WritersMagazine
Credits | Contatti | Invio dattiloscritti | Creare un link


Terra nera di Giuse Alemanno


Nuova discussione   Rispondi
« Precedente :: Successivo »  
Autore Messaggio
Writer



Registrato: 20-01-2005 14:07
Messaggi: 586

MessaggioInviato: Mar 14 Mar 2006 00:48    Oggetto: Terra nera di Giuse Alemanno Cita

Il romanzo di Alemanno propone un quadro spietato e veridico delle condizioni di vita dei “cafoni” meridionali. Non c’è via di uscita, non c’è salvezza, a meno di essere disposti a tutto, proprio a tutto, pur di sfuggire alla condizione di “servo della gleba”, del bracciante agricolo che deve spaccarsi la schiena per dodici ore al giorno in cambio di un salario da fame. Il protagonista del romanzo- Nino- è un ragazzo animato da una volontà di potenza assoluta: non indietreggia davanti a niente, né all’omicidio – quando accoltella il padrone colpevole di voler sedurre sua madre-, né alla delazione, per indirizzare i sospetti dell’omicidio su un amico, né al tradimento e agli intrighi per diventare prima “capo”, poi padrone. Si muove attorniato da una schiera di personaggi mossi esclusivamente dalla difesa del proprio potere personale o da una rassegnata accettazione dello stato di cose esistenti. Zio Peppe, astuto e pericoloso imbroglione che vive in una capanna isolata e a cui la gente del paese si rivolge per risolvere problemi e conflitti personali; il padrone dei terreni che accetta di pagare il funerale del padre di Nino in cambio del possesso di sua madre; i cafoni senz’anima disponibili ad accogliere la propria condizione come un elemento naturale in una società in cui le differenze tra padroni e servi sembrano risalire alla notte dei tempi; il medico che si eccita nel visitare l’ adolescente che diventerà la madre del protagonista.
In mezzo a questo panorama fosco, emerge il desiderio di ribellione incarnato dal movimento anarchico. Ma è un’anarchia anacronistica e vista attraverso le lenti del disincanto e dell’ironia, in un momento storico segnato dall’affermazione del socialismo marxista tra i proletari agricoli e industriali. La discussione che avviene tra l’anarchico Bruttacapa, il professore e i braccianti sembra ricalcare moduli propri dell’inizio del ‘900 e Nino ha subito la netta percezione che siano votati alla sconfitta. E infatti sceglie un’altra strada.

Forse quello che mi ha generato una sensazione di ansia durante la lettura è proprio questa dimensione di chiusura alla speranza, il ritratto di una società in cui solo assumendo il ruolo del carnefice, del padrone, si può accedere a una vita degna, come se il binomio signore/ servo esaurisse le possibilità intermedie, gli spazi di mediazione tra queste due categorie estreme.

Nel romanzo, il sesso (o, per riprendere le indicazioni della quarta di copertina, le vicende carnali) occupa un ruolo importante. Non si tratta di una sessualità basata sull’incontro, sulla relazione, ma sul dominio. Il sesso è concepito come possesso del corpo altrui a fronte di una condizione di radicale disparità. Diventa, in questo senso, analogo al possesso di merci e di status, un simbolo di potere e di scambio. Esemplare il passaggio in cui zio Peppe induce una postulante a una fellatio, in cambio di un suo intervento. Ancora più tragico il riferimento ai “cafoni” disponibili a immolare le proprie figlie in cambio di una dilazione nei pagamenti.

Ne viene fuori il ritratto di una terra immobile e fondata su stratificazioni sociali ferree. Dove l’anarchia avrebbe un effetto dirompente, se venisse assunta non come ideologia politica, ma come movimento che sovverte la rigidità mortifera dei ruoli e del ciclo di vita.

Se vogliamo muovere un appunto al libro, il quadro proposto appare eccessivamente netto e manicheo, soprattutto in funzione della sua collocazione storica. Ma lo sviluppo della storia narrata è, nel suo procedere e nel suo approdo finale, impeccabile.

Terra Nera, Giuse Alemanno, Stampa Alternativa, 142 pagine, 7 euro.


W.
_________________
Writer
http://www.writer-racconti.org/
Top
Profilo Messaggio privato HomePage
forresta



Registrato: 04-03-2005 13:45
Messaggi: 540

MessaggioInviato: Mar 14 Mar 2006 14:10    Oggetto: Cita

io lo conosco giuse alemanno, siamo 'vicini' Laughing
non ho ancora letto il libro, m a so che mi piace starlo ad ascoltare: non è tantot che chiama le cose col suo nome, è come se le prendesse con le mani e te le piazzasse davanti alla faccia, in modo che tu non possa fare a meno di vederle Very Happy
Top
Profilo Messaggio privato
Writer



Registrato: 20-01-2005 14:07
Messaggi: 586

MessaggioInviato: Mer 15 Mar 2006 14:54    Oggetto: Cita

forresta ha scritto:
io lo conosco giuse alemanno, siamo 'vicini' Laughing
non ho ancora letto il libro, m a so che mi piace starlo ad ascoltare: non è tantot che chiama le cose col suo nome, è come se le prendesse con le mani e te le piazzasse davanti alla faccia, in modo che tu non possa fare a meno di vederle Very Happy


Quello che mi ha impressionato del suo libro è la capacità di narrare in presa diretta una vicenda dai contorni foschi come se si trovasse a due metri dai personaggi.

Anche tu vivi a Manduria, Forresta?
Te lo chiedo perché tra un mesetto sono in zona per un giro di presentazioni.

W.
_________________
Writer
http://www.writer-racconti.org/
Top
Profilo Messaggio privato HomePage
forresta



Registrato: 04-03-2005 13:45
Messaggi: 540

MessaggioInviato: Mer 15 Mar 2006 16:10    Oggetto: Cita

quasi! Laughing
io sto a sava, che venendo da taranto è subito prima di manduria, ma sono più vicina a questa che al centro del mio paese Very Happy
Top
Profilo Messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   
Nuova discussione   Rispondi    Torna a Indice principale :: Torna a Letture Tutti i fusi orari sono GMT + 2 ore
Pagina 1 di 1

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuove discussioni in questo forum
Non puoi rispondere alle discussioni in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum