WritersMagazine
Credits | Contatti | Invio dattiloscritti | Creare un link


Domanda: figure retoriche


Nuova discussione   Rispondi
« Precedente :: Successivo »  
Autore Messaggio
Kenji



Registrato: 01-01-1970 02:00
Messaggi: 345
Località: Varese

MessaggioInviato: Sab 27 Feb 2016 14:25    Oggetto: Domanda: figure retoriche Cita

Ciao a tutti! Mi è sorto un quesito: voi usate le figure retoriche nei vostri scritti di prosa? Intendo allitterazioni, chiasmi, anafore e altro ancora... Io ogni tanto le uso, perché è divertente. Però, l'università mi ha confuso le idee: facendo giornalismo inglese, ho scoperto che gli anglosassoni usano le allitterazioni nei loro titoli, mentre studiando giornalismo italiano il mio professore ha detto che non si devono usare le figure retoriche, men che meno le allitterazioni. Questo per il giornalismo (e penso sia contraddittorio: perché i britannici sì, e noi no?). Ma per la prosa narrativa? Che dite?
_________________
Il serpente che si morde la coda, collana Imperium, Delos Digital
Il grande attacco, collana History Crime, Delos Digital
Dare vita, dare morte, collana Imperium, Delos Digital


Ultima modifica di Kenji il Sab 27 Feb 2016 15:54, modificato 1 volta in totale
Top
Profilo Messaggio privato HomePage
Antonino Fazio



Registrato: 01-01-1970 02:00
Messaggi: 7566

MessaggioInviato: Sab 27 Feb 2016 15:37    Oggetto: Cita

Per "figure retoriche" intendi, suppongo, non le figure retoriche in generale (che sono normalmente presenti nel linguaggio) ma figure retoriche particolari come appunto allitterazione, chiasmo e anafora. Le figure retoriche di questo tipo sono come dei giochi di parole e vengono usate scientemente per ottenere particolari effetti, per esempio in poesia. In narrativa, specie nella narrativa di genere, non credo siano molto utili, perché sanno di artificio e rendono lo stile troppo ricercato. Ce le vedo magari in un brano umoristico, ma non in una prosa normale (anche se le ho trovate talvolta in un certo tipo di fantasy). Al massimo possono servire saltuariamente nel parlato (ad esempio, se un personaggio vuole divertire o sfottere qualcuno).
Top
Profilo Messaggio privato Invia email
Kenji



Registrato: 01-01-1970 02:00
Messaggi: 345
Località: Varese

MessaggioInviato: Sab 27 Feb 2016 17:57    Oggetto: Cita

E in un romanzo fantasy proposto al Premio Odissea, invece, secondo te vanno bene? E poi perché le figure retoriche appesantiscono la trama? A me sembrano simpatiche!
_________________
Il serpente che si morde la coda, collana Imperium, Delos Digital
Il grande attacco, collana History Crime, Delos Digital
Dare vita, dare morte, collana Imperium, Delos Digital
Top
Profilo Messaggio privato HomePage
M.T.



Registrato: 01-01-1970 02:00
Messaggi: 444

MessaggioInviato: Sab 27 Feb 2016 18:51    Oggetto: Cita

Dipende da come le usi: messe al posto giusto al momento giusto possono essere efficaci. Non se ne abusi.
Faccio un esempio di abuso prendendo la saga degli Eliminatori di Brandon Sanderson (non è fantasy, ma fantascientifico/supereroistico): il protagonista David (e non solo lui) ha la caratteristica di voler usare sempre metafore per stupire. Se qualche volta può essere carina la cosa, averla sempre in mezzo diventa stancante e fastidiosa e rovina la lettura. A tanti fan di Sanderson questa scelta è piaciuta (ma tanti fan al proprio autore preferito fanno passare di tutto, mentre la stessa cosa fatta da altri viene additata come bruttura), ma benché apprezzi l'autore, ritengo quanto fatto un errore, che va ad abbassare la qualità dell'opera.
_________________

Top
Profilo Messaggio privato HomePage
Antonino Fazio



Registrato: 01-01-1970 02:00
Messaggi: 7566

MessaggioInviato: Sab 27 Feb 2016 21:05    Oggetto: Cita

Kenji, in un romanzo fantasy possono anche andar bene, ma come dice M.T. dipende appunto da come le usi. Però occorre distinguere tra le metafore e altre figure retoriche come l'allitterazione, l'anafora o il chiasmo. Le metafore sono normalmente presenti nel linguaggio scritto e parlato e in pratica non si possono evitare. La costruzione di metafore particolari è del resto una caratteristica dello stile di uno scrittore. Ovviamente ci sono metafore efficaci e metafore meno belle, ma la questione era un'altra. Le figure retoriche che hai citato sono una cosa diversa, perché sono tutte basate sulla ripetizione e sono chiaramente degli artifici retorici, un po' come la rima in poesia. Se cerchi di scrivere in una maniera che appaia naturale, non ti puoi permettere di usarle. Però non appesantiscono la trama ma lo stile. Un certo tipo di fantasy le usa perché cerca di dare un tono solenne o drammatico a certi passaggi, senza preoccuparsi di apparire naturale, ma anzi sottolineando l'artificio.
Top
Profilo Messaggio privato Invia email
Kenji



Registrato: 01-01-1970 02:00
Messaggi: 345
Località: Varese

MessaggioInviato: Sab 27 Feb 2016 22:07    Oggetto: Cita

Capito
_________________
Il serpente che si morde la coda, collana Imperium, Delos Digital
Il grande attacco, collana History Crime, Delos Digital
Dare vita, dare morte, collana Imperium, Delos Digital
Top
Profilo Messaggio privato HomePage
Mostra prima i messaggi di:   
Nuova discussione   Rispondi    Torna a Indice principale :: Torna a Scrivere racconti Tutti i fusi orari sono GMT + 2 ore
Pagina 1 di 1

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuove discussioni in questo forum
Non puoi rispondere alle discussioni in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum