WritersMagazine
Credits | Contatti | Invio dattiloscritti | Creare un link


Geronimo - Riccardo Restelli - Segretissimo


Nuova discussione   Rispondi
« Precedente :: Successivo »  
Autore Messaggio
Manzopc



Registrato: 01-01-1970 02:00
Messaggi: 330

MessaggioInviato: Mer 09 Mag 2012 15:59    Oggetto: Geronimo - Riccardo Restelli - Segretissimo Cita

Geronimo

Ho conosciuto Geronimo in una fottuta notte di sangue e adrenalina, nel bel mezzo della missione più sfortunata della mia breve carriera militare. Qualche famoso generale del passato, di cui non ricordo il nome, ha detto che nessun piano di battaglia sopravvive al primo colpo di fucile ma quella volta, credetemi, tutto cominciò ad andare a puttane prima ancora che cominciassimo a sparare. Ma procediamo con ordine, se ordine ci può essere nel caos della guerra.
Era una gelida notte di febbraio del 2002 e il sottoscritto, sergente Patrick Ryan da Bridgeport Nebraska, si trovava insieme ad altri dieci compagni sul primo di due elicotteri MH-60 Black Hawk che stavano volando a bassa quota, in fondo a una scurissima valle tra le montagne della regione di Paktia, nel sud-est dell’Afghanistan.
Eravamo tutti seduti su freddi sedili di metallo disposti sulle due fiancate del velivolo, e ci guardavamo in faccia da una fila all’altra, in rigoroso silenzio. Anche le comunicazioni radio che provenivano dalla cabina di pilotaggio erano ridotte al minimo: si sentiva soltanto il fruscio dell’aria sulle pale e il rumore attutito del rotore, quasi un battito soffuso.
_________________
Riccardo


Ultima modifica di Manzopc il Gio 10 Mag 2012 11:58, modificato 2 volte in totale
Top
Profilo Messaggio privato
Salvatore Stefanelli



Registrato: 01-01-1970 02:00
Messaggi: 9443
Località: Napoli

MessaggioInviato: Mer 09 Mag 2012 16:41    Oggetto: Cita

Sarei curioso di sapere se il protagonista sta raccontando a noi che leggiamo o a qualcun'altro. L'incipit mi sembra interessante, con un certo ritmo e l'atmosfera dell'elicottero sembra si cali addosso mentre "si ascolta". Chissà come sarà il seguito. In bocca al lupo e canestrini.
_________________
Tace la notte, piena di parole, al vento gelido del nord. Le stelle vibrano nel buio e l'anima non sembra più così sola. Ti parlo, Vuoto, perché tu possa riempirti d'amore.

Vorrei camminare per il mondo, nudo, e sentirmi vestito di Creato.
Top
Profilo Messaggio privato Invia email
Fernando Nappo



Registrato: 09-05-2003 00:00
Messaggi: 2690

MessaggioInviato: Mer 09 Mag 2012 17:07    Oggetto: Cita

Quoto Salvatore. I gelidi sedili potrebbero diventare freddi sedili per evitare la ripetizione con gelida notte. Ma potresti anche eliminare entrambi gli aggettivi.
In bocca al lupo.
Top
Profilo Messaggio privato
Manzopc



Registrato: 01-01-1970 02:00
Messaggi: 330

MessaggioInviato: Mer 09 Mag 2012 17:24    Oggetto: Cita

Fernando Nappo ha scritto:
Quoto Salvatore. I gelidi sedili potrebbero diventare freddi sedili per evitare la ripetizione con gelida notte. Ma potresti anche eliminare entrambi gli aggettivi.
In bocca al lupo.


Maledette ripetizioni! Per quanto si rilegga sfuggono sempre...
Corretto al volo. Grazie!
_________________
Riccardo
Top
Profilo Messaggio privato
Christian Antonini



Registrato: 20-07-2009 12:20
Messaggi: 93

MessaggioInviato: Mer 09 Mag 2012 19:09    Oggetto: Cita

Uuuuh... Geronimo? Come un certo Target Geronimo apparentemente imprendibile...? Shocked
Top
Profilo Messaggio privato
ErreTi



Registrato: 22-05-2011 01:30
Messaggi: 83

MessaggioInviato: Dom 03 Giu 2012 04:43    Oggetto: Cita

Si può dire? Lo amo Very Happy

L'unica cosa che leverei\cambierei è questa: Ma procediamo con ordine, se ordine ci può essere nel caos della guerra.

Secondo il mio parere fa "calare" l'atmosfera ed è un po' scontata come frase, per il resto tifo e ovazioni.
_________________
~ Romina T. ~

365 Storie d'amore: Un matrimonio senza valore - 31 gennaio
Top
Profilo Messaggio privato
alberto sodani



Registrato: 01-01-1970 02:00
Messaggi: 1697
Località: Roma

MessaggioInviato: Dom 03 Giu 2012 17:33    Oggetto: Re: Geronimo - Riccardo Restelli - Segretissimo Cita

Manzopc ha scritto:

Era una gelida notte di febbraio del 2002 e il sottoscritto, sergente Patrick Ryan da Bridgeport Nebraska, si trovava insieme ad altri dieci compagni sul primo di due elicotteri MH-60 Black Hawk che stavano volando a bassa quota, in fondo a una scurissima valle tra le montagne della regione di Paktia, nel sud-est dell’Afghanistan.
Eravamo tutti seduti su freddi sedili di metallo disposti sulle due fiancate del velivolo, e ci guardavamo in faccia da una fila all’altra, in rigoroso silenzio. Anche le comunicazioni radio che provenivano dalla cabina di pilotaggio erano ridotte al minimo: si sentiva soltanto il fruscio dell’aria sulle pale e il rumore attutito del rotore, quasi un battito soffuso.


A me sembra molto interessante, chissà il resto... Very Happy

Propongo una semplificazione qui sotto; ho tolto elicottero all'inizio, per un militare sono più ovvie le sigle. Per il lettore però l'avrei aggiunto subito dopo, per fugare dubbi. Ho tolto "scurissima", tanto era notte, mi sembrava più appropriato "strettissima" per valle, così eviti di parlare di montagne, sono sottintese, diciamo. Non mi piaceva, ma sono gusti, "seduti sui sedili", allora avrei messo rannicchiati, e in effetti sono scomodissimi, non guasterebbe secondo me. E poi i soldati massicci sono abituati alle scomodità... Very Happy
Poi avrei cambiato "attutito" con "silenziato", ci sono versioni di elicotteri da guerra che usano accorgimenti particolari. Con "silenziato" si potrebbe capire meglio che è intenzionale, vista la missione notturna.

E ovviamente, strainboccalupo... Very Happy


Citazione:

Era una notte di febbraio del 2002, temperatura 2°, e il sottoscritto, sergente Patrick Ryan da Bridgeport, Nebraska, stava con altri dieci compagni sul primo di due Black Hawk MH-60 che volavano a bassa quota in fondo a una strettissima valle, nella regione di Paktia, Afghanistan sud-orientale.
Rannicchiati sui gelidi sedili di metallo ai lati dell'elicottero, ci guardavamo in faccia da una fila all’altra in rigoroso silenzio. Anche le comunicazioni radio che provenivano dalla cabina di pilotaggio erano ridotte al minimo: si sentiva soltanto il fruscio dell’aria sulle pale e il rumore silenziato del rotore, quasi un battito soffuso.

_________________
Alberto Sodani

detto il paratattico, (da qualche parte, qui nel forum)
fatti non foste a viver come bruti...
Festina lente...
Top
Profilo Messaggio privato
Manzopc



Registrato: 01-01-1970 02:00
Messaggi: 330

MessaggioInviato: Mar 05 Giu 2012 15:39    Oggetto: Cita

Ragazzi, mi avete massacrato...
Scherzo, ovviamente! Tutte le osservazioni mi sembrano azzeccate, in particolare quella su "seduti sui sedili". Riguardo al "silenziato", devo dire che nella frase successiva, non inserita nell'estratto, si spiega appunto che l'elicottero è stato sottoposto a una procedura di "silenziamento".
Purtroppo temo che non leggerete il resto su Segretissimo, visto che il racconto non è passato. Magari da qualche altra parte, chissà...
Grazie comunque a tutti per i commenti e le sacrosante correzioni.
A presto.

Very Happy
_________________
Riccardo
Top
Profilo Messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   
Nuova discussione   Rispondi    Torna a Indice principale :: Torna a GRANDE INIZIATIVA WMI-MONDADORI Tutti i fusi orari sono GMT + 2 ore
Pagina 1 di 1

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuove discussioni in questo forum
Non puoi rispondere alle discussioni in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum