WritersMagazine
Credits | Contatti | Invio dattiloscritti | Creare un link


Sangue Khmer


Vai a pagina 1, 2  Successivo
Nuova discussione   Rispondi
« Precedente :: Successivo »  
Autore Messaggio
Delos Digital



Registrato: 10-12-2015 09:45
Messaggi: 1087

MessaggioInviato: Mar 12 Gen 2016 08:00    Oggetto: Sangue Khmer Cita

Sangue Khmer

di Fabio Novel
Odissea Digital 35
Romanzo - Thriller



Chi ha seviziato e ucciso Peuw e tante altre bambine? Una risposta che nessuno è interessato a trovare, nella tormentata Cambogia del 1992. Solo Tia, una giovane volontaria in cerca di redenzione, vuole giustizia. Per ottenerla, non esiterà ad affrontare il cuore oscuro di Phnom Penh.

Phnom Penh, 1992. La Cambogia è un paese piegato da conflitti e follia: ha pagato caro lo scotto del Viêt Nam, del genocidio polpotista, della guerra civile. È una nazione distrutta, che deve rinascere. Dalle macerie dello spirito prima che dei luoghi. Da un anno, è operativa la missione UNTAC: più di ventimila uomini tra caschi blu e funzionari, peacekeepers che dovrebbero garantire il disarmo delle fazioni in lotta e il regolare svolgimento delle previste elezioni democratiche.È in questa terra intrisa di sangue, rianimata da una forzata speranza per il futuro, che Tia Liliek, una giovane in fuga dal rimorso e dalla depressione, cerca riscatto in un progetto ONG. Il volontariato pare risollevare l’animo della ragazza. Soprattutto, si affeziona all’orfana Peuw, al punto da considerare le possibilità legali di un’adozione.Ma Peuw viene trovata morta in un vicolo della capitale. Seviziata, imbellettata come una prostituta, con la testa infilata in un sacchetto di plastica nera.Chi sia stato non importa a nessuno, le priorità cambogiane e delle NU sono ben altre. Ma Tia esige giustizia. Scopre così che Peuw non è la prima vittima di quello che potrebbe essere un serial killer pedofilo. Con l’aiuto di alcuni amici e di Marco D’Angelo, un brigadiere dei Carabinieri distaccati alla Polizia Civile dell’UNTAC, promuove un’inchiesta sull’assassino. Perché le famiglie delle vittime si chiudono nell’omertà? Perché la polizia locale non vuole investigare, nemmeno dietro pressioni? Perché la DGSE, lo spionaggio francese, s’interessa della faccenda? Perché la CIA muove le sue fila, nell’ombra? E, soprattutto: chi uccide?Purtroppo, qualcuno copre l’omicida, rendendo le indagini non solo impossibili e pericolose, ma addirittura letali.La strada per la verità si rivelerà lunga e imprevedibile. E, alla fine, ci sarà posto solo per un’amara vendetta. Con un'introduzione di Stefano di Marino

Più informazioni
Top
Profilo Messaggio privato HomePage
Paolo Ninzatti



Registrato: 01-01-1970 02:00
Messaggi: 1893
Località: Danimarca

MessaggioInviato: Mar 12 Gen 2016 17:26    Oggetto: Cita

Complimenti, Fabio!
_________________
Paolo Ninzatti
"Il volo del leone", "Missione Medea", "Le ali del serpente" Odissea Digital
"La grande rapina a Trainville" con Alain Voudi'
"Fuga da Utopia" FuturoPresente
"Ragnarok and roll" con Claudio Bovino UFH
Top
Profilo Messaggio privato
jpaulverlain



Registrato: 01-01-1970 02:00
Messaggi: 12537
Località: Palazzolo ACREIDE-RAGUSA

MessaggioInviato: Mar 12 Gen 2016 18:50    Oggetto: Cita

Caspita che storia! Ce n'é per stare svegli tutta la notte a leggere.
Complimenti Fabio. Il Viet-nam e il suo "post" mi hanno sempre affascinato, fino al sanguinario Pol Pot. Poi ho rimosso tutto, per rabbia e disgusto verso una guerra, militare( e poi civile) che cambiò tutta la civiltà dell'occidente e dell'oriente, dagli anni ottanta in poi, spesso passati nel silenzio.
Ti leggerò.
Bravo
_________________
Salvo Andrea Figura
"Asparago siculo" Giallo24-Mondadori. gen. 2013.
"La neve di Piazza del Campo" Mondadori 3077 2013..
"La Terra, il Cielo e il Costato" History Crime 2014
"La pulce e il cappio" Hist-crime 2015
Top
Profilo Messaggio privato Invia email HomePage MSN Messenger
Fabio Novel



Registrato: 16-09-2003 00:00
Messaggi: 242

MessaggioInviato: Mer 13 Gen 2016 00:32    Oggetto: Cita

Grazie a entrambi!

@ Salvo: in effetti, nel romanzo l'eredità di quelle tragedie è fortemente presente. In più modi...
Top
Profilo Messaggio privato
Fabio Novel



Registrato: 16-09-2003 00:00
Messaggi: 242

MessaggioInviato: Gio 21 Gen 2016 23:52    Oggetto: Cita

Grazie a ThrillerMagazine e SherlockMagazine per le rispettive notizie su "Sangue Khmer":

http://www.thrillermagazine.it/16318/sangue-khmer

http://www.sherlockmagazine.it/6587/la-cambogia-di-fabio-novel-nel-suo-romanzo-sangue-khmer
Top
Profilo Messaggio privato
Fabio Novel



Registrato: 16-09-2003 00:00
Messaggi: 242

MessaggioInviato: Sab 06 Feb 2016 19:24    Oggetto: Cita

"Sangue Khmer" segnalato su The Blog Around The Corner, nella rubrica di Fabio Lotti: http://theblogaroundthecorner.it/2016/02/letture-al-gabinetto-di-fabio-lotti-febbraio-2016/
Top
Profilo Messaggio privato
Fabio Novel



Registrato: 16-09-2003 00:00
Messaggi: 242

MessaggioInviato: Mer 24 Feb 2016 23:43    Oggetto: Cita

Sono stato intervistato da ThrillerMagazine. Si parla un po' del sottoscritto, di libri digitali, ma soprattutto di "Sangue Khmer".

Se avete piacere, date un'occhiata e condividete.

TNX!

http://www.thrillermagazine.it/16377/oriente-insanguinato
Top
Profilo Messaggio privato
Diego Matteucci



Registrato: 01-01-1970 02:00
Messaggi: 1919
Località: Codigoro (FE)

MessaggioInviato: Mer 24 Feb 2016 23:48    Oggetto: Cita

Letto proprio stamattina. Molto interessante. Complimenti!
_________________
www.diegomatteucci.it
Top
Profilo Messaggio privato HomePage
Fabio Novel



Registrato: 16-09-2003 00:00
Messaggi: 242

MessaggioInviato: Gio 25 Feb 2016 00:22    Oggetto: Cita

Grazie Diego.
Top
Profilo Messaggio privato
Giusy di Dio



Registrato: 22-07-2013 15:54
Messaggi: 209

MessaggioInviato: Gio 25 Feb 2016 21:54    Oggetto: Cita

Metto in coda di lettura!
_________________
Giusy di Dio

______________________________
L'amore liquido - Delos Digital - 2014
http://www.delosstore.it/ebook/46868/l-amore-liquido/
https://www.facebook.com/pages/Lamore-liquido/1530203333863352?ref=hl
Top
Profilo Messaggio privato
Fabio Novel



Registrato: 16-09-2003 00:00
Messaggi: 242

MessaggioInviato: Mar 01 Mar 2016 23:59    Oggetto: Cita

Giusy di Dio ha scritto:
Metto in coda di lettura!


Grazie anche a te, Giusy, per l'interessamento.
Top
Profilo Messaggio privato
Fabio Novel



Registrato: 16-09-2003 00:00
Messaggi: 242

MessaggioInviato: Mer 02 Mar 2016 00:25    Oggetto: Sangue khmer - un estratto dal romanzo Cita

Spero di fare cosa gradita/utile postandovi le prime 10 pagine del romanzo…


SHERAZADE


Tia sussultò. Come percorsa da una scarica elettrica.
Effetto della risata del sicario. Imprevedibile. Inquietante.
Una cruda frustata canzonatoria che, dopo aver sibilato improvvisa nella penombra, s'era interrotta in un modo brusco. Quasi non fosse completa. Quasi una minaccia sospesa.
L’uomo schioccò due volte la lingua sul palato, sferzando nuovamente i nervi tesi della ragazza.
— Non ci siamo, tesoro. La merce che stai tentando di propinarmi non ha un gran valore. Cazzo: dovresti rendertene conto da sola! — Sbuffò. — Perdona la franchezza. Lo so, lo so: non ho molto tatto. Del resto, non hai a che fare con un galantuomo. Te n'eri già accorta, eh? E pensa: ci conosciamo appena!
E giù una sghignazzata suppletiva.
L'espressione della ragazza, forzatamente torbida fino a un attimo prima, mutò repentina. Si bloccò in bilico tra la luce d'un istintivo sollievo e la tenebra d'una drammatica consapevolezza: aveva mal giocato la sua carta.
Un’ottima carta, peraltro: una donna di cuori. Sprecata, in una partita mortale.
In effetti, nonostante fosse un professionista navigato, T-Rex si scopriva non del tutto insensibile al fascino atipico della sua prigioniera. Un’attrazione che non era semplicemente carnale, istigata dalla bellezza modellata in quel corpo asciutto e atletico, eppure non privo di specifica femminilità, nel fascino di quel volto da sanguemista. Quello stesso che lo sfidava, esternando una rabbia più forte del terrore che serrava il cuore alla giovane.
Forte. Sì, ecco la parola giusta. Il punto. La forza di Tia Liliek. Ciò che più lo seduceva. Perché quell’olandese aveva dimostrato di avere carattere, non solo ostinazione. Peccato venisse così idiotamente indirizzato. Sprecato a correre dietro a un banale ideale di giustizia.
Più la fissava, prestando attenzione a non tradire pensieri mascherati dietro un'aria di distaccata sufficienza, più rimuginava su quanto quel esemplare di femmina fosse splendido. Sul suo potenziale. Su cosa sarebbe potuta diventare a poterla addestrare. Formare. Forgiare.
Forzata in un angolo cieco della catapecchia, costretta a terra, priva di vie di scampo, il volto tirato, livido e stanco, ancora intontita dalla massiccia dose soporifera iniettatale qualche ora prima, Tia non era comunque vinta. Anziché lasciarsi ipnotizzare dalla minaccia letale della Tokarev puntata ad un paio di metri dalla sua fronte, ringhiava alla volta di quel unico occhio, scuro e profondo, che prometteva morte. Spaventata certo, ma non doma. Come una tigre ferita.
Mi piace, per Dio! ammise tra sé l'uomo, non senza perplessità.
Nemmeno l'inattesa scoperta delle propensioni saffiche di Tia aveva inficiato questa pulsione. Tutt'altro. Gli uomini tendono ad eccitarsi all'idea dei rapporti lesbici. È innegabile.
In quel lembo di tempo senza misura che preludeva alla morte, Tia finiva col piacergli ancora di più. Al punto che domava a stento gli espliciti richiami del corpo.
Sto proprio invecchiando…
Forse, se avesse avuto una qualche esperienza, dei buoni insegnamenti, Tia sarebbe persino riuscita a sfruttare la carta della seduzione in modo adeguato. Fotterlo con la più classica e naturale delle armi femminili. Ma era solo una novizia in materia, per quanto tesoro di talento latente.
T-Rex decise d'insistere con la linea d'un caustico sarcasmo: — Cristo, ma chi ti credi d’essere: Miss Universo? Credi davvero che la tua fica possa valere tanto? Ehi, sveglia: di troie ne è pieno il mondo. Troie oneste e disoneste. Belle e brutte. Professioniste e dilettanti. Dichiarate e non. Gran signore, donne in carriera, semplici casalinghe. Oneste madri di famiglia...
Recitava, sì… Ma fino a che punto?
— Mi ritieni così brutto, o così stupido o così povero da non poter scopare quando mi pare? O forse mi hai appioppato l'etichetta di pazzoide, di maniaco, magari impotente? Pensi che abbia bisogno di sentire l'alito d'una condannata a morte riscaldarmi il cazzo per provare eccitazione?
Si chiese se non stesse un tantino calcando la mano con la parte, per quanto non facesse proprio alcun sforzo a recitarla.
— Ehi… Sia chiaro, non farti venire idee sbagliate, non sono un fotti-bambine. Quelli sono merda anche per me. Obiettivi, se solo avessi carta bianca. No, ragazza mia. Non sei sulla strada giusta. Il sottoscritto s'inebria di fica. Fica di varia stagionatura, anche bella giovane. Ma non acerba. Soprattutto: io fotto quando lo decido io. Quindi, tanto per chiarire, non ho bisogno di te nemmeno per una chiavata. Prendi questa fogna di città, per esempio: pullula di freschi fiori delle risaie. Basta andarci un po' cauti, dopo il passaggio di tutti quei dannati pennoni neri col basco blu, di sicuro impestati.
Un pizzico di sano razzismo non fa mai male, ragionò T-Rex. Soprattutto in un pessimo elemento come il sottoscritto.
— Eppoi, siamo realisti: non è valida merce di scambio ciò che non ti appartiene più. In questo momento, tu sei mia. Posso disporre di te a mio piacimento.
Per un attimo, Tia pensò di aggredirlo. Di provarci, almeno.
La storia sarebbe finita lì, incontro al definitivo epilogo evocato da una sentenza in 7.62.
Cambogia, addio. Vita, addio.
T-Rex sapeva che avrebbe fatto un po' di casino. La Tokarev non è un usignolo, quando canta. D'altronde, era necessario che gli agenti della CIVPOL delle Nazioni Unite, o gli sgangherati e inetti sbirri locali, riconducessero l'omicidio a un colpevole indigeno. E le automatiche russe non mancavano in Cambogia.
Anche se nessuno si sarebbe curato di analizzare con cura il proiettile, era meglio non rivelare l’utilizzo professionale di silenziatori. Il botto avrebbe richiamato l'attenzione di qualcuno dei gooks nei paraggi, ma nulla più. Gente abituata alle deflagrazioni delle mine non si spaventa per uno sparo qualsiasi. Il recente passato aveva insegnato loro che la sopravvivenza impone anche una buona dose d'ignavia e omertà.
Da quel fronte, non c'era quindi un granché da preoccuparsi. Tanto più che stava nell'interesse comune che la scassacazzi fosse tolta di mezzo. Ingrato compito professionale. Suo compito. Sua competenza.
E allora perché non si decideva a premere il grilletto, perché l'accarezzava solamente? Una leggera pressione dell'indice, poi tanta sana materia cerebrale mista sangue che si spiaccica sulla parete.
[i]This is the end. My only friend, the end.
The end. [/i]La fine.
Fine di una bella ragazza troppo motivata, un'eroina nel posto sbagliato nel momento sbagliato.
Fine di una missione breve e fin troppo facile, quasi indegna delle capacità di T-Rex. Fine di un problema rognoso ma non troppo complicato.
Perché hanno voluto chiamare me, per una stronzata del genere?
Se l’era chiesto più volte.
Avrebbe potuto terminare la ragazza già da giorni. In modo pulito, senza nemmeno farsi vedere accanto a lei. Eppure, in maniera molto poco professionale, e smentendo i propri stessi insegnamenti, aveva voluto togliersi la curiosità di parlarle. Di complicarsi la vita. Organizzando un rapimento non privo di controindicazioni.
Al diavolo, chissenefrega! Era suo diritto, dopo tanti anni, concedersi qualche fottuto sfizio.
Osservò ancora la sua preda. La studiò. Notò il fremito che precede lo scatto. Si apprestò a mettere la parola fine all’ennesima operazione bagnata.
Invece, Tia seppe trattenersi. Capì, o fu l'istinto. S'aggrappò alla vita, superiore alla rabbia. Invece di spiccare il balzo finale, l'ultima animalesca difesa, si mise ad arretrare cautamente, portandosi a ridosso della parete di rattan impregnato d'umidità tropicale.
— Non preoccuparti: non ti stuprerò. Non che non abbia mai violentato una donna, intendiamoci. Trovo però divertente farlo solo con quelle piene di sé. Annullare la loro arroganza, lacerare la loro superbia. Non è il tuo caso. Quando ho avuto questo incarico, mi sono studiato i casini che hai combinato. In tutta sincerità, piccola, sotto certi di punti di vista sei stata ammirevole. — T-Rex aveva appena deciso che ammetterlo non gli costava troppo. Concederle una piccola soddisfazione prima dell'estremo pregiudizio.
— Non meriti inutili umiliazioni. — Si umettò le labbra, dimentico dell'herpes che lo tormentava da un paio di giorni. — Sai come mi chiamano nell’ambiente? T-Rex. Non me lo sono scelto io, il nomignolo. Me l'hanno affibbiato tanto tempo fa, da queste parti. Credo per i macelli che m'ero specializzato a guidare. Non ero molto fine, no. Ah, bei tempi, quelli dei SOG. T-Rex: c'era un gruppo musicale che si chiamava così, una volta. Non era male... Ma quanto ci sia affezionato, al soprannome, non è azzeccato. Ci sono delle somiglianze, lo ammetto — ironizzò, indicandosi il cranio voluminoso. — Ma il bestione, terrore dei dinosauri, aveva un cervellino minuto, contrariamente a me.
Stava sciorinando scemenze a iosa. E si rendeva conto, con sorpresa e fastidio, che ormai c’era poco di intenzionale in quell'impostazione balorda. Era davvero un po’ confuso. La verità era che una comprensibile stanchezza reclamava il saldo degli arretrati. Da giorni non faceva una dormita decente. Anzi: da anni. Sentiva pesare sul groppone ben più d'un quarto di secolo di disonorata carriera e 48 anni fisici di recente festeggiati a gin-tonic con due deliziose puttanelle vietnamite. Tanto per ricordare i vecchi tempi del Nam, le scopate col brivido di Saigon. In partita doppia, nella colonna DARE, spiccavano d'un bel rosso sfrontato pure alcune sostanze di cui aveva ricominciato a far uso. Merda che, se ne rendeva conto, pretendeva un prezzo sproporzionatamente alto rispetto all'effettiva utilità.
No. Non era messo bene. Non era più quello di una volta. Il vecchio dinosauro carnivoro, terrore giurassico, soffriva di gastrite e ci aveva pure rimesso qualche zanna sulle placche dorsali di qualche triceratopo antagonista. Non era ancora scoccata l'ora dell'estinzione, ma, nemesi o decadenza che fosse, ne percepiva l'approssimarsi.
Se n'erano accorti anche a Langley. Di buono c’era che alla CIA lui faceva tuttora comodo, soprattutto in certi casi, e la sua parola contava ancora qualcosa. Aveva poi tesaurizzato con cura gli elementi per farla contare: copie di dossier e documenti sporchi, sufficiente garanzia anche senza dover chiamare in ballo l'amicizia con Ronnie, il suo vecchio ex "collega" che, una volta dismessa la mimetica e celato il tatuaggio rituale grazie alla manica di camicia chiusa da eleganti gemelli, aveva saputo farsi strada negli uffici climatizzati della lontana sede virginiana. Chi l'avrebbe mai detto...
Era triste per T-Rex ammetterlo, ma sapeva bene che, a quel punto, i caporioni avrebbero preferito senz'altro dover rimpiangere la sua prematura scomparsa sul campo anziché gioire della sua longevità d'operativo esperto ma indisciplinato. Una nuova lapide ad Arlington.
Ritornò con l'attenzione sulla ragazza. Il suo silenzio cominciava ad urtargli i nervi. Non gridava, non inveiva, non supplicava, non singhiozzava. Niente di niente.
— Chi cazzo te l'ha fatto fare?! — esplose, esasperato più che altro dalla propria esitazione nel chiudere la pratica.
In vita sua, aveva incrociato sguardi d'ogni tipo, molti dei quali appartenevano a vittime, potenziali o predestinate. Sguardi che non è sempre facile sostenere, soprattutto ad inizio carriera. Dopo, ci si fa il callo, come T-Rex ben sapeva.
L'odio, poi, era una sua vecchia conoscenza.
Quello di Tia fu un’inequivocabile sguardo d'odio. Niente di nuovo, per lui. Eppure gli fece un effetto inusitato. Fu in quell'istante di cedimento che lei, forse per istinto, s'incuneò.
— Peuw.
In un primo momento, T-Rex non capì. Assunse un piglio interrogativo.
— Peuw. L'ho fatto per Peuw. E per tutte le altre.
Peuw?.. Ah, sì, certo, la sua piccola cambogiana.
Era il tipo di risposta che T-Rex si aspettava. Specchio di una personalità agli antipodi dagli schemi mentali che muovevano lui. E il mondo. Il quale, volenti o nolenti, gli assomigliava di gran lunga più di quanto non assomigliasse a lei.
— Tu mi ucciderai.
Era un'affermazione, non un quesito. L'uomo annuì lo stesso.
— Prima dimmi il nome dello stronzo — sibilò la donna.
Che cazzo se ne faceva di quel nome, nella tomba? Credeva magari di poter tornare sotto forma di spirito vendicatore?
— Quale stronzo? Il mondo ne è pieno.
— Il mostro che le ha... ammazzate. — Incespicò sulle labbra prima di dire ammazzate. In effetti, era un blando eufemismo per le porcherie che avevano preceduto e accompagnato la morte delle bambine.
T-Rex non esitava a definirsi un porco, un gran bastardo. Nel Nam gli era capitato d'uccidere anche dei bambocci. Del resto, c'era mancato poco che loro accoppassero lui. Ma quello che l'assassino aveva fatto alle sue vittime prima di farle fuori, beh, quella era tutta un'altra storia. Faceva ribrezzo persino a lui.
D'altronde, era anche vero che nell'arco della sua fottuta carriera segreta, aveva dovuto coprire schifezze altrui di gran lunga peggiori.
— Sono stato io — provocò.
— Balle. Non so chi tu sia. Sei un assassino, è ovvio, ma non quel assassino. Lo capisco. Dimmi il vero nome!
Imperiosa. Ricominciava ad agitarsi. Gli occhi emettevano una luminosità felina e feroce.
— Buona! — intimò lui, mentre con un movimento di 90° del polso giocherellava a spostare il calcio dell’automatica orizzontalmente, senza sgarrare d'un millimetro l’asse di mira.
— Adesso io mi siedo su quel bidone. Tu non fare scherzi.
Lei obbedì. Ora pareva di nuovo spaventata.
— Hai voglia di fare quattro chiacchiere? — chiese lui, spiazzandola con un tono spensierato.
— Perché?
— Cazzi miei! — Cosa poteva risponderle? Non lo sapeva nemmeno lui, il perché. — Allora, hai voglia di fare queste quattro fottute chiacchiere, o no?
— Ho voglia di vivere. Non di chiacchierare.
— Allora ci siamo. Per te, adesso, chiacchierare è vivere. Fin che non mi stufo. Hai sempre voglia di vivere?
— Sì.
— Allora hai voglia di parlare — commentò lui, come fosse la cosa più logica e scontata del mondo.
Seguì un lungo interminabile minuto di silenzio. T-Rex tolse il dito dal ponticello e lo mise sul grilletto. Tia reagì: — Di cosa vuoi parlare?
— Di te.
— Non ne sai già abbastanza?
— Ognuno vede le cose a modo suo. Prospettive diverse.
— A che ti serve? Sei qui per ammazzarmi…
Aveva bisogno di esserene sicura?
— Io faccio le domande.
— Cosa vuoi sapere di preciso? Cosa ho scoperto?
Egli rimase a fissarla per un po', serio. Poi si concesse un ampio sorriso. — Raccontami di te, di come sei arrivata qui. Di quello che hai combinato a Phnom Penh. Tutta la dannata storia. E cerca di essere divertente...
Era sarcasmo, o il tipo parlava sul serio?
Tia tirò un lungo sospiro. Socchiuse gli occhi. Deglutì.
— Sherazade... — mormorò.
— Come? — chiese T-Rex. Lì per lì, non si ricordò delle Mille e una notte.
Tia non si degnò di dargli spiegazioni. Lo squadrò ancora una volta, in modo penetrante; quindi, ci pensò su un attimo. Riprese coraggio.
— Così vuoi sentire tutta la dannata storia. Per filo e per segno. Vuoi che sia la tua Sherazade. Per chissà quale capriccio, vuoi che inganni il tuo tempo. Ingannarlo, per allontanare la morte. OK. Perché no! Ma dovrò fingere di non avere di fronte un bastardo. Dovrò fingere di raccontare una storia umana a qualcuno che sia altrettanto umano. Perciò: non t’incazzare se non ti guarderò negli occhi.


IL RACCONTO DI TIA - 1


L'Antonov An24s della Kampuchean Airlines smentì le pessimistiche previsioni dei passeggeri completando in modo egregio l’atterraggio al Pochentong di Phnom Penh.
Mentre il velivolo percorreva la pista verso l'area di stazionamento, Tia Liliek frugò con lo sguardo curioso oltre il finestrino. La prima cosa che notò fu un balenottero dei cieli di color bianco sporco: il C130 riposava a bordo pista, con l'aspetto più abbandonato che pronto ad ogni evenienza. Sui suoi fianchi panciuti campeggiava la sigla UN.
United Nations.
Appena sceso dal malandato apparecchio di fabbricazione sovietica, passato ai vietnamiti e quindi alla KA di terza mano, un pingue turista americano, preso dalla foga della novità, si precipitò a fotografare il velivolo militare delle Nazioni Unite. Senza nemmeno concedersi un comprensibile respiro di sollievo. Si sentiva molto reporter. Sarebbe stato più interessante immortalare il catorcio che gli stava alle spalle, e che miracolosamente lo aveva trasportato sano e salvo da Bangkok fino a Phnom Penh, piuttosto che rincorrere una sigla la quale, un'ora più tardi al massimo, avrebbe scoperto essere, almeno nella capitale, più comune degli stessi Khmer.
Tia, invece, non diede più attenzione al velivolo. Lasciò che lo sguardo vagasse attorno. Vedendo tutto, e niente. Tirò un lungo respiro, inalando con piacere l’aria calda e umida. Si avviò quindi verso le strutture dell’aeroporto. Con il suo zaino mezzo vuoto in spalla, ma l’animo colmo e confuso. Stanca, frastornata. Non solo dal viaggio.
Era stata la scelta giusta?
Cosa la aspettava fuori dall’aeroporto? La Cambogia era una ferita aperta, che qualcuno finalmente aveva deciso di curare. Bene o male. Cosa aveva davvero da offrire, lei?
Sulla carta, arrivava nella nazione indocinese per aiutare i locali. In realtà, si trattava soprattutto di aiutare se stessa. E senza nessuna convinzione di successo. L’aveva spinta a farlo Cees Reijsbergen, un caro amico che non era riuscito ad accettare il baratro di prostrazione e abulia in cui era precipitata.
In verità, s'era trattato di qualcosa di più d'una profonda depressione. Quello che era successo, quello che lei aveva fatto succedere, era destinato a ucciderla.
Se, ospite inatteso, Cees non avesse, quella sera, suonato al suo campanello, sarebbe davvero finita lì. La morte era nel cassetto, pronta. Acquistata la sera prima. Anche Tia era pronta. Dominata da una volontà dura, per fortuna fragile. Cees, senza piena consapevolezza, l’aveva salvata.
— Non servirà a niente... — aveva ribattuto lei alle insistenze dell’amico.
— Male che vada, almeno servirà a qualcuno laggiù. Provaci — l’aveva esortata lui, sorridendo con quella placida sicurezza che tanto ammirava in lui, ma che in quell'occasione le aveva procurato una sorta di fastidio.
— Io non sono un medico. Le mie cognizioni di medicina si fermano ai linimenti che mettevo sui lividi, dopo i combattimenti. Piuttosto, ero solita a procurare lavoro ai medici, in un modo o nell'altro. Il naso me l'hai rifatto tu. — Cees era un chirurgo plastico piuttosto buono, anche se troppo giovane per essere già famoso. Tia lo aveva conosciuto da cliente: era stata una campionessa quasi mondiale di kickboxing.
Proprio a causa di quel “quasi”, adesso non era niente.
Niente.
— I quadri medici e paramedici dell'équipe sono completi. Tuttavia il progetto prevede ancora una figura di supporto, che si occupi di pratiche e collegamenti, che si arrangi con più lingue possibile. Che sia fisicamente forte, che non abbia motivi di avere nostalgia di casa. Ora, andando per ordine, mi risulta che tu abbia completato gli studi superiori ad indirizzo amministrativo...
— Per il rotto della cuffia — lo aveva interrotto, ironica.
— Non potevi ottenere il massimo dei voti col ritmo stakanovista di allenamenti a cui ti sottoponevi, e lavorando per pagarti gli studi.
— Cees, sarò anche fisicamente forte, ma ti ricordo che sono psicologicamente ridotta a una merda.
— Questo i miei amici lo sanno. L'ho spiegato loro. Con chiarezza. E si sono convinti delle mie convinzioni. Puoi farcela, credimi.
La giovane avevo sospirato, con un improbabile e stanco sorriso. — Perlomeno, me la sono sempre cavata bene con le lingue.
In effetti, oltre al suo olandese, vantava un'ottima padronanza dell'inglese, masticava francese e tedesco a medio livello, aveva un'infarinatura di spagnolo, e da bambina suo padre le aveva insegnato rudimenti di bahasa. Insomma, un talento naturale.
— Significa che accetti? — Cees era parso eccitato dal varco che s'era aperto e in cui aveva prontamente incuneato il proprio entusiasmo.
Così, nonostante tutte le incertezze del caso, la risposta di Tia era diventata “sì”. Fosse filato tutto liscio, non avrebbe rivisto Amsterdam per un paio d’anni.
Con questi ricordi in tasca, e non poche perplessità, si ritrovava quindi a fare la fila all'immigrazione del Pochentong.
Non era la prima volta che veniva in Asia. S'era battuta sui ring di Bangkok in un paio di occasioni, e una volta aveva sostenuto un incontro a Jakarta, nella Giava paterna. Peccato suo padre non avesse potuto esserci. Era morto troppo presto. Un incidente d’auto. Dalla sua dipartita, sua madre non s’era più ripresa del tutto. Quando s’era ammalata di tumore, lo aveva accettato con una rassegnazione che Tia aveva stentato a perdonare.
L’Oriente non era una novità assoluta, dunque. Ma era Tia a non essere più la stessa. E l'Asia non era più il quadrato dove affrontare un rivale. Il ponte per il suo futuro. L'avversaria adesso era sé stessa. E l'Asia diventava la sua ultima spiaggia.
Osservò il timbro rosso, sbavato sul passaporto. Tra serpentelli ordinatamente agitati che riconobbe come grafia khmer, la doppia silhouette dei templi di Angkor e qualche parola in francese, spiccava, in blu, la sua data di entrata: 24 agosto 1992.
Bienvenue, madame — Mentre le restituiva il documento, il funzionario militare sfoderò un sorriso amabile, nonostante i denti giallastri e sovramisura. Cannibaleschi.
Merci beaucoup, monsieur — ringraziò lei, educata ma con tono assai meno cordiale.
All'uscita del Pochentong, fu subito avvicinata da una cambogiana che esibiva un cartoncino bianco con sopra scritto Miss Tia Liliek.
— Miss Tia?
— Sì.
La cambogiana infilò il cartoncino nella borsetta e la accolse con un saluto a mani giunte.
— Benvenuta in Cambogia. Io sono Somaly Klod.
— Grazie mille. Piacere di conoscerti.
Somaly aveva un corpo minuto e ben modellato. Altrettanto attraente era il volto. La sua era una avvenza semplice, immediata, priva di ostentazione. Ma anche una femminilità che nemmeno l'abbigliamento modesto e informe che indossava riusciva a celare.
Tia, in un momento diverso, avrebbe con ogni probabilità formulato qualche recondito pensiero impuro al suo riguardo. Forse, a livello inconscio, un impulso ben preciso si ancorò all’animo già allora. Non aveva mai nascosta la propria bisessualità. Propensione che non le aveva reso facile l’adolescenza, quando sua madre aveva compreso.
In ogni caso, in quei momenti non era nelle condizioni mentali adatte. Il sesso stava agli antipodi dei suoi pensieri e dei suoi desideri.
La ragazza disse qualcos’altro, che a Tia, distratta sfuggì. Se lo fece ripetere. Aveva una voce dolce, musicale, che s’accordava in modo perfetto alla cordialità delle parole e all'asciutta eleganza dei suoi modi. Lavorava anche lei per la MPLM, acronimo di Medicins pour le Monde, l'organizzazione non governativa al cui progetto di cooperazione e assistenza Tia s'era ritrovata, malgrado scarsità di convinzione e attitudini, ad aderire attivamente.
Somaly aveva ricevuto istruzioni di accoglierla e accompagnarla all'albergo in cui avrebbe trovato temporaneo alloggio, in attesa si rendesse libera una sistemazione permanente. A quanto pareva, la massiccia presenza straniera collegata all'operazione UNTAC, terribile acronimo per United Nations Transitional Authority for Cambodia, e al proliferare di progetti di cooperazione allo sviluppo, avevano saturato un mercato immobiliare di scarsissima disponibilità, impreparato, che aveva fatto presto a far lievitare gli affitti in modo assurdo rispetto alla “qualità” dell’offerta.
Lungo il tragitto, malgrado accusasse tutta la stanchezza d'un viaggio insonne, e nonostante la scarsa propensione al dialogo, Tia si ritrovò coinvolta in una piacevole conversazione con Somaly, alla quale si aggiunse poi l'autista dell'ONG. Pareva un tipo tranquillo, guidava il Nissan con attenzione, senza pestare sull’acceleratore. Una cautela che pareva persino eccessiva, tradiva insomma una sorta di insicurezza.
In un inglese molto approssimativo, si presentò come An.
Chiacchierando, Tia commise un involontario errore che l’avvicinò bruscamente alla cruda realtà di quel mondo.
Il conducente pareva non darsi pago del fatto che lei fosse stata una nak muay thai. Lei aveva usato il termine thai perché lui non aveva mai sentito parlare di kickboxing.
Indispettita dal malcelato maschilismo, accennando alla sua guida non sempre sciolta, l’olandese abbozzò una piccola provocazione: — Da quanto tempo fai l’autista, An?
— Due anni...
Mente? — E prima?
— Maestro.
— Bello. Sempre stato maestro?
— Soldato, sotto Lon Nol. — Parlava un discreto francese, forse era stato davvero un insegnante. — Cinque anni.
— E sotto Pol Pot? — Senza pensare.
Lui ebbe un sussulto. — Schiavo. Quattro anni. — rispose, con una voce irriconoscibile, che troncò la chiacchierata. — Ma sono stato fortunato.
Tia si sentì da cani.
Nella risposta del tassista era condensata parte della recente storia cambogiana, sulla quale l’olandese s’era doverosamente informata prima della partenza. Non aveva avuto però la sensibilità di dare corpo e senso a tante nozioni. Tentò di incolpare la spossatezza. Con scarsi risultati di convincimento.
Aveva cominciato con il piede sbagliato. Preludio all'ennesimo fallimento?

(…)
Top
Profilo Messaggio privato
Fabio Novel



Registrato: 16-09-2003 00:00
Messaggi: 242

MessaggioInviato: Ven 04 Mar 2016 21:54    Oggetto: Nuova recensione Cita

Pubblicata oggi su ThrillerMagazine una recensione 4 stellette a "Sangue Khmer".

http://www.thrillermagazine.it/16395/sangue-khmer
Top
Profilo Messaggio privato
Fabio Novel



Registrato: 16-09-2003 00:00
Messaggi: 242

MessaggioInviato: Lun 14 Mar 2016 23:37    Oggetto: Cita

Condivido una nuova recensione al romanzo: http://scrivoleggo.blogspot.it/2016/03/sangue-khmer-di-fabio-novel.html
Top
Profilo Messaggio privato
Fabio Novel



Registrato: 16-09-2003 00:00
Messaggi: 242

MessaggioInviato: Sab 26 Mar 2016 00:45    Oggetto: Cita

Una nuova intervista: http://scrivoleggo.blogspot.it/2016/03/intervista-fabio-novel-autore-del-libro.html

Che ne dite? Question
Top
Profilo Messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   
Nuova discussione   Rispondi    Torna a Indice principale :: Torna a ODISSEA DIGITAL Tutti i fusi orari sono GMT + 2 ore
Vai a pagina 1, 2  Successivo
Pagina 1 di 2

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuove discussioni in questo forum
Non puoi rispondere alle discussioni in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum