WritersMagazine
Credits | Contatti | Invio dattiloscritti | Creare un link


appuntamento alla casa gialla


Nuova discussione   Rispondi
« Precedente :: Successivo »  
Autore Messaggio
Shanda06



Registrato: 31-05-2006 09:17
Messaggi: 20

MessaggioInviato: Ven 01 Nov 2013 13:42    Oggetto: appuntamento alla casa gialla Cita

Appuntamento alla Casa Gialla
Di Alexandra
Eccola di nuovo, sorta dalle macerie dell’ultima demolizione dell’intero quartiere, la Casa Gialla che tanto lo tormenta.
Non poteva sparire dalla faccia di Zarmundia e basta?
Ma no, quello è un pianeta dove anche le belve ti chiedono scusa prima di sbranarti, perciò è naturale che ci sia una seconda possibilità anche per i quartieri degli sciroccati.
Si guarda intorno, povero lui, visto che dove c’è la Casa Gialla, c’è anche il suo inseguitore, no, rettifica, l’Inseguitore, quello che non gli dà Tregua affinché finisca il suo lavoro: la passerella che collega il settore dei vivi a quello dei morti si è appena logorata dopo il decesso del padrone della Casa Gialla.
La notizia non gli fa affatto piacere: di solito le anime non dovrebbero pesare più dei corpi, quando succede vuole dire che il morto si è lasciato dietro qualcosa di molto brutto, strisciante e bavoso, che non darà tregua al quartiere finché qualcuno non farà pulizia.
Cammina pensieroso, pensando che lui può solo aggiustare la passerella di ferro e poco altro.
Non è un esperto di anime e deve mettersi i guanti speciali mentre la ripara, altrimenti i fuochi fatui si sprigionano dalle anime in decomposizione gli lasceranno altre cicatrici, a parte quella che ha già.
Si guarda la mano sinistra, tatuaggi, eh?
Poi si mette a far vagare i pensieri, per allontanare da sé l’appuntamento con l’Inseguitore che lo aspetta alla Casa Gialla, dall’altra parte della strada, a due corsie, piena di veicoli di tutti i colori e di tutti i tipi che sfrecciano senza posa sulla strada dalla tinta uniforme a specchio: “Guardate questa bella chiostra di denti multicolori, tutti la scambiano per un disegno fatto con il Cristallo Luce dal mio amico tatuatore di Tatoo VI, la prima luna di questo postaccio, invece, è il segno dell’insoddisfazione per il mio lavoro lasciatomi dall’anima dell’Inseguitore, prima che gli facessi attraversare la passerella a calcioni. Quegli svampiti del piano regolatore voluto dalla Commissione Astrale avrebbero dovuto pensarci un momento prima di far ricostruire la Casa Gialla sulla cubatura precedente. Fessacchiotti, non sanno che l’Inseguitore si nutre di gente come loro? Il suo alimento base è la fretta”.
I piedi lo portano in avanti, senza che lui possa fare nulla per fermarsi.
L’Inseguitore sa bene come attirarlo nella Casa Gialla, il loro è un appuntamento rimandato troppo a lungo.
Inutile, pensa lui, beffandolo, c’è troppo traffico, non sa che è l’ora di punta di Zarmundia?
Sfrecciano anche le Pseudo Antilopi dal manto difficile da scorgere, tanto sono veloci.
Lui si chiede come facciano i proprietari a cavalcarle senza essere sbalzati via di sella, ma è una curiosità destinata a restare tale, per un fabbro da poco come lui.
Le Pseudo Antilopi sono animali molto costosi e spesso tradiscono i loro padroni per tornare nel deserto salino dal quale sono venute.
Il fatto di averne scorte un paio, gli fa venire in mente il passato.
L’Inseguitore non è sempre stato il mostro che ora lo sta occhieggiando dalla finestra del secondo piano della Casa Gialla.
Era un catturatore di Pseudo Antilopi professionista e si era fermato alla Casa Gialla per vantarsi dei suoi successi con il padrone di casa.
Quello spaccone voleva comperarla, malgrado sorgesse su un terreno maledetto.
Il padrone di casa lo aveva dissuaso, dicendogli che c’era ben poco da divertirsi, nel quartiere.
Era un posto molto malfrequentato.
Perché non puntare a luoghi di lusso, tipo la zona del Porto Spaziale?
No, lui, non la pensava così.
Voleva proprio comperare quella casa e c’era riuscito.
Sì, spedendo il padrone dritto nel posto al di là della passerella di ferro, con la complicità dell’affittuaria del primo piano.
Non appena pensa a quest’ultima, il traffico si dirada di colpo.
C’è solo la strada a specchio fra lui e la Casa Gialla.
Forse quella maledetta vuole aiutarlo a disfarsi dell’Inseguitore, magari per ridere alle spalle del padrone di casa.
Pensa alla brutta faccia che lo aspetta al secondo piano, mentre attraversa la strada di corsa e si infila i guanti rivestiti di punte di metallo, visto che conosce già i dentacci di quella carogna.
Chissà cosa ne è della donna che ha appena fermato il tempo per lui.
Corre, non può fare diversamente, vede aloni gialli sprigionarsi dalla casa.
Sì, essa deve il suo nome alle tempeste di energia che si sprigionano ogni volta che la passerella si guasta.
Il padrone di casa non vuole tornare indietro e gli grida, nella mente: ”Mi sta trascinando di nuovo al secondo piano, per prendere possesso del mio corpo e tornare a essere forte come una volta, fermalo”.
Lui vuole sapere della donna, l’affittuaria e lui gli dice quale è stato il destino di lei: “Non preoccuparti, non è riuscito a prenderla, tu sai che ci faceva gli oroscopi della Luna delle Mille Voci, è riuscita a non farla sorgere, per ora, ma avverrà presto”.
Certo, l’Inseguitore vuole che i morti tornino, per prendere almeno un’anima e trasformarsi in spettro per impedirgli di ricacciarlo una volta per tutte da dove è tornato.
Ci è già riuscito una volta, a scacciarlo, per questo la casa è crollata, ma ora, egli è tornato, per quanto in uno stato precario.
Non gli dà tregua, perché non è più un uomo, non ha corpo, ma non è neppure più uno spettro, perché non ha anima.
E’ solo un vortice di fretta divorante, che ha trasformato il quartiere in un luogo di febbri malsane.
Il fabbro incontra un paio di individui.
Costoro, abbigliati di stracci, strisciano a terra, farneticando dell’entità che li svuoterà presto della coscienza.
Battono i denti e il più vicino farfuglia:-Colpa della Pseudo Antilope che ha ferito l’ultima volta. Io le conosco, quelle. Abitano il pianeta da prima di noi. Lo dicevo io che non erano animali come li intendiamo noi-.
Lui non li può soccorrere, li oltrepassa, vedendoli scomparire in una vampata gialla.
Sono sfuggiti all’Inseguitore per poco.
E’ appena arrivato all’ingresso, eppure sente anche lì le sue esclamazioni di rabbia animalesca.
Strano, per uno che non ha più anima.
Scardina la porta con la cannula che ha nella cintura.
Poi si precipita nell’ingresso, illuminato a giorno.
Davanti a lui c’è la scala che conduce al secondo piano.
I mobili sono tutti in ordine.
Sembra che non sia accaduto nulla, ma lui sa che è una beffa dell’Inseguitore.
Dal divano alla sua destra, esce una Pseudo Antilope.
Sono animali grandi come asini, ma hanno ossa molto flessibili, per cui il fatto di vedersela davanti non gli fa alcun effetto.
No, quello che lo è spaventa è il fatto che l’animale porti una collana fatta di strisce di stoffa colorate.
-Tu?- domanda all’animale –la Lettrice di oroscopi?.
L’animale annuisce.
Infine, si gira e gli fa segno di seguirlo.
L’ombra che esso proietta lungo la scala è quella della donna.
Alta quanto lui, ma molto esile.
Mentre salgono, molto in fretta, l’animale gli parla:-Ti offendi se ti dico che non sei stato abbastanza bravo la prima volta?.
La voce è quella da contralto di lei, impossibile sbagliarsi.
-N…no, cosa avrei dovuto fare?.
Glielo deve.
Durante il loro ultimo incontro l’ha trattata male, chiamandola strega schifosa, perché gli aveva confidato di conoscere molto bene il deserto salino.
Là preparava gli oroscopi che le davano da vivere, visto che la Luna dalle Mille Voci si vede molto bene laggiù, anche quando nel resto del pianeta nessuno la scorge a causa delle molte nubi che coprono il cielo quando i morti sono tranquilli.
Per questo è un luogo che tutti evitano, a eccezione dei catturatori delle Pseudo Antilopi.
-Non dargli tregua, finire di strapparli quella sua maledetta anima. Sai perché è diventato così? Ha catturato l’animale sbagliato. C’era il mio maestro, in esso e lui l’ha spedito davanti al Ponte Nebbioso prima che arrivasse la sua ora. Questo ha indebolito la tenuta della passerella.
L’animale batté su un gradino con lo zoccolo:- Se penso che è qui sotto. Sai che è stata un’idea sua farla trasferire qui, lo riteneva un posto sicuro. Non è da ridere?
Per lui non lo è.
Ha sempre lavorato nella falsa cantina, forgiando i listelli di ferro che servono alle anime per attraversare il tratto dove non c’è nulla.
-Non mi distrarre- dice alla Pseudo Antilope –altrimenti finirà di nuovo come la volta scorsa.
Le scale finiscono ben presto.
Ecco, davanti a loro, la tendina di perline che occulta ancora per poco la stanza dove c’è l’Inseguitore.
Si sente un rumore simile al rifrangersi di un’onda limacciosa, segno che lui è lì.
Il fabbro dà una pacca sulla schiena all’animale:-Torna giù, la cosa è fra me e lui.
Non si volta quando esso scende tranquillo, facendo poco rumore con gli zoccoli.
Il fatto che ci sia non lo conforta.
Troppe cose gli sono andate male, da quando non ha terminato il lavoro con l’Inseguitore.
Lo ha sentito insinuarsi nella sua vita dovunque andasse.
Ha girato molti quartieri del pianeta e dei satelliti vicini, accettando di svolgere lavori che non avevano niente a che vedere con la passerella: cancellate, pupazzetti meccanici per i giochi dei bambini, modellini di campi di battaglia in metallo fluttuante per l’esercito, affinché le loro strategie potessero riuscire in quello che lui aveva fallito.
Solleva la tenda.
La voce dell’Inseguitore lo raggela:-Mancanza di strategia, hai ragione, è sempre stato questo, il tuo problema. Ti dico io perché. Tu hai troppi scrupoli. Lasci respirare l’avversario troppo a lungo, quando sarebbe invece il momento di finirlo.
Lo vede, in ombra, accanto a una branda ripiegata.
E’ raggomitolato accanto a una coperta a righe rosse e argento:-Buffo, vero? Era la mia, ma io non la potrò usare mai più. Non credo che sia ancora di moda. Potresti prenderla. Sai, magari ti farò questo regalo, per scusarmi di averti guastato i viaggi e tutto il resto. Lavori bene. Potresti fare altre cose, invece di riparare quella stupida passerella-.
Il fabbro esita.
Non vede bene la forma grigiastra seduta a terra.
Per cosa ne sa lui, potrebbe anche avere addosso qualche arma.
L’Inseguitore gli legge nel pensiero:-No, non sopravvalutare i miei poteri. E’ vero che ho bazzicato accanto al Ponte Nebbioso, ma gli averi dei morti non mi interessano. Si portino pure quello che vogliono, per avere un po’ di compagnia nel posto…che sappiamo tutti e due com’è fatto, alla faccia di lettori di oroscopi e confortatori della buona morte vari.
Quella complicità non piace affatto al fabbro:-Tieniti per te certi commenti. Io non ho mai negato quello che mi hanno insegnato sull’anima.
L’Inseguitore ride, senza alzarsi da dove si trova:-Ma davvero, senti senti. E cosa credi di aver distrutto a metà?.
Gli fa rivivere il momento in cui lo ha colpito con la fiammella che ha nella cintura.
L’energia ha dissolto il corpo dell’Inseguitore lasciandone solo un involucro luminoso a forma di sacco.
Solo che alla cima c’era ancora la forma della testa.
Al fabbro aveva ricordato una statua di cera appena abbozzata dallo scultore.
Aveva creduto a uno stratagemma dell’Inseguitore per salvarsi la vita e aveva colpito una seconda volta, con tutta l’energia della cannula, che si poi era rotta.
A quel ricordo, gli sfugge un grugnito di collera.
Eh, no, non di nuovo, con quel che costano le cannule professionali da fabbro su Zarmundia.
-Fai bene a rifugiarti nei guai della vita quotidiana, lo farei anch’io se ne facessi ancora parte, invece, sono qui per te. Devi pur sapere la portata della tua imbecillità. La sagoma che hai distrutto, o involucro a forma di sacco, se preferisci, era la mia anima. Si è dissolta, perché succede così con la morte. Almeno, con quella secondo le regole. Peccato che nel mio caso non sia andata così. Avresti dovuto vibrare un colpo più forte.
Il fabbro si prepara al lavoro:- E’ quel che farò adesso.
Già la fiammella è pronta a colpire, una seconda volta, quella buona.
Sì, deve troncare il respiro all’Inseguitore.
Gli trema la mano, però.
Certo, è suo dovere scacciarlo per sempre, ma in cambio di cosa?
L’ombra dell’involucro gli ha rovinato la vita.
Lo vedeva ovunque, nei suoi viaggi ed era la patina invisibile che non riusciva a togliere dai suoi lavori.
Era anche l’ombra giallastra che deformava i lineamenti dell’amico in una smorfia ipocrita e dava una nota malata al colorito dell’amante.
- Succede così a tutti?- gli grida mentre regola la fiamma in modo da disfare quello che rimane dell’involucro lentamente.
Vuole che muoia e scompaia con le sue cattiverie, come no, ma senza fretta.
Ecco la sua vendetta.
Così potrà anche fargli dire la verità su quello che aspetta tutti oltre la barriera, visto che anche lui ha perso molte persone care.
Che brutto ripensarci.
Neppure lui è nato a Zarmundia.
Come la maggior parte degli abitanti umani, proviene da Pardesia, un pianeta inghiottito dalla fornace delle guerre nucleari volute dalla Federazione Sperimentale.
Distruggere per ricostruire meglio.
Un lungo inseguimento senza tregua anche in quel caso.
Fino alla tranquillità di Zarmundia.
La sagoma scura accanto a lui ha l’aspetto delle vittime della catastrofe che lo ha lasciato senza famiglia e diffidente nei riguardi degli altri.
- Sì, si muore e ci si dissolve nella dimenticanza, il fatto che ci sia il Ponte di Nebbia con tutti quei morti che si portano il loro oggetto preferito è una finzione…sai, come l’eco di una voce nel deserto salino- replica l’Inseguitore –e voglio dirti che il mio aspetto non l’ho scelto per spaventarti, ma è quello che viene alla gente che si trova sospesa nel nulla.
Il fabbro non ci crede e colpisce ancora.
La sagoma tremola un paio di volte ma è ancora lì.
Rannicchiata.
- Alzati, provaci almeno- gli grida il fabbro, indignato dalla resistenza dell’Inseguitore –non ti basta quello che hai fatto al maestro della lettrice di oroscopi?
L’Inseguitore se la ride:- Le credi? Proprio tu che ci hai visto giusto a chiamarla strega schifosa.
Abbassa la voce:- A essere sinceri, non credo che faccia parte del gruppo di noi esseri umani. Penso che a furia di trasformarsi e ritrasformarsi sia diventata una di quelle entità svitate che sarebbe meglio trasformare in un tappeto.
Sbuffa:- Che noia, se almeno potessi andare un po’ a caccia, adesso che ci penso.
Il fabbro gli infligge un terzo colpo:- Ma se hai cacciato me per una vita. E’ colpa tua se il cibo e le bevande hanno il sapore della cera sfatta.
L’Inseguitore replica annoiato:- E hai anche paura di fare amicizia con i tuoi clienti e non usciresti mai con nessuna delle belle ragazze che affollano il Porto Spaziale perché l’involucro disfatto solo a metà guasta tutte queste immagini serene. Me lo hai ripetuto fino allo sfinimento, mentre non ti davo tregua.
Si rialza a fatica:- Sembra quasi che tu mi sia affezionato. Guarda, dopo tutti questi colpi riesco ancora a muovermi.
-Non è colpa mia se tu sei così resistente- gli dice il fabbro, indietreggiando.
Lui non ha mai visto un essere simile da vicino e non sa fino a che punto potersi fidare della sua forza.
Lo sbircia.
Non ha tasche per nascondere armi.
Se è per quello, neppure braccia e mani con le quali strangolarlo, tuttavia, proprio per questo lo spaventa terribilmente.
Con che cosa lo sta sfiancando?
- Con la parola- gli dice l’Inseguitore –ho sempre usato la lingua del tuo pianeta d’origine, mentre ti parlavo nella mente. Lo sto facendo anche ora, dì la verità, ti senti a casa?
Il fabbro lo insulta e gli scarica addosso il resto dell’arma.
La sagoma si incendia in una girandola di colori.
L’ultimo saluto dell’Inseguitore?
L’uomo si copre gli occhi.
Deve finire il resto del lavoro, riparare la passerella.
Scende le scale con gli occhi che lacrimano.
Colpa della luce, dice a se stesso.
Non può certo essersi affezionato all’Inseguitore.
La vera vita non è quella trascorsa a correre a perdifiato senza tregua.
Oppure…sì?
Dal momento che le anime sono involucri fragili come carta davanti agli artigli della morte.
- Oppure agli zoccoli?- gli risponde la Pseudo Antilope –me lo sono chiesta spesso anch’io come colpisca la morte. In fondo, il vero inseguitore è lei. Quello che hai finito di sopra è solo uno dei suoi tanti aiutanti, sai?
Il fabbro scende nel locale della cantina, aggira la caldaia e si concentra sulla passerella, mentre l’antilope lo osserva:- So che non dovrei essere qui, ma è meglio essere prudenti, con uno come lui. Ti ha aspettato tanto, sai? E’ stato lui a corrompere il sindaco per fargli firmare il piano regolatore con il nullaosta per rimettere su questa baracca.
Il tono della Pseudo Antilope è duro:- Luogo sicuro per la passerella qui, luogo sicuro per la passerella là…ma io intanto ci ho rimesso il mio maestro e tu la tua vita. Non pensi che dovresti finire il lavoro e pensare a qualcos’altro?
Il fabbro, mente sistema i primi listelli le domanda:- E a cosa? Continua a farmi schifo tutto quanto.
L’animale gli domanda:- Anch’io?
Lui replica:-Tu, poi…mi hai fatto credere qualcosa che non è vero. Secondo te il maestro è finito in una realtà separata dalla nostra dove può riprendere la sua evoluzione spirituale e altre panzane. Il tizio del secondo piano, qualunque cosa sia diventato, ne sa più di te.
La Pseudo Antilope gli dice:-No, non sa nulla. Ha visto quello che voleva vedere. Lui ha passato la vita a consumare le risorse di Zarmundia senza dare nulla in cambio. Ha usato la sua energia per correre dietro alle creature del deserto e poi dietro di te. Infine, essa si è esaurita. Penso che ti abbia trasmesso le credenze eretiche di Pardesia. Tipico dei catturatori di animali. Ti vedo prostrato dalla lotta. Sono d’accordo con lui. Non ti adatteresti a fare nulla di diverso, a parte correre, per quanto tu abbia dato molto al pianeta. Vedo che hai finito la passerella, ti darò qualcosa anch’io.
Risale le scale, con lui dietro.
-Cosa c’è per me?- le domanda.
-Un regalo, non troppo disinteressato. Mi manca il maestro, so che non tornerà mai più, ma ti do un nuovo Inseguitore. Guarda in te stesso.
Balza via, mentre dalle scale del secondo piano scende una figura avvolta nella coperta a righe.
Il fabbro vede che non è un tessuto normale, bensì la pelle di una Pseudo Antilope morta.
L’inseguimento ricomincia.
Senza tregua.
Top
Profilo Messaggio privato
Marco P. Massai



Registrato: 07-02-2011 13:52
Messaggi: 1821

MessaggioInviato: Ven 01 Nov 2013 19:23    Oggetto: Cita

Penso proprio che tu abbia sbagliato thread! Questa selezione era per racconti da duemila battute e si è chiusa da parecchi mesi (si parla del 2011)...

http://www.writersmagazine.it/forum/viewtopic.php?t=8910&start=0

Se si vuole inserire un intero racconto la sezione giusta del forum è "la mia scrittura" http://www.writersmagazine.it/forum/viewforum.php?f=16
Top
Profilo Messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   
Nuova discussione   Rispondi    Torna a Indice principale :: Torna a SPECIALE SF PER LA WMI Tutti i fusi orari sono GMT + 2 ore
Pagina 1 di 1

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuove discussioni in questo forum
Non puoi rispondere alle discussioni in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum