WritersMagazine
Credits | Contatti | Invio dattiloscritti | Creare un link


Cos'è l'infodump?


Vai a pagina Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9
Nuova discussione   Rispondi
« Precedente :: Successivo »  
Autore Messaggio
Alberto Tivoli



Registrato: 11-02-2005 13:51
Messaggi: 81
Località: Rieti

MessaggioInviato: Lun 08 Feb 2016 10:46    Oggetto: Cita

Buongiorno Kenji,
sto seguendo questa discussione con grande interesse e approfitto a fare una considerazione che prende spunto dal tuo ultimo messaggio.
E' vero che in Bloodbusters c'è un'appendice che contiene una tabella che descrive gli aghi utlizzati dal sanguigno erario. E' anche vero, però, che il protagonista (che poi è il PdV attraverso il quale la storia è narrata) parla e usa i vari aghi in modo che il lettore possa farsi un'idea delle loro carattersitiche. Certo non è spiegato tutto, non è un'enciclopedia degli aghi, però quello che serve alla storia c'è tutto.
Come lettore preferisco conoscere il mondo narrativo proposto dall'autore attraverso i personaggi, quindi più che leggere prologhi o appendici voglio vedere agire i personaggi.
Hai inventato armi e tattiche militari? Benissimo, mettile in scena!
Fai in modo che sia io lettore a farmi un'idea di queste armi e di queste tattiche facendomele vedere in azione.
_________________
Alberto Tivoli
Top
Profilo Messaggio privato
Antonino Fazio



Registrato: 16-09-2003 00:00
Messaggi: 7562

MessaggioInviato: Lun 08 Feb 2016 11:31    Oggetto: Cita

Alberto ha ragione, anche se l'inserimento di un'appendice non è vietato (le note, invece, non si usano). Il mio suggerimento è di prepararla e poi usarla per cercare di trasporre in forma narrativa tutta la parte essenziale delle informazioni. Un'appendice si pubblica solo in due casi: quando rimangono aspetti informativi essenziali che non è stato possibile inserire nel testo, o quando l'appendice è particolarmente interessante.

Ultima modifica di Antonino Fazio il Lun 08 Feb 2016 22:22, modificato 1 volta in totale
Top
Profilo Messaggio privato Invia email
jpaulverlain



Registrato: 26-05-2010 18:34
Messaggi: 12489
Località: Palazzolo ACREIDE-RAGUSA

MessaggioInviato: Lun 08 Feb 2016 14:14    Oggetto: Cita

Pessima idea! Darebbe il senso di un saggio, non di un romanzo. A meno che tu non voglia davvero scrivere un saggio.
_________________
Salvo Andrea Figura
"Asparago siculo" Giallo24-Mondadori. gen. 2013.
"La neve di Piazza del Campo" Mondadori 3077 2013..
"La Terra, il Cielo e il Costato" History Crime 2014
"La pulce e il cappio" Hist-crime 2015
Top
Profilo Messaggio privato Invia email HomePage MSN Messenger
zephiross



Registrato: 28-07-2008 10:57
Messaggi: 103

MessaggioInviato: Lun 08 Feb 2016 14:22    Oggetto: Cita

IMHO l'appendice non dovrebbe servire a meno che tu, appunto, non stia scrivendo un saggio. Un conto Tolkien che, avendo inventato mondo, geografia, linguaggio, alberi genealogici, dinastie fino a non so quante Ere prima può farlo come "approfondimento", ma per le novità che introduci (se è un universo fantasy), se rimandi all'appendice per spiegare costringi il lettore a sorbirsi una storia "monca" nel senso che non capirà cosa sta vedendo, o peggio, a un fastidioso salta-pagine per vedere, in fondo al libro, la spiegazione di ciò che sta leggendo.
_________________
La scrittura è un demone nel vetro.
Top
Profilo Messaggio privato
Kenji



Registrato: 31-12-2015 03:02
Messaggi: 313
Località: Varese

MessaggioInviato: Lun 08 Feb 2016 16:58    Oggetto: Cita

Ok, ok. Ho capito: non farò nessuna appendice.
Comunque, visto che ho iniziato a parlare di Bloodbuster, volevo dire che recentemente ho letto i due romanzi vincitori del Premio Urania. Per quanto riguarda L'impero restaurato ero molto interessato, ma poi leggerlo è stata una delusione: non c'era nessuna descrizione, nessuna spiegazione. Solo le parti ambientate nella Bisanzio del VI° secolo mi sono piaciute. Per il resto... non ho visualizzato nulla. Non c'era neppure un minimo di descrizione. Bloodbuster invece mi è piaciuto molto di più, seppur l'aspettativa fosse minore. Ho letto un minimo di descrizione e spiegazione e ho visualizzato di più le scene. inoltre era pure molto ironico. Che sia un'impostazione fumettistica, la mia?
_________________
Ho pubblicato 20 racconti su Fingerbooks, 2 su La vetrina da leggere e sono stato segnalato al concorso Perrone editore. Ho pubblicato 11 articoli su Insubriapress, 2 su Soft Air Dynamics, 1 su Open News e Dinosauri in Italia.
Top
Profilo Messaggio privato HomePage
M.T.



Registrato: 15-12-2008 20:25
Messaggi: 430

MessaggioInviato: Lun 08 Feb 2016 18:05    Oggetto: Cita

Usare appendici, glossari, può essere utile se si costruisce un mondo complesso, con molti personaggi ed eventi, basta vedere, per esempio, La Ruota del Tempo di Robert Jordan.
_________________

Top
Profilo Messaggio privato HomePage
Kenji



Registrato: 31-12-2015 03:02
Messaggi: 313
Località: Varese

MessaggioInviato: Lun 08 Feb 2016 22:13    Oggetto: Cita

M.T. ha scritto:
Usare appendici, glossari, può essere utile se si costruisce un mondo complesso, con molti personaggi ed eventi, basta vedere, per esempio, La Ruota del Tempo di Robert Jordan.

Interessante...
_________________
Ho pubblicato 20 racconti su Fingerbooks, 2 su La vetrina da leggere e sono stato segnalato al concorso Perrone editore. Ho pubblicato 11 articoli su Insubriapress, 2 su Soft Air Dynamics, 1 su Open News e Dinosauri in Italia.
Top
Profilo Messaggio privato HomePage
M.T.



Registrato: 15-12-2008 20:25
Messaggi: 430

MessaggioInviato: Mar 09 Feb 2016 00:47    Oggetto: Cita

Sì, è interessante e utile, ma deve servire al lettore se non si ricorda qualcosa riguardo certe tecniche, personaggi o altri elementi legati alla storia: la cosa migliore è mettere, come detto da Antonino Fazio, le informazioni necessarie in forma narrativa. Tuttavia il lettore può non ricordarsi qualcosa e allora, invece di andare a ricercare il brano dove si parla di una certa cosa (e magari non si ricorda la pagina), avere un glossario o un'appendice dove vengo riassunti elementi essenziali, eventi importanti, personaggi primari e secondati, può essere utile per rinfrescare la memoria.
Ho parlato di Jordan, ma anche Sanderson in Mistborn e Le Cronache della Folgoluce fa uso di una sezione alla fine dei romanzi per spiegare nomi e termini; Steven Erikson, dato il gran numero di personaggi della saga Malazan, ha un elenco di essi dove sinteticamente descrive quale ruolo hanno.
_________________

Top
Profilo Messaggio privato HomePage
Kenji



Registrato: 31-12-2015 03:02
Messaggi: 313
Località: Varese

MessaggioInviato: Mar 09 Feb 2016 13:26    Oggetto: Cita

A quanto pare l'uso di appendici e glossari è presente nelle saghe fantasy più corpose. Pure il mio romanzo è un fantasy, con la differenza che ci sono venti popoli che si fanno la guerra ma la lunghezza del testo è più ridotta.
_________________
Ho pubblicato 20 racconti su Fingerbooks, 2 su La vetrina da leggere e sono stato segnalato al concorso Perrone editore. Ho pubblicato 11 articoli su Insubriapress, 2 su Soft Air Dynamics, 1 su Open News e Dinosauri in Italia.
Top
Profilo Messaggio privato HomePage
Kenji



Registrato: 31-12-2015 03:02
Messaggi: 313
Località: Varese

MessaggioInviato: Sab 27 Feb 2016 22:11    Oggetto: Cita

Riprendo l'annoso discorso sull'infodump. Sto leggendo Bersaglio ISIS, di François Torrent. Certe scelte non le ho capite. Quando parla dell'attentato a Charlie Hebdo, cosa successa poco più di un anno fa, sapevo tutto perché cosa recente... ma Torrent ha reso la cosa più interessante usando i nomi in codice dei terroristi. Invece, quando dice che nel mondo musulmano c'è la differenza fra sciiti e sunniti... be', questa la so sin da quando Bush invase l'Iraq. Infodump? Quest'ultimo caso mi sembra accettabile, non indigesto.
Comunque, infine, ho visto su FB in anteprima la copertina del prossimo numero di WMI: parla dell'infodump, come evitarlo. Questo numero non mi scappa.
_________________
Ho pubblicato 20 racconti su Fingerbooks, 2 su La vetrina da leggere e sono stato segnalato al concorso Perrone editore. Ho pubblicato 11 articoli su Insubriapress, 2 su Soft Air Dynamics, 1 su Open News e Dinosauri in Italia.
Top
Profilo Messaggio privato HomePage
HafuKissu



Registrato: 09-07-2016 21:02
Messaggi: 61

MessaggioInviato: Mar 07 Feb 2017 09:55    Oggetto: Cita

Chiedo venia per fare necroposting (anche se la nobile arte della Negromanzia è così incompresa...) ma volevo aggiungere una piccola riflessione sorta in questi giorni leggendo il vostro primo e-book a proposito dello "Show don't Tell", argomento legato a doppio filo proprio con l'infodump.

E' un paragone che deriva dal mio ambito di insegnamento linguistico...non è perfetto ma forse potrebbe rendere un pò l'idea della differenza tra "narrare" e fare appunto "infodump" sciorinando dettagli da imporre al lettore.

In pratica...nell'insegnamento linguistico per gran parte del tempo, fino circa agli anni '70,'80 imperavano le grammatiche di tipo "induttivo" che come il nome suggerisce "imponevano" dall'alto le regole grammaticali.

Ovvero la classica pagina con il prospetto delle declinazioni verbali e poi sequela di esercizi per vedere se l'alunno aveva capito bene l'argomento.

Il limite di questo approccio (ancora peraltro vastamente utilizzato in ambito scolastico) è che magari lo studente impara a menadito le regole grammaticali ma poi fatica non poco a cavarsela in situazioni dove deve comunicare con la lingua "reale"

Successivamente sono nate le grammatiche di tipologia "deduttiva", ovvero dove invece di presentarti le regole grammaticali in maniera "diretta" te le spezzettano all'interno di una unità didattica che punta ad aumentare la tua capacità comunicativa e utilizza la grammatica come strumento per svilupparla piuttosto che come fine ultimo. Magari solo alla fine c'è il prospetto grammaticale e lo studente scopre così di aver acquisito la grammatica senza accorgersene durante tutta l'unità.

E' insomma lo studente che "deduce" le regole dall'utilizzo pratico della lingua.

Credo che con il discorso "Show don't Tell" e evitare l'infodump vi sia una situazione non dissimile.

In pratica quando si fa "tell" si utilizza un approccio "induttivo"..ovvero "forzi" sul lettore il punto di vista del narratore, la sua conoscenza dell'argomento o la maniera in cui tu "vuoi" che una certa cosa venga vista od immaginata. E quando piazzi una sorta di "prospetto informativo" sulla pagina nel tentativo di spiegare un argomento allora rischi di fare infodump.

Lo Show lo vedo per l'appunto più "deduttivo"...non fai un "prospetto" che piazzi sulla pagina ma lo semini abilmente riga per riga, capitolo per capitolo in maniera che il lettore assimili gli stessi contenuti ma alla sua maniera, "deducendolo" da ciò che immagina piuttosto che perchè qualcuno glielo ha "insegnato"


Questo almeno è quello che ho provato appunto a "dedurre" facendo un paragone. Potrei sbagliarmi...ma è solo di recente che sto iniziando a riflettere su certi elementi che prima non riuscivo a vedere.
_________________
"Il giovane virgulto appena sbocciato e lo stelo che inizia ad avvizzire sono erbe dello stesso campo. Giunto l'Autunno.. nessuno dei due verrà risparmiato"
Top
Profilo Messaggio privato
Antonino Fazio



Registrato: 16-09-2003 00:00
Messaggi: 7562

MessaggioInviato: Mar 07 Feb 2017 16:07    Oggetto: Cita

Sì, la tua analogia è pertinente. L'infodump fornisce informazioni dirette, che sarebbe meglio disseminare nel racconto in modo indiretto o senza parere (ad esempio per mezzo dei dialoghi, che però non devono apparire forzati e innaturali) o in modo implicito, in maniera che il lettore ci arrivi per deduzione, appunto.
Top
Profilo Messaggio privato Invia email
HafuKissu



Registrato: 09-07-2016 21:02
Messaggi: 61

MessaggioInviato: Mar 07 Feb 2017 20:51    Oggetto: Cita

Grazie per la risposta.

Mi sto parecchio interessando al concetto dello "Show don't Tell" e al rischio dell'infodumping, visto che mi rendo conto di esserne pienamente vittima.

Avreste qualche esempio di autore particolarmente abile nel "Mostra non Dire"?

Già conosco ampiamente Franco Forte di cui mi sono procurato la bibliografia, in Delos vi sono altri esempi virtuosi da seguire?

E al di fuori della scuola quali autori "importanti" suggerireste di leggere?
_________________
"Il giovane virgulto appena sbocciato e lo stelo che inizia ad avvizzire sono erbe dello stesso campo. Giunto l'Autunno.. nessuno dei due verrà risparmiato"
Top
Profilo Messaggio privato
Danthon



Registrato: 18-03-2008 00:54
Messaggi: 6

MessaggioInviato: Ven 28 Lug 2017 18:28    Oggetto: Cita

Ciao a tutti,
questa dovrebbe essere una spiegazione abbastanza dettagliata.
pennablu.it/infodump/
Saluti a tutti.

__________________
Installazione grate di sicurezza milano e provincia > skudor.com
Top
Profilo Messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   
Nuova discussione   Rispondi    Torna a Indice principale :: Torna a Scrivere racconti Tutti i fusi orari sono GMT + 2 ore
Vai a pagina Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9
Pagina 9 di 9

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuove discussioni in questo forum
Non puoi rispondere alle discussioni in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum