoi leggere il n. 9 della collana in ebook "Scuola di scrittura. Scrivere narrativa" che è stato scritto da Marco Massai e riguarda, appunto, l'infodump.
Più in generale, puoi trovare questioni di tecnica trattate sia sulla rivista Writers Magazine, sia nella collana "Scuola di scrittura", che è suddivisa in ben cinque filoni.
Top
Profilo Messaggio privato Invia email
Kenji



Registrato: 01-01-1970 02:00
Messaggi: 342
Località: Varese

MessaggioInviato: Dom 17 Gen 2016 16:31    Oggetto: Cita

Non vorrei fare la figura di quello che non impara, ma vorrei capire: se nel mio romanzo parlo della Repubblica di Verdonia (un nome così), non sarebbe meglio spiegare com'è nata questa repubblica? Io non vorrei scambiare per infodump qualcosa che serve al lettore per capire. Nel mio romanzo gli abitanti di questo paese contano gli anni dalla fondazione della loro patria. In questo caso, non è doveroso raccontare cos'è successo? Inoltre, la nascita della Repubblica di Verdonia è concatenata alla nascita della Repubblica di Neronia (altro nome inventato, che non figura nel mio scritto). Non è meglio scrivere perché è nata la Repubblica di Neronia? Il fatto è che questo romanzo fantasy ha una sua storia. Non posso scrivere nomi di paesi senza spiegare perché esistono, come sono fondati. Se non lo facessi, è come se scrivessi un saggio sulla Seconda guerra mondiale senza dire che le sue cause sono da ricercare nella Prima.
Comunque hai ragione! Qual''è non si scrive con l'apostrofo. Ne richiede due!
_________________
Il serpente che si morde la coda, collana Imperium, Delos Digital
Il grande attacco, collana History Crime, Delos Digital
Dare vita, dare morte, collana Imperium, Delos Digital
Top
Profilo Messaggio privato HomePage
Massimiliano Giri



Registrato: 01-01-1970 02:00
Messaggi: 1977
Località: Rep. San Marino

MessaggioInviato: Dom 17 Gen 2016 16:39    Oggetto: Cita

Kenji ha scritto:
Non vorrei fare la figura di quello che non impara, ma vorrei capire: se nel mio romanzo parlo della Repubblica di Verdonia (un nome così), non sarebbe meglio spiegare com'è nata questa repubblica? Io non vorrei scambiare per infodump qualcosa che serve al lettore per capire. Nel mio romanzo gli abitanti di questo paese contano gli anni dalla fondazione della loro patria. In questo caso, non è doveroso raccontare cos'è successo? Inoltre, la nascita della Repubblica di Verdonia è concatenata alla nascita della Repubblica di Neronia (altro nome inventato, che non figura nel mio scritto). Non è meglio scrivere perché è nata la Repubblica di Neronia? Il fatto è che questo romanzo fantasy ha una sua storia. Non posso scrivere nomi di paesi senza spiegare perché esistono, come sono fondati. Se non lo facessi, è come se scrivessi un saggio sulla Seconda guerra mondiale senza dire che le sue cause sono da ricercare nella Prima.
Comunque hai ragione! Qual''è non si scrive con l'apostrofo. Ne richiede due!


Esistono molti modi per dare le informazioni. Se lo fai come voce narrante, dopo un po' sembra che stai raccontando la favolina al lettore. Sembra che lo stai imboccando con le tue informazioni perché hai paura che non capisca. Esiste, tuttavia, un ottimo modo per dare informazioni senza che siano invadenti e senza che il lettore si accorga che lo stai imboccando: attraverso i dialoghi fra personaggi.

Per esempio, potresti creare una scena dove alcuni bambini vengono istruiti a scuola sulla storia di Verdonia e Neronia. Potresti usare i dialoghi fra insegnate e allievi per dare le informazioni necessarie.

Comunque, se per Verdonia è l’anno 3600, perché dovresti spiegare a partire da cosa? Se non sono informazioni utili e funzionali alla storia, non serve darle...
_________________
www.massimilianogiri.net

Gli squali di Aden - Segretissimo Mondadori - 2015
Operazione Cinque Cerchi - Segretissimo Mondadori - 2016
I polmoni del nuovo mondo - Urania Mondadori - 2018
Top
Profilo Messaggio privato HomePage
Kenji



Registrato: 01-01-1970 02:00
Messaggi: 342
Località: Varese

MessaggioInviato: Dom 17 Gen 2016 17:31    Oggetto: Cita

Dunque, sto leggendo il libro di Massai, e ho avuto un'idea: e se la storia dei due paesi la raccontassi con un flashback, con il PDV di un personaggio che ha vissuto la nascita dei due paesi? Come ti ho già detto, io non ho inventato questi due paesi così per fare il figo, ma perché centrano con la storia. Che senso avrebbe raccontare una storia sul Sud Sudan senza menzionare la guerra civile con il governo di Khartoum? Quel che voglio farti capire è che questo universo fantasy ha una sua storia, e non credo sia serio menzionare dei paesi senza spiegare perché e come sono nati. Sarebbe come raccontare della DDR e non dire che nacque a seguito dell'occupazione sovietica di parte della Germania. E poi, in fondo, mi romperebbe eliminare almeno 10000 battute dal mio romanzo.
_________________
Il serpente che si morde la coda, collana Imperium, Delos Digital
Il grande attacco, collana History Crime, Delos Digital
Dare vita, dare morte, collana Imperium, Delos Digital
Top
Profilo Messaggio privato HomePage
Antonino Fazio



Registrato: 01-01-1970 02:00
Messaggi: 7566

MessaggioInviato: Dom 17 Gen 2016 17:34    Oggetto: Cita

Come dice Max, da quello che dici non emerge alcun motivo per cui tu debba fornire tutte queste spiegazioni al lettore. Non sai scrivendo un saggio, ma un'opera di narrativa. Tu sei il costruttore del mondo che racconti, perciò devi sapere tutto (insomma... non proprio tutto, ma gli elementi principali del mondo che hai inventato, personaggi compresi) ma al lettore devi dire solo quello che gli serve per capire, non devi travasare nella sua testa tutto quello che sai tu, solo perché ti sei preso la briga di inventarlo. Quello che sai ti serve per rendere la storia credibile e coerente, non per spiegarlo al lettore.
Top
Profilo Messaggio privato Invia email
Salvatore Stefanelli



Registrato: 01-01-1970 02:00
Messaggi: 9442
Località: Napoli

MessaggioInviato: Dom 17 Gen 2016 19:24    Oggetto: Cita

Tu vivi in Italia e l'Italia ha una sua storia, ma se narri un accadimento ambientato in Italia non devi mica spiegare prima tutta la sua storia per far capire come si è arrivati all'epoca di cui narri. Insomma, se un fatto che vuoi narrare ha una sua precisa origine storica e questa storia può servire al proseguio della trama, allora devi trovare il modo per dare degli imput sul passato ma che emergano naturalmente dai dialoghi o dalle atmosfere di quanto dici oggi, non certo inseriti come insegnamenti di tipo scolastico o similari.
_________________
Tace la notte, piena di parole, al vento gelido del nord. Le stelle vibrano nel buio e l'anima non sembra più così sola. Ti parlo, Vuoto, perché tu possa riempirti d'amore.

Vorrei camminare per il mondo, nudo, e sentirmi vestito di Creato.
Top
Profilo Messaggio privato Invia email
Kenji



Registrato: 01-01-1970 02:00
Messaggi: 342
Località: Varese

MessaggioInviato: Dom 17 Gen 2016 20:15    Oggetto: Cita

Salvatore Stefanelli ha scritto:
Tu vivi in Italia e l'Italia ha una sua storia, ma se narri un accadimento ambientato in Italia non devi mica spiegare prima tutta la sua storia per far capire come si è arrivati all'epoca di cui narri. Insomma, se un fatto che vuoi narrare ha una sua precisa origine storica e questa storia può servire al proseguio della trama, allora devi trovare il modo per dare degli imput sul passato ma che emergano naturalmente dai dialoghi o dalle atmosfere di quanto dici oggi, non certo inseriti come insegnamenti di tipo scolastico o similari.


Secondo me non mi capisci. Il mondo di cui tratto è un universo fantasy. Non come Harry Potter, ambientato nel Regno Unito dei giorni nostri, ma come Il signore degli anelli e l'universo di Warhammer Fantasy Battle.
Ammettiamo: in Harry Potter è inutile spiegare che il Regno Unito è costituito da Inghilterra, Galles, Scozia e Ulster. Il lettore lo sa già. Ma è doveroso spiegare chi sia Voldemort, chi siano i babbani e cosa siano dissennatori e maghinò.
Nel mio mondo, ci sono cose di mia invenzione. Ok, ci sono elfi e troll, ma c'è anche altro. Non vorrei peccare di superbia, ma credo che quel che ho ritenuto infodump non lo siano. Se li elimino dal romanzo, il lettore si dirà: ma chi sono gli abitanti di Verdonia? E non sono semplici umani, o folletti (creature di cui sappiamo già l'origine, grosso modo), ma creature mai viste in altri romanzi.
_________________
Il serpente che si morde la coda, collana Imperium, Delos Digital
Il grande attacco, collana History Crime, Delos Digital
Dare vita, dare morte, collana Imperium, Delos Digital
Top
Profilo Messaggio privato HomePage
Kenji



Registrato: 01-01-1970 02:00
Messaggi: 342
Località: Varese

MessaggioInviato: Dom 17 Gen 2016 20:18    Oggetto: Cita

Massimiliano Giri ha scritto:
Comunque, se per Verdonia è l’anno 3600, perché dovresti spiegare a partire da cosa? Se non sono informazioni utili e funzionali alla storia, non serve darle...

Altro equivoco, dovuto al fatto che non vi sto parlando delle mie invenzioni. Il popolo in questione non conta gli anni come noi, di questa realtà. E' un mondo completamente slegato dal nostro, dove questo popolo, nello specifico, conta gli anni dalla fondazione del loro paese. Inizio il romanzo dicendo che si svolge in quest'anno, e il lettore si chiederà:"Perché da quest'anno?". In quel che temo sia un infodump (poi magari non lo è), spiego cos'è successo in quel preciso periodo storico. E poi, i personaggi compiono un'azione militare contro un altro paese, perché lo odiano. Ma perché lo odiano? Nel sospetto infodump è spiegato.
_________________
Il serpente che si morde la coda, collana Imperium, Delos Digital
Il grande attacco, collana History Crime, Delos Digital
Dare vita, dare morte, collana Imperium, Delos Digital
Top
Profilo Messaggio privato HomePage
Antonino Fazio



Registrato: 01-01-1970 02:00
Messaggi: 7566

MessaggioInviato: Dom 17 Gen 2016 20:26    Oggetto: Cita

Temo che non ti sia ancora chiaro cosa sia l'infodump. Piuttosto che continuare a spiegartelo, sarebbe meglio che dessi tu una definizione, per dimostrare che il tuo non lo sarebbe.
Top
Profilo Messaggio privato Invia email
Kenji



Registrato: 01-01-1970 02:00
Messaggi: 342
Località: Varese

MessaggioInviato: Lun 18 Gen 2016 12:43    Oggetto: Cita

Antonino Fazio ha scritto:
Temo che non ti sia ancora chiaro cosa sia l'infodump. Piuttosto che continuare a spiegartelo, sarebbe meglio che dessi tu una definizione, per dimostrare che il tuo non lo sarebbe.

Può darsi. Be', eccoti accontentato: penso che l'infodump sia quando lo scrittore scrive informazioni inutili al fine del racconto, se non anche ripetitive. Il mio dubbio sta nel fatto che nel romanzo che ho scritto ho dedicato un intero capitolo (non intendo dieci pagine) al perché Verdonia è stata fondata, conseguenza della nascita di Neronia, e perché Verdonia odia (un altro nome inventato) Giallonia.
_________________
Il serpente che si morde la coda, collana Imperium, Delos Digital
Il grande attacco, collana History Crime, Delos Digital
Dare vita, dare morte, collana Imperium, Delos Digital
Top
Profilo Messaggio privato HomePage
Mostra prima i messaggi di:   
Nuova discussione   Rispondi    Torna a Indice principale :: Torna a Scrivere racconti Tutti i fusi orari sono GMT + 2 ore
Vai a pagina Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9  Successivo
Pagina 2 di 9

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuove discussioni in questo forum
Non puoi rispondere alle discussioni in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum