WritersMagazine
Credits | Contatti | Invio dattiloscritti | Creare un link


SE URANIA PUBBLICASSE REGOLARMENTE RACCONTI DI ITALIANI


Vai a pagina Precedente  1, 2, 3
Nuova discussione   Rispondi
« Precedente :: Successivo »  

SE URANIA PUBBLICASSE REGOLARMENTE RACCONTI DI ITALIANI
Per me non farebbe nessuna differenza
5%
 5%  [ 2 ]
Ottima idea renderebbe Urania piu' appetibile
95%
 95%  [ 38 ]
Preferirei leggere racconti di autori stranieri
0%
 0%  [ 0 ]
Voti Totali : 40

Autore Messaggio
Subhaga Gaetano Failla



Registrato: 27-07-2009 17:21
Messaggi: 805

MessaggioInviato: Dom 29 Nov 2015 23:10    Oggetto: Cita

Anch'io sono completamente d'accordo. Un'idea che ricorda quella di due vecchi e nobilissimi estimatori della fantascienza, direttori di Urania per molti anni, i quali inoltre hanno contribuito, fin dagli anni Cinquanta, a far uscire la fantascienza dal ghetto della letteratura di seconda classe: Fruttero e Lucentini. Nel 1962, nella rivista Urania, per la prima volta apparve la rubrica "Il marziano in cattedra". Dietro tale maschera si nascondevano i due magnifici F&L.
In un saggio del 2012, ripubblicato in "Nuovi argomenti" nel dicembre 2014, Tommaso Pincio (autore, tra gli altri notevoli libri, d'una deliziosa e bizzarra ucronia: "Lo spazio sfinito") così scrive:
Ecco dunque il contesto in cui "Il marziano in cattedra" entrò in gioco. Nel suo piccolo, la rubrica avrebbe dovuto rappresentare un’isola al riparo dal clima culturale imperante, poco adatto allo sviluppo di un’autentica narrativa di genere nel nostro paese. A «Urania», spiegò il prof. Marziano, spettava «il compito di individuare, incoraggiare, far fruttare» i talenti nostrani. In altre parole, creare l’humus nel quale potessero germogliare scrittori italiani di un nuovo tipo.
[i]Il nobile intento implicava una sorta di ritorno alle origini di «Urania», inizialmente articolata in due collane gemelle. Da un lato «I romanzi di Urania», che usciva con cadenza quindicinale traendo linfa dall’inesauribile fonte dei tascabili americani. Dall’altro, la rivista mensile «Urania» dove racconti brevi si alternavano ad articoli e una rubrica di corrispondenza.[
Top
Profilo Messaggio privato
Recenso



Registrato: 28-01-2009 21:37
Messaggi: 4736
Località: Provincia di Napoli

MessaggioInviato: Sab 26 Dic 2015 05:08    Oggetto: Cita

Alain Voudi' ha scritto:
Cioè, ma sono domande da farsi? Specialmente in questa sede? Dai, suvvia...

Copincollo... Laughing
_________________
Lo scrittore crea; lo scribacchino copia; il fallito copia e dice di aver creato (Io)
EROE IN PROVA
Il labirinto delle realtà, Robot 69
"Non sono esperta di nulla ma so ciò che serve di molto" (Io)
I'm bigender
Top
Profilo Messaggio privato HomePage
Salvatore Stefanelli



Registrato: 28-02-2007 22:31
Messaggi: 9439
Località: Napoli

MessaggioInviato: Sab 26 Dic 2015 18:31    Oggetto: Cita

Subhaga Gaetano Failla ha scritto:
Anch'io sono completamente d'accordo. Un'idea che ricorda quella di due vecchi e nobilissimi estimatori della fantascienza, direttori di Urania per molti anni, i quali inoltre hanno contribuito, fin dagli anni Cinquanta, a far uscire la fantascienza dal ghetto della letteratura di seconda classe: Fruttero e Lucentini. Nel 1962, nella rivista Urania, per la prima volta apparve la rubrica "Il marziano in cattedra". Dietro tale maschera si nascondevano i due magnifici F&L.
In un saggio del 2012, ripubblicato in "Nuovi argomenti" nel dicembre 2014, Tommaso Pincio (autore, tra gli altri notevoli libri, d'una deliziosa e bizzarra ucronia: "Lo spazio sfinito") così scrive:
Ecco dunque il contesto in cui "Il marziano in cattedra" entrò in gioco. Nel suo piccolo, la rubrica avrebbe dovuto rappresentare un’isola al riparo dal clima culturale imperante, poco adatto allo sviluppo di un’autentica narrativa di genere nel nostro paese. A «Urania», spiegò il prof. Marziano, spettava «il compito di individuare, incoraggiare, far fruttare» i talenti nostrani. In altre parole, creare l’humus nel quale potessero germogliare scrittori italiani di un nuovo tipo.
[i]Il nobile intento implicava una sorta di ritorno alle origini di «Urania», inizialmente articolata in due collane gemelle. Da un lato «I romanzi di Urania», che usciva con cadenza quindicinale traendo linfa dall’inesauribile fonte dei tascabili americani. Dall’altro, la rivista mensile «Urania» dove racconti brevi si alternavano ad articoli e una rubrica di corrispondenza.[

Non so se sia ancora riproponibile una idea del genere, ma sarebbe bello vederla realizzarsi ogni mese.
_________________
Tace la notte, piena di parole, al vento gelido del nord. Le stelle vibrano nel buio e l'anima non sembra più così sola. Ti parlo, Vuoto, perché tu possa riempirti d'amore.

Vorrei camminare per il mondo, nudo, e sentirmi vestito di Creato.
Top
Profilo Messaggio privato Invia email
bons



Registrato: 19-06-2006 10:52
Messaggi: 43

MessaggioInviato: Dom 03 Gen 2016 18:28    Oggetto: Cita

Sarebbe addirittura auspicabile che Urania pubblicasse regolarmente racconti di autori italiani Wink
Top
Profilo Messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   
Nuova discussione   Rispondi    Torna a Indice principale :: Torna a DALLA WMI AI GRANDI EDITORI Tutti i fusi orari sono GMT + 2 ore
Vai a pagina Precedente  1, 2, 3
Pagina 3 di 3

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuove discussioni in questo forum
Non puoi rispondere alle discussioni in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum