WritersMagazine
Credits | Contatti | Invio dattiloscritti | Creare un link


Il Risveglio - Giusy Berni


Nuova discussione   Rispondi
« Precedente :: Successivo »  
Autore Messaggio
Lady Akasha



Registrato: 01-01-1970 02:00
Messaggi: 212
Località: Modena

MessaggioInviato: Mer 21 Set 2011 19:58    Oggetto: Il Risveglio - Giusy Berni Cita

Sprazzi di consapevolezza cercavano d’invadere la sua coscienza sopita. Qualcosa dentro di lei voleva impedire che accadesse. Che si risvegliasse. Non voleva tornare nella realtà. Non voleva scoprire ciò che era accaduto mentre dormiva quel sonno indotto.
Lampi di luce la abbagliavano dietro le palpebre chiuse. Suoni ovattati le giungevano alle orecchie.
«No» pronunciò con voce flebile, oppure era il suo pensiero.
La paura cominciò a galoppare frenetica nelle vene. Il cuore a martellare nel petto come un tamburo impazzito.
Il dolore della consapevolezza e dei ricordi le attanagliò le viscere.
Le lacrime di suo padre mentre le diceva addio. La spiegazione che era l’unica soluzione per garantire la sopravvivenza della razza umana.
Si rifiutava di accettare di doverlo abbandonare. Lei non era stata contagiata dal virus letale che stava decimando l’intera umanità.
Lei, e altri giovani sani erano stati messi in criogenesi come ultima speranza di salvezza.
In stasi per duecento anni.
_________________
Top
Profilo Messaggio privato HomePage MSN Messenger
jpaulverlain



Registrato: 01-01-1970 02:00
Messaggi: 12551
Località: Palazzolo ACREIDE-RAGUSA

MessaggioInviato: Mer 21 Set 2011 21:47    Oggetto: Re: Il Risveglio - Giusy Berni Cita

Lady Akasha ha scritto:
Sprazzi di consapevolezza cercavano d’invadere la sua coscienza sopita. Qualcosa dentro di lei voleva impedire che accadesse. Che si risvegliasse. Non voleva tornare nella realtà. Non voleva scoprire ciò che era accaduto mentre dormiva quel sonno indotto.
Lampi di luce la abbagliavano dietro le palpebre chiuse. Suoni ovattati le giungevano alle orecchie.
«No» pronunciò con voce flebile, oppure era il suo pensiero.
La paura cominciò a galoppare frenetica nelle vene. Il cuore a martellare nel petto come un tamburo impazzito.
Il dolore della consapevolezza e dei ricordi le attanagliò le viscere.
Le lacrime di suo padre mentre le diceva addio. La spiegazione che era l’unica soluzione per garantire la sopravvivenza della razza umana.
Si rifiutava di accettare di doverlo abbandonare. Lei non era stata contagiata dal virus letale che stava decimando l’intera umanità.
Lei, e altri giovani sani erano stati messi in criogenesi come ultima speranza di salvezza.
In stasi per duecento anni.

@Buona l'idea. Forse ti dilunghi un po' troppo(sprecando battute) nella descrizione iniziale per poi spiegare il tutto nelle ultime 4 righe. Potevi arrivarci prima e guadagnare trama.Opinione opinabilis.
_________________
Salvo Andrea Figura
"Asparago siculo" Giallo24-Mondadori. gen. 2013.
"La neve di Piazza del Campo" Mondadori 3077 2013..
"La Terra, il Cielo e il Costato" History Crime 2014
"La pulce e il cappio" Hist-crime 2015
Top
Profilo Messaggio privato Invia email HomePage MSN Messenger
Franco.Zadra



Registrato: 29-06-2005 16:40
Messaggi: 1182
Località: Levico Terme (TN)

MessaggioInviato: Mer 21 Set 2011 23:22    Oggetto: Cita

Criogenesi per duecento anni, con la discriminante fondamentale di non essere stati contagiati. E' proprio la fine del mondo! I sopravvissuti come riusciranno a garantire la sopravvivenza dell'umanità? Loro saranno un'altra cosa dal mondo che è scomparso, loro dovranno fare un altro mondo. Interessante. Sono curioso di leggere lo sviluppo. Very Happy
_________________
Io so perché sono un intellettuale, uno scrittore, che cerca di seguire tutto ciò che succede... (Pier Paolo Pasolini)
Top
Profilo Messaggio privato Invia email
Salvatore Stefanelli



Registrato: 01-01-1970 02:00
Messaggi: 9442
Località: Napoli

MessaggioInviato: Mer 21 Set 2011 23:32    Oggetto: Cita

in stasi per duecento anni... come il virus
un po' di ricordi alla Alien
Buona fortuna
_________________
Tace la notte, piena di parole, al vento gelido del nord. Le stelle vibrano nel buio e l'anima non sembra più così sola. Ti parlo, Vuoto, perché tu possa riempirti d'amore.

Vorrei camminare per il mondo, nudo, e sentirmi vestito di Creato.
Top
Profilo Messaggio privato Invia email
Lady Akasha



Registrato: 01-01-1970 02:00
Messaggi: 212
Località: Modena

MessaggioInviato: Gio 22 Set 2011 10:52    Oggetto: Cita

Il finale non credo sia così semplice...vedremo se piacerà alla redazione! Twisted Evil

Ne ho già un altro pronto. Solo da sistemare... Razz
_________________
Top
Profilo Messaggio privato HomePage MSN Messenger
Irene Pecikar



Registrato: 09-11-2010 21:25
Messaggi: 189
Località: Friuli Venezia Giulia

MessaggioInviato: Gio 22 Set 2011 19:57    Oggetto: Cita

Curiosa di leggere il seguito! In bocca al lupo, Giusy!
_________________
TuttosuilibriBLOG
http://www.tuttosuilibri.com/
http://www.irenepecikar.com
Top
Profilo Messaggio privato HomePage
freecora



Registrato: 02-09-2010 08:58
Messaggi: 1579

MessaggioInviato: Sab 24 Set 2011 11:15    Oggetto: Cita

In bocca al lupo cara!
_________________
Libera Schiano Lomoriello

Troppo lunga la lista dei racconti per tenerla in firma.

"Non c'è nulla di più sacro dell'Amore e nulla di più dissacrante che l'amare." Cit. Salvatore Stefanelli
Top
Profilo Messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   
Nuova discussione   Rispondi    Torna a Indice principale :: Torna a 365 RACCONTI SULLA FINE DEL MONDO Tutti i fusi orari sono GMT + 2 ore
Pagina 1 di 1

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuove discussioni in questo forum
Non puoi rispondere alle discussioni in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum