WritersMagazine
Credits | Contatti | Invio dattiloscritti | Creare un link


Cos'è l'infodump?


Vai a pagina Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9  Successivo
Nuova discussione   Rispondi
« Precedente :: Successivo »  
Autore Messaggio
Antonino Fazio



Registrato: 01-01-1970 02:00
Messaggi: 7566

MessaggioInviato: Dom 31 Gen 2016 12:14    Oggetto: Cita

Le descrizioni in quanto tali non sono infodump, ma seguono le stesse regole. Non devono essere inutili, lunghe, mal scritte o noiose, e non vanno messe nel punto sbagliato.
Per fare un esempio, se nel bel mezzo di una lotta ti fermi a descrivere l'ambientazione è un errore madornale. Altrettanto sbagliato è se fermi l'azione per fornire informazioni. Non è quello il momento per farlo.
La descrizione di un ambiente all'inizio di una scena, se è ben scritta e non troppo lunga va bene, a meno che tu non voglia iniziare in modo dinamico (quel che si dice "in medias res", che indica la scelta di cominciare entrando subito nel cuore della vicenda, in genere nel mezzo di un'azione).
Top
Profilo Messaggio privato Invia email
jpaulverlain



Registrato: 01-01-1970 02:00
Messaggi: 12552
Località: Palazzolo ACREIDE-RAGUSA

MessaggioInviato: Dom 31 Gen 2016 14:19    Oggetto: Cita

Antonino Fazio ha scritto:
Citazione:
Le descrizioni in quanto tali non sono infodump
, ma seguono le stesse regole. Non devono essere inutili, lunghe, mal scritte o noiose, e non vanno messe nel punto sbagliato.
Per fare un esempio, se nel bel mezzo di una lotta ti fermi a descrivere l'ambientazione è un errore madornale. Altrettanto sbagliato è se fermi l'azione per fornire informazioni. Non è quello il momento per farlo.
La descrizione di un ambiente all'inizio di una scena, se è ben scritta e non troppo lunga va bene, a meno che tu non voglia iniziare in modo dinamico (quel che si dice "in medias res", che indica la scelta di cominciare entrando subito nel cuore della vicenda, in genere nel mezzo di un'azione).

@Certamente. Hai detto con altre parole quello che dicevo io. E' tutto funzione della storia... momento incluso.
_________________
Salvo Andrea Figura
"Asparago siculo" Giallo24-Mondadori. gen. 2013.
"La neve di Piazza del Campo" Mondadori 3077 2013..
"La Terra, il Cielo e il Costato" History Crime 2014
"La pulce e il cappio" Hist-crime 2015
Top
Profilo Messaggio privato Invia email HomePage Indirizzo AIM
Kenji



Registrato: 01-01-1970 02:00
Messaggi: 345
Località: Varese

MessaggioInviato: Dom 31 Gen 2016 14:56    Oggetto: Cita

paolino66 ha scritto:
Qua si dovrebbe parlare di infoLACK! Paolino


Che cosa intendi per infoLACK?
Comunque dico che la sala è illuminata perché i personaggi si sono mossi nel buio, e poi entrano in questa sala e ne rimangono abbagliati.
_________________
Il serpente che si morde la coda, collana Imperium, Delos Digital
Il grande attacco, collana History Crime, Delos Digital
Dare vita, dare morte, collana Imperium, Delos Digital
Top
Profilo Messaggio privato HomePage
Antonino Fazio



Registrato: 01-01-1970 02:00
Messaggi: 7566

MessaggioInviato: Dom 31 Gen 2016 15:55    Oggetto: Cita

Certo, Salvo, non stavo dicendo nulla di diverso. Precisavo solo la differenza (e l'analogia) tra infodump e descrizioni.

Kenji, infolack è il contrario di infodump, e indica la mancanza di informazioni essenziali (anch'essa un errore grave). Pensa al modo in cui i bambini ti raccontano le cose, omettendo alcuni passaggi cruciali. In narrativa è il modo in cui raccontano qualcosa le persone sovreccitate o in stato di shock.
Il tuo esempio è illuminante (!). Se dici che i tuoi personaggi si muovono al buio e poi rimangono abbagliati, è ovvio che sono arrivati in un posto con molta luce, perciò non c'è bisogno di dirlo. Il dettaglio sull'illuminazione può essere fornito solo se si vuole sottolineare qualcosa di insolito o degno di nota (per esempio, non si capisce quale sia la fonte dell'illuminazione, oppure si descrive un lampadario particolarmente bello, eccetera).
Top
Profilo Messaggio privato Invia email
M.T.



Registrato: 01-01-1970 02:00
Messaggi: 443

MessaggioInviato: Dom 31 Gen 2016 16:16    Oggetto: Cita

Descrivere quello che si vede non è infodump. Diventa infodump se, per esempio, entrando nella sala, cominci a dire quando è stata creata, in quanto tempo, da chi e con che tecniche di costruzione: se ci pensi, in questo modo puoi annoiare il lettore. A meno che, faccio un altro esempio, nel gruppo non ci sia un architetto che, estasiato dal luogo, si metta a raccontarne la storia e descriverlo nel dettaglio ai compagni, ai quali dopo un po' la cosa viene a noia e non reggono più la conversazione. Al che, uno del gruppo può sbottare: <Senti bello, smettila bene, non ce ne frega 'na mazza delle tue tecniche e delle tue storie: sbrighiamoci a superare questa sala e vediamo di trovare le cucine per mettere qualcosa sotto i denti.>
In questo modo puoi creare una scena viva e anche divertente.
_________________

Top
Profilo Messaggio privato HomePage
Kenji



Registrato: 01-01-1970 02:00
Messaggi: 345
Località: Varese

MessaggioInviato: Lun 01 Feb 2016 13:50    Oggetto: Cita

Comunque sto rileggendo il libro di Massai sull'infodump, ed egli riporta quel che ha detto Franco Forte. Per scrivere bene bisogna leggere, leggere, leggere e scrivere, scrivere, scrivere.
Io leggo tanto, ma mi rendo conto che gli scrittori del 19° secolo scrivono in maniera differente da quelli del 20° e 21° secolo.
Un esempio: ne Le memorie di Barry Lyndon di Thackeray, viene preannunciato di parecchie pagine la morte del figlio del protagonista. Non credo che gli scrittori di oggi preannuncino un evento di così tanto pathos annunciandolo molto prima che ciò avvenga.
Quindi si potrebbe aggiungere all'adagio: leggere scrittori recenti.
Che ne pensate?
_________________
Il serpente che si morde la coda, collana Imperium, Delos Digital
Il grande attacco, collana History Crime, Delos Digital
Dare vita, dare morte, collana Imperium, Delos Digital
Top
Profilo Messaggio privato HomePage
Lu Kang



Registrato: 01-01-1970 02:00
Messaggi: 1202
Località: Qui e ora

MessaggioInviato: Lun 01 Feb 2016 14:52    Oggetto: Cita

Kenji ha scritto:

Quindi si potrebbe aggiungere all'adagio: leggere scrittori recenti.


Naturalmente.

Come tutte le cose, anche la narrativa segue dei processi evolutivi. I romanzi di oggi sono molto differenti, per tecnica, struttura, trama e linguaggio, a quelli di cinquanta, cento o duecento anni fa. Di conseguenza, seguire l'onda narrativa contemporanea è più che opportuno.

Certo, questo non significa che si debbano solo leggere romanzi pubblicati dopo il 2000! I classici e i capisaldi della letteratura sono lì, meritano quel posto e sono pura fonte d'ispirazione.

Per riportarti un esempio personale: io ogni tanto prendo in mano un racconto di Lovecraft e lo assaporo. Il suo stile narrativo - con gli occhi di oggi - è pesante, lento, superato. Usava pochissimo i dialoghi, che ora sono un elemento fondamentale della narrativa. D'altronde i suoi lavori risalgono a un secolo fa.
Questo però non significa escluderlo dalle letture, tutt'altro! Lovecraft è (e sarà sempre) un fonte di ispirazione. Senza, non ci sarebbero state migliaia di produzioni letterarie eccellenti, come quelle di Stephen King.

Oggi nessuno pubblicherebbe alcunché, se scrivesse come Shakespeare. Ma ti priveresti mai di una sua lettura? Io no. Wink
_________________
"Pensate a leggere e a scrivere, piuttosto." (Redazione WMI)
-
"Write. Don't overthink it. Feel it and let it out on the page." (Joe Lansdale)
-
Tutto ha un motivo. Anche la scelta di utilizzare Lu Kang come pseudonimo.
Top
Profilo Messaggio privato
Kenji



Registrato: 01-01-1970 02:00
Messaggi: 345
Località: Varese

MessaggioInviato: Lun 01 Feb 2016 15:54    Oggetto: Cita

Be', Lovecraft è un maestro. Hai ragione che senza di lui non ci sarebbero stati gli scrittori di oggi. Perlomeno, senza di lui sarebbero diversi. Diciamo che Lovecraft è stato un tassello.
Comunque ho letto qualcosa di lui e mi è piaciuto.
Le memorie di Barry Lyndon invece non molto: la Guerra dei Sette anni è descritta poco e male.
_________________
Il serpente che si morde la coda, collana Imperium, Delos Digital
Il grande attacco, collana History Crime, Delos Digital
Dare vita, dare morte, collana Imperium, Delos Digital
Top
Profilo Messaggio privato HomePage
Kenji



Registrato: 01-01-1970 02:00
Messaggi: 345
Località: Varese

MessaggioInviato: Lun 08 Feb 2016 01:58    Oggetto: Cita

Ragazzi, aggiungo un post a questa discussione che pare durare all'infinito: ho avuto un'idea! Nel mio romanzo che voglio portare al Premio Odissea ci sono degli infodump, alcuni sono spiegazioni di armi e specialità militari. Anziché eliminarli del tutto, non sarebbe meglio aggiungerli in un'appendice a fine romanzo? L'idea mi è venuta leggendo Bloodbusters, uno dei romanzi che ha vinto il Premio Urania. Francesco Verso, alla fine del testo, riporta un'appendice che elenca gli aghi. E se quel che voglio spiegare al lettore, e che potrebbe risultare lento e indigesto ai fini del racconto, lo sposto in un'apposita appendice? Questo perché il mio romanzo è ambientato in un universo fantasy. Finché c'è l'oplita, è inutile spiegare che prende il nome dall'opleo (basta leggere un testo di storia dell'Antica Grecia qualsiasi e lo dice), ma certe altre cose... sono di mia invenzione, e non ne parla nessun testo.
Sentiamo che mi dite.
_________________
Il serpente che si morde la coda, collana Imperium, Delos Digital
Il grande attacco, collana History Crime, Delos Digital
Dare vita, dare morte, collana Imperium, Delos Digital
Top
Profilo Messaggio privato HomePage
Alberto Tivoli



Registrato: 01-01-1970 02:00
Messaggi: 85
Località: Rieti

MessaggioInviato: Lun 08 Feb 2016 10:46    Oggetto: Cita

Buongiorno Kenji,
sto seguendo questa discussione con grande interesse e approfitto a fare una considerazione che prende spunto dal tuo ultimo messaggio.
E' vero che in Bloodbusters c'è un'appendice che contiene una tabella che descrive gli aghi utlizzati dal sanguigno erario. E' anche vero, però, che il protagonista (che poi è il PdV attraverso il quale la storia è narrata) parla e usa i vari aghi in modo che il lettore possa farsi un'idea delle loro carattersitiche. Certo non è spiegato tutto, non è un'enciclopedia degli aghi, però quello che serve alla storia c'è tutto.
Come lettore preferisco conoscere il mondo narrativo proposto dall'autore attraverso i personaggi, quindi più che leggere prologhi o appendici voglio vedere agire i personaggi.
Hai inventato armi e tattiche militari? Benissimo, mettile in scena!
Fai in modo che sia io lettore a farmi un'idea di queste armi e di queste tattiche facendomele vedere in azione.
_________________
Alberto Tivoli
Top
Profilo Messaggio privato
Antonino Fazio



Registrato: 01-01-1970 02:00
Messaggi: 7566

MessaggioInviato: Lun 08 Feb 2016 11:31    Oggetto: Cita

Alberto ha ragione, anche se l'inserimento di un'appendice non è vietato (le note, invece, non si usano). Il mio suggerimento è di prepararla e poi usarla per cercare di trasporre in forma narrativa tutta la parte essenziale delle informazioni. Un'appendice si pubblica solo in due casi: quando rimangono aspetti informativi essenziali che non è stato possibile inserire nel testo, o quando l'appendice è particolarmente interessante.

Ultima modifica di Antonino Fazio il Lun 08 Feb 2016 22:22, modificato 1 volta in totale
Top
Profilo Messaggio privato Invia email
jpaulverlain



Registrato: 01-01-1970 02:00
Messaggi: 12552
Località: Palazzolo ACREIDE-RAGUSA

MessaggioInviato: Lun 08 Feb 2016 14:14    Oggetto: Cita

Pessima idea! Darebbe il senso di un saggio, non di un romanzo. A meno che tu non voglia davvero scrivere un saggio.
_________________
Salvo Andrea Figura
"Asparago siculo" Giallo24-Mondadori. gen. 2013.
"La neve di Piazza del Campo" Mondadori 3077 2013..
"La Terra, il Cielo e il Costato" History Crime 2014
"La pulce e il cappio" Hist-crime 2015
Top
Profilo Messaggio privato Invia email HomePage Indirizzo AIM
zephiross



Registrato: 28-07-2008 10:57
Messaggi: 105

MessaggioInviato: Lun 08 Feb 2016 14:22    Oggetto: Cita

IMHO l'appendice non dovrebbe servire a meno che tu, appunto, non stia scrivendo un saggio. Un conto Tolkien che, avendo inventato mondo, geografia, linguaggio, alberi genealogici, dinastie fino a non so quante Ere prima può farlo come "approfondimento", ma per le novità che introduci (se è un universo fantasy), se rimandi all'appendice per spiegare costringi il lettore a sorbirsi una storia "monca" nel senso che non capirà cosa sta vedendo, o peggio, a un fastidioso salta-pagine per vedere, in fondo al libro, la spiegazione di ciò che sta leggendo.
_________________
La scrittura è un demone nel vetro.
Top
Profilo Messaggio privato
Kenji



Registrato: 01-01-1970 02:00
Messaggi: 345
Località: Varese

MessaggioInviato: Lun 08 Feb 2016 16:58    Oggetto: Cita

Ok, ok. Ho capito: non farò nessuna appendice.
Comunque, visto che ho iniziato a parlare di Bloodbuster, volevo dire che recentemente ho letto i due romanzi vincitori del Premio Urania. Per quanto riguarda L'impero restaurato ero molto interessato, ma poi leggerlo è stata una delusione: non c'era nessuna descrizione, nessuna spiegazione. Solo le parti ambientate nella Bisanzio del VI° secolo mi sono piaciute. Per il resto... non ho visualizzato nulla. Non c'era neppure un minimo di descrizione. Bloodbuster invece mi è piaciuto molto di più, seppur l'aspettativa fosse minore. Ho letto un minimo di descrizione e spiegazione e ho visualizzato di più le scene. inoltre era pure molto ironico. Che sia un'impostazione fumettistica, la mia?
_________________
Il serpente che si morde la coda, collana Imperium, Delos Digital
Il grande attacco, collana History Crime, Delos Digital
Dare vita, dare morte, collana Imperium, Delos Digital
Top
Profilo Messaggio privato HomePage
M.T.



Registrato: 01-01-1970 02:00
Messaggi: 443

MessaggioInviato: Lun 08 Feb 2016 18:05    Oggetto: Cita

Usare appendici, glossari, può essere utile se si costruisce un mondo complesso, con molti personaggi ed eventi, basta vedere, per esempio, La Ruota del Tempo di Robert Jordan.
_________________

Top
Profilo Messaggio privato HomePage
Mostra prima i messaggi di:   
Nuova discussione   Rispondi    Torna a Indice principale :: Torna a Scrivere racconti Tutti i fusi orari sono GMT + 2 ore
Vai a pagina Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9  Successivo
Pagina 8 di 9

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuove discussioni in questo forum
Non puoi rispondere alle discussioni in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum